Aden, la seconda città più grande dello Yemen, lotta per riprendersi

Viaggio


Aden, la seconda città più grande dello Yemen, lotta per riprendersi

Contro ogni previsione, camminare nella seconda città più grande dello Yemen, Aden, è abbastanza sicuro. L'antica città cosmopolita è sopravvissuta negli ultimi anni a diversi conflitti; dagli attacchi delle milizie Houthi del nord nel 2015 agli scontri separatisti con le forze filo-governative all'inizio di quest'anno.

Eppure, mentre ci sono alcuni edifici e hotel danneggiati e le macerie lasciate dagli scontri, le cose sembrano, beh, normali.


L'ultima volta che sono andato ad Aden è stato due anni fa per entrare nella città di Taiz che era stata presa dalle milizie Houthi. All'epoca, l'aeroporto era chiuso e ogni tanto continuava a chiudersi in mezzo agli scontri perché la situazione politica non era stabile.

Asmaa Waguih per The Daily Beast

Lo Yemen in generale è stato travolto da una guerra civile e regionale dal settembre 2014, che viene spesso definita guerra nascosta, essendo così lontano dalle menti delle maggiori potenze e dei media. Di conseguenza il numero di turisti è sceso quasi a zero.

La mia guida ad Aden, Saly, 24 anni, è una giovane donna che ho conosciuto tramite un'amica. Mi ha portato nel quartiere più antico di Aden, Crater, un quartiere noto per il suo mix di architettura coloniale britannica e tradizionale yemenita. Passeggiando, il posto della città all'incrocio tra Africa e Asia è evidente dai volti misti nelle strade. Somali, indiani e persiani (iraniani) vivevano tutti qui. La città era un crogiolo che tollerava molte religioni e sette. Il numero di ebrei nello Yemen era di circa 100.000 prima degli anni '40.

Purtroppo, il conflitto degli ultimi anni è molto cambiato: estremisti salafiti e membri di al-Qaeda hanno distrutto una sinagoga ebraica e un tempio farsi che un tempo ospitava migliaia di fedeli. (L'Iran sta appoggiando le milizie Houthi che sono venute a controllare Aden nel 2015 per alcuni mesi fino a quando l'esercito meridionale appoggiato dalla coalizione non le ha cacciate).


Nei mercati, alcuni uomini camminano con i tradizionali sarong yemeniti mentre altri indossano pantaloncini o pantaloni. Molti uomini yemeniti non hanno un codice di abbigliamento, soprattutto in estate, grazie a un cocktail frizzante ad alta temperatura misto ad alto livello di umidità a causa dell'oceano. Le donne, invece, indossano un abaya tradizionale e molte (ma non tutte) indossano il burqa' (che copre il viso).

Aden è circondata dal Golfo di Aden, dal Mar Arabico e dall'oceano, e un tempo era uno dei porti più trafficati del mondo, come centro per i pescatori e per le navi che andavano in India. Ma le questioni amministrative e il successivo conflitto l'hanno vista perdere la sua rilevanza con l'ascesa di Dubai. La città è ancora notevole, tuttavia, per i suoi enormi mercati del pesce con tutti i tipi e dimensioni di pesce.

Saly e io abbiamo scelto di mangiare in uno dei ristoranti di pesce più famosi e più antichi chiamato al-Shira' (la Vela). Il ristorante sembra prendere la forma di una barca e si affaccia sul Golfo di Aden. Come la maggior parte dei grandi ristoranti dello Yemen, ha una sezione per le 'famiglie' dove normalmente le donne siedono con gli uomini o da sole, mentre nell'altra sezione troverai solo uomini. È vicino al mercato del pesce perché le persone possono scegliere di acquistare il tipo di pesce che preferiscono e chiedere al ristorante di cucinarli usando diverse ricette piccanti che hanno. Il nostro pasto fantastico è stato uno di pesce alla griglia delicato (non troppo piccante) che ha compensato la salsa piccante ma deliziosa dei gamberi. (Gli yemeniti possono mangiare cibi piccanti piccanti molto facilmente, io no.)

Asmaa Waguih per The Daily Beast

Nel 1839 la Gran Bretagna prese Aden e la escluse da Bombay, creando un moderno collegamento tra India e Yemen. I pellegrini musulmani indiani andrebbero anche in Arabia Saudita via Aden, motivo per cui gran parte della costa yemenita, non solo Aden, ha una cucina influenzata dalle spezie indiane.


Al-Sakran nella città vecchia serve uno dei tè con latte più popolari che si possono bere ad Aden. È un altro segno dell'influenza degli indiani, immagino, dal momento che è più popolare del caffè, che lo Yemen è sempre stato popolare per la produzione. Le ragazze volevano sedersi ai tavolini senza guardare la strada per non essere viste dalla clientela solitamente a maggioranza maschile. Ma ho insistito per rimanere al livello della strada, dichiarando: 'Dovremmo riportare Aden ai vecchi anni '70, dove i sessi si mescolavano di più'. Il proprietario è stato gentile e ci ha incoraggiato a fare più giri del tè al latte speziato. In generale, le persone ad Aden sembrano più aperte di come appaiono all'inizio.

Storicamente, Aden, era una base di attivisti e leader di movimenti e partiti politici, ora è la cosiddetta capitale del governo legittimo del presidente Abdu Rabu Mansur Hadi (che è riconosciuto dalla maggior parte dei governi stranieri) e una base per i movimenti' capi e comandanti militari. L'area di influenza di Aden è divisa tra il governo Hadi e il Consiglio di transizione meridionale, un'organizzazione fondata nel 2017 da alcuni membri del Movimento del sud (istituito nel 2007 durante il periodo dell'ex presidente Ali Abdullah Salih) che sta lavorando per la separazione del sud Yemen dal nord.

Aden era anche la capitale dell'unico Stato arabo governato dai comunisti, la Repubblica Democratica Popolare dello Yemen (1976-1990), un periodo che molti yemeniti ad Aden che ho incontrato desiderano ardentemente.

Il direttore dell'albergo dove alloggiavo in riva al mare a Khormaks e i suoi dipendenti parlavano dei bei vecchi tempi 'dove qualcuno poteva essere detenuto se barava sui prezzi', e dove le donne erano libere di mescolarsi con gli uomini, e non necessariamente coprire su. Al manager non piacevano le riserve fatte alle donne dopo l'unificazione.


'Ha portato vecchie tradizioni conservatrici dal nord', ha detto.

Ovunque si notano bandiere di quella che era la “Repubblica Democratica Popolare dello Yemen” o Yemen del Sud; attraverso i mercati e in diversi posti di blocco. È la stessa bandiera usata quando lo Yemen ha ottenuto l'indipendenza dalla Gran Bretagna. Consiste delle tre bande orizzontali rosse, bianche e nere uguali della bandiera della Liberazione araba con il gallone celeste accanto a una stella rossa. E' stato utilizzato ora dal Consiglio di Transizione che vuole essere di nuovo libero dal nord, accanto a residenti e sostenitori della separazione.

Altre persone invece pensano che sia meglio ridurre i conflitti e rimanere uniti.

Alcuni siti storici e turistici sono stati chiusi a causa dei recenti avvenimenti, tra cui il castello della fortezza Sira, per la sua posizione strategica che poteva essere utilizzato militarmente. Altri, come il museo militare, sono stati chiusi perché necessitano di manutenzione

Ho potuto tuttavia visitare le cisterne di Tawila, a sud-ovest del quartiere più antico di Aden. Un tempo erano una raccolta di circa 50 cisterne, di cui 13 ne rimangono. Sono stati costruiti almeno un millennio fa per raccogliere l'acqua piovana e proteggere la città dalle periodiche inondazioni. Oggi erano vuote per mancanza di piogge.

Molti giovani che ho incontrato sono frustrati da quello che vedono come un edificio statale in aree tradizionalmente destinate all'intrattenimento.

Asmaa Waguih per The Daily Beast

Ad esempio, la strada che porta alla famosa spiaggia di Goldmore che ho visitato con Saly e le sue amiche aveva una lunga coda perché il Consiglio di Transizione aveva la sua sede nelle vicinanze e quindi ora ha un importante posto di blocco.

A differenza del nord dello Yemen, famoso per l'artigianato tradizionale come pugnali e sciarpe colorate, il sud dello Yemen non è così tradizionale. Anche nelle celebrazioni, i pugnali non vengono usati dagli uomini come a Sanaa. Forse la cosa più significativa è che molti giovani che ho visto hanno usato invece la presa integrata nei loro parei per i loro smartphone.

Quindi, invece di acquistare artigianato turistico, ho comprato del famoso miele di Sidr, un miele fatto con il nettare degli alberi di Sidr nello Yemen. È generalmente uno dei tipi di miele più costosi al mondo e ha tutta una tradizione sulle sue qualità superiori.

Mi sono anche assicurato di comprare un sacco di caffè per i miei amici come regali. Per quanto mi riguarda, tuttavia, sono più simile al popolo Adani.

Preferisco il tè piccante.