'Alien: Covenant's' Katherine Waterston è qui per prendere a calci un serio xenomorfo

Intrattenimento


'Alien: Covenant's' Katherine Waterston è qui per prendere a calci un serio xenomorfo

Sir Ridley Scott ha confessato il suo terzo film nella serie che ha costruito,Alieno: Patto, “corregge” deliberatamente ciò che alcuni sentivano suo prequel del 2012Prometeo mancava. Volevi più dello xenomorfo, il mostro progettato da H.R. Giger nel suo capolavoro di fantascienza/body horror del 1979alieno? Hai capito, insieme a una serie di nuove mutazioni appuntite che esplodono da schiene, bocche e, naturalmente, petti umani. Volevi più sangue? Ecco, galloni, che cadono da viscere mutilate e teste mozzate. ('Faremo un film hard R-rated e avremo bisogno di molto chiaretto [sangue finto]', ricorda il produttore Mark Huffam come la 'prima linea' di Scott per la troupe.) E, bene, volevi un'eroina libero di girare a sinistra e a destra mentre corre per la sua vita? Incontra Daniels (Katherine Waterston), una terraformatrice, quarto comandante a bordo della nave colonizzatrice Covenant e successore della più grande sopravvissuta del cinema di fantascienza: Ellen Ripley.

Pattorichiama intenzionalmente ritmi familiari daalieno: I membri dell'equipaggio della nave, identificati solo dal cognome, si svegliano prematuramente dall'ipersonno dopo un misterioso disturbo. Un segnale lontano viene raccolto da una fonte sconosciuta, attirando il capo dell'equipaggio a cambiare rotta. Quel capitano, l'iperreligioso Oram (Billy Crudup), possiede un giudizio solido quanto il capitano Dallas dei Nostromo, vale a dire, il tipo prende ogni decisione sbagliata. Sul nuovo pianeta, terrori insondabili devastano l'equipaggio. E in mezzo al caos c'è una donna i cui avvertimenti precoci e inascoltati risuonano più forte a ogni macabra morte. Inalieno, quello era Ripley, che si rifiutò di far salire a bordo il Kane infetto in conformità con le procedure di quarantena, al diavolo gli ordini diretti del capitano. InPatto, è Daniels, messa bruscamente al suo posto per aver insistito con Oram che cambiare rotta è una cattiva idea.


MaPattonon è una copia definitiva del suo impeccabile predecessore, né Daniels è un clone di Ripley. (Noi abbiamo ne aveva già uno di quelli .) Mentre Ripley è stata presentata senza pretese sullo sfondo di una scena d'insieme, sorridendo tranquillamente—non dovresti sapere che è la protagonista all'inizio—Daniels diventa il nostro obiettivo quasi immediatamente. La sua tragedia si svolge prima di chiunque altro: è rimasta vedova all'istante, suo marito ( James Franco ) bruciato vivo all'interno della sua navicella dopo che un brillamento solare ha scosso la nave. La incontriamo mentre il suo viso è contorto dall'agonia, mentre urla e batte inutilmente sul vetro della sua capsula. Waterston infonde nel suo personaggio una toccante vulnerabilità da questo punto in poi, anche dopo aver iniziato a far esplodere gli alieni con i fucili d'assalto. Ma l'inizio dell'arco di Daniels in una perdita indicibile, dice Waterston, non la rende facile esca: inaspettatamente, e in modo abbastanza efficace, rafforza la sua volontà di sopravvivere.

'Serve a un tipo così particolare di tragedia ritrovarsi senza partner in una missione composta da coppie senza alcuna aspettativa di tornare sulla Terra', dice Waterston al Daily Beast mentre vaga per New York. “Ha in qualche modo intensificato la sensazione che le persone hanno quando perdono un partner comunque: ti senti solo. Quindi ho pensato che il suo coraggio inizialmente, quando le cose iniziano ad andare male, potrebbe in realtà derivare dalla sua mancanza di volontà di vivere se stessa. Può buttarsi nell'azione perché non ha più nulla da cercare di proteggere. Ma mi è sembrato che attraverso quel viaggio e queste esperienze di essere braccata, in realtà trovasse il suo desiderio di vivere di nuovo'.

Il ricordo di Joan DidionL'anno del pensiero magicoaiutato Waterston a incanalare il dolore di Daniels, dice - una frase risonante per lei: 'manca una sola persona per te e il mondo intero è vuoto' - come ha fatto Walker PercyLa seconda venuta, che l'ha aiutata a capire perché Daniels combatte così disperatamente per sopravvivere. Il protagonista suicida della storia di Percy ha una pistola puntata alla testa quando il proiettile vagante di un bracconiere colpisce improvvisamente il pavimento accanto a lui. In quel momento, come l'assediato Daniels, si sente improvvisamente di nuovo vivo e pronto a difendersi. 'Ho pensato molto a quella storia durante la realizzazione di questo film', dice Waterston. 'Anche in questi momenti in cui sei totalmente perso e non hai nulla per cui vivere, c'è un istinto umano di sopravvivere che sopraffà le emozioni umane in ogni modo'.

Ciò che Waterston si è sforzatononda tenere a mente, dice, è l'enorme influenza di leialienopredecessore, Ripley di Weaver. 'Capisco che è naturale che le persone confrontino impulsivamente qualsiasi cosa', dice, rassegnata. Naturalmente preferisce 'dare al pubblico qualcosa di nuovo' piuttosto che provare a replicare una performance già iconica. “Hanno già visto cosa ha fatto Sigourney, e l'ha fatto così bene. Per me, ho pensato, quanto fosse interessante vedere una donna diversa in un diverso insieme di circostanze, che ha a che fare con un'esperienza emotiva molto intensa al di fuori di questo attacco alieno'.


Lo stesso Scott non ha mai paragonato i film mentre dirigeva i suoi attori, sottolinea. 'Penso che fosse molto orgoglioso del suo primo film e delle fondamenta che ha posto per l'intero franchise', dice. “Ho pensato di più al cast [dialieno] in generale rispetto alla performance di Sigourney. L'intero cast ha alzato l'asticella per noi perché l'horror di quel film ha successo perché i personaggi si sentono reali e radicati'.

Non che Waterston, 37 anni, non 'ammiri totalmente' la prima eroina d'azione di fantascienza e il potere che la sua immagine detiene ancora nell'immaginazione del pubblico. 'È stato rivoluzionario', dice della sua prima volta che lo guardavaalieno. “Vedere una donna in quel ruolo, penso che probabilmente abbia influenzato in qualche modo ogni giovane donna che ha visto il film. Non so nemmeno come quantificare l'effetto che ha avuto su di me ora, ma penso che sia qualcosa con cui la generazione delle nostre madri non è cresciuta'. Ricorda di aver parlato di Ripley con amiche che crescevano, meravigliandosi che il ruolo fosse stato scritto neutrale rispetto al genere e poi interpretato come una donna: 'Le donne che rispondono in modo rapido, assertivo e chiaro di fronte alla crisi, assumendo il controllo e mostrando una forza sovrumana - penso in qualche modo allo stesso tempo mi ha fatto impazzire e sembrava totalmente corretto. Assolutamente ovvio e appropriato', afferma.

Come Ripley ePrometeoè la dottoressa Elizabeth Shaw (Noomi Rapace), Daniels inizia come un normale membro dell'equipaggio che scopre il proprio eroismo soprannaturale e la capacità di sopravvivere mentre gli orrori si dispiegano intorno a lei. La vita precedente di Daniels come terraformatrice (un giardiniere spaziale, essenzialmente, con il compito di rendere la nuova casa dell'equipaggio Covenant su Origae-6 abitabile per gli umani) è il motivo per cui non sembra mai abbastanza a suo agio con il suo fucile. 'Volevo non iniziare il film con i bicipiti sporgenti e con l'aria di poter affrontare una specie di orribile creatura aliena', afferma Waterston. Gli attori di un campo di addestramento militare a cui hanno partecipato avrebbero dovuto insegnare a ciascuno di loro come maneggiare le armi in modo professionale. Waterston non ha mai capito completamente: questo era il punto. 'Questi ex militari dicevano: 'Lo stai considerando in modo errato'', ricorda, 'e ho pensato, 'Va bene. Non voglio farlo correttamente. Voglio farlo disperatamente e d'istinto.'”

Ecco perché Daniels afferra un piccone, tra tutte le cose, mentre sta per affrontare un potente xenomorfo mortale in cima a una nave da sbarco durante il volo. La nave ondeggia e ondeggia sopra la superficie del pianeta dove l'androide David ( Michael Fassbender ) è stato abbandonato per 10 anni, lanciando Daniels in giro come una bambola di pezza. Con quel piccone, si aggrappa, pugnalando la superficie metallica della nave e dondolandosi di nuovo in piedi. 'Volevo incorporare il tipo di abilità e fisicità che potrebbe già avere', spiega Waterston. 'È stato stabilito presto che è all'aria aperta, quindi ho chiesto a Ridley se potevo usare il piccone, come se stessi cercando di rompere la mia caduta sul ghiaccio. È stato divertente per tutti gli attori trovare il modo di esprimere i dettagli sui loro personaggi anche all'interno di quei momenti intensi di pura azione'.


A seguito diPrometeo,Pattopotrebbe essere l'affermazione più schiacciante di Ridley Scott sul tema della fede cieca sulla ragione o, come la esprime Waterston, la forse 'visione egoistica che gli umani sono figli di Dio'. Il capitano Oram considera il pianeta apparentemente ospitale di David come una manna dal cielo divina, un paradiso quasi biblico per il suo equipaggio di ambasciatori dell'umanità. Si è rapidamente smentito. Daniels non sembra condividere le convinzioni religiose di Oram e lo ha avvertito di non deviare la rotta fin dall'inizio, ma lei non lo nega. 'Non credo che il film dica che è idiota avere fede', Waterston dice, 'ma ho sentito che era il punto cruciale della discussione tra Daniels e Oram: è pericoloso credere che siamo gli unici là fuori.'

David, nel frattempo, interpreta lo scienziato pazzo con DNA alieno, creando la vita anche se rifiuta il suo stesso creatore, l'anziano Peter Weyland. Per lui, la fragilità di Weyland è la prova della debolezza dell'umanità nel suo insieme; lo disgustiamo, anche se continua ad evolversi e a diventare più idiosincraticamente umano. Il contrasto è più netto quando David incontra Walter (interpretato anche da Fassbender), un modello sintetico più recente che gli assomiglia ma non ha la capacità di creare o provare emozioni complicate, tranne, stranamente, la lealtà verso Daniels. David spiega a Walter che ciò che prova per lei è amore; Walter ribatte che proteggerla è semplicemente il suo 'dovere'. È uno scambio affascinante, emblematico delle idee al centro diPattola piacevole visione del mondo nichilista.

È anche, ovviamente, un po' inquietante: 'Non è troppo lontano il giorno in cui due robot dicono: 'Andiamo a parlare in privato, siamo molto più intelligenti di queste persone che ci hanno creato'', dice Waterston con una risata nervosa . L'ascesa dell'intelligenza artificiale nella tecnologia del mondo reale la fa riflettere. “Se non vogliamo diventare l'animale domestico di famiglia, dobbiamo mettere in atto alcune regole serie. È spaventoso quanto l'idea di un alieno, sai?'