'Bad Moms Christmas' è un capolavoro comico

Intrattenimento


'Bad Moms Christmas' è un capolavoro comico

Natale delle cattive mammeè un capolavoro.

Amici tra le braccia armate di bicchieri di vino, è solo in parte per scherzo.


Pochi film sanno esattamente cosa vuole il suo pubblico da esso tanto quanto questo sequel della commedia volgare e sdolcinata Moms Go Wild (E impara a conoscersi durante il processo) della scorsa estate. Inoltre, pochi film offrono la stessa soddisfazione di questo gioco a tema festivo: dacci la cattiveria che fa arrossire dal primo, ma cospargilo alcuni Babbo Natale nudi in cima.

Il seguito del successo a sorpresa dell'anno scorso non si confonde troppo con la formula. L'anno scorso è stato mila Kunis , Kristen Bell , e Kathryn Hahn nel ruolo di mamme sopraffatte che si ribellano agli standard impossibili del culto del PTA. La vita sulla ruota del criceto che tenta di tenere il passo con i Jones è troppo estenuante e non ce la faranno più.

Stappano qualche bottiglia, lanciano qualche dito medio alle mamme tese che le hanno fatte sentire piccole e, dopo una sbornia, scoprono cosa significa veramente essere una madre per loro. Per tutte le parole di quattro lettere del film, finisce con un aww.

Le recensioni erano decisamente tiepido , ma gli incassi al botteghino erano attraverso il tetto .Mamme cattiveha incassato quasi $ 200 milioni con un budget di $ 20 milioni, rendendolo uno dei film più redditizi dell'anno. Gli esperti eranoscioccato. Chiunque viva in America, specialmente le mamme, non lo era.


EraMamme cattivesciocco e innocuo divertente? Decisamente. Ma ha anche attinto a qualcosa sia estremamente presente nello zeitgeist che inesplorato nella cultura pop: l'incessante e insidiosa richiesta alle madri di avere tutto, anche se deridiamo l'intero concetto di avere tutto. IlMamme cattivecredo: Invece, dì 'fanculo' a tutto.

Non è stato un colpo dormiente, come è stato chiamato. Ha svegliato un pubblico disperato di vederne altri simili. E prevediamo che, come i bambini svegli tutta la notte alla vigilia di Natale, sono ancora svegli ad aspettareNatale delle cattive mammeconsegnare.

Questo Natale, otterranno esattamente quello che volevano. E questo per dire 'fanculo' anche alle ridicole aspettative che circondano le vacanze.

Questa volta, Amy di Kunis, Kiki di Bell e Carla di Hahn sono tormentate dalle pressioni esercitate su di loro per organizzare il Natale perfetto quando le loro madri rispettivamente prepotenti visitano durante le vacanze.


Christine Baranski, Cheryl Hines e Susan Sarandon interpretano le mamme. Sono gloriosi.

La Ruth di Baranski è tutto ciò che Amy ha rimproverato nel primo film: la donna ossessionata dal mantenere le apparenze, che fa vergognare anche sua figlia quando non lo fa. I cliché abbondano - non abbiamo mai detto che questo film reinventa la ruota della commedia - con Ruth che fa commenti passivo-aggressivi sui capelli, il peso e la cucina di Amy.

Scambia il nuovo fidanzato di Amy, Jessie di Jay Hernandez, per un aiuto assunto (e, in una delle migliori gag ricorrenti del film, non ricorda mai di averlo incontrato). Ruth offre anche la mia nuova masterizzazione preferita di tutti i tempi (edizione natalizia): 'Chi sapeva che Rite Aid vendesse decorazioni natalizie?'

Intrattenimento STX

Christine Baranski lanciare insulti dispettosi è il suo piacere per le vacanze, e lei lo obbliga quasi ogni volta che entra ed esce da una scena. (Al suo affettuoso marito, quando lui la indebolisce: 'Giuro su Dio, Hank, ti ​​accompagnerò alla caserma dei pompieri e ti lascerò lì.')


Dopo averlo visto ora, non sappiamo come vivevamo prima di vedere Baranski pronunciare la parola 'cazzo' 10 volte in 30 secondi, ma siamo migliori per questo. Baranski, da parte sua, assapora ogni momento del tempo sullo schermo, sia che si diverta con una tiara da principessa che canticchia i canti di Natale o che tolga gli strati più emotivi del perché è così com'è, allontanando ogni traccia della caricatura di Evil Momzilla.

La definiremmo una performance eccezionale se i suoi colleghi non fossero così fantastici.

Cheryl Hines dà una performance studiatamente strana nei panni della madre eccessivamente attaccata di Kiki, che indossa un pigiama con la faccia di Bell, si taglia i capelli per abbinarli ai suoi e ha evidenti problemi di confine. E come una nonna fumatrice e bevitrice di fiaschette di nome Isis che non riesce a ricordare il nome di suo nipote, la performance di Susan Sarandon è così sulla commedia di fine carriera Susan Sarandon che l'avresti accusata di aver telefonato, se ogni riga non fosse stata consegnata alla pura perfezione.

(Quando il personaggio di Baranski si presenta come Ruth, 'come Bader Ginsburg', il personaggio di Sarandon si presenta come Iside, 'come...' Beh, lo sai.ululato.)

È un film che esiste per quasi il 40 percento in montaggi e spunti musicali, ed è onestamente dove la maggior parte del trio originale di Kunis, Bell e Hahn è relegato in questo giro. Tuttavia, tutti si stanno divertendo, incluso il pubblico.

Non è mai più vero di quando Carla di Hahn ha il suo incontro carino con un Babbo Natale che si spoglia interpretato daQuesti siamo noi's Justin Hartley (che mostra una sicurezza comica sorprendente, insieme a quegli addominali caratteristici). Lei lavora in una spa. Viene a farsi cerare le palle da cartone animato. Mai una scena così romantica ha incluso così tanti esempi della parola 'contaminazione'. La donna accanto a me era in iperventilazione dalle risate.

Natale delle cattive mammeè una commedia ampia nella sua forma più ampia. È il tipo di film in cui potresti certamente trovare dei difetti—il dialogo è poco ispirato, la trama certamente prevedibile e l'epilogo banale come l'inferno—ma dovresti essere un mostro per non vedere il suo ovvio valore di intrattenimento, per non parlare del tipo di pubblico a cui parla direttamente.

A metà del film, Wanda Sykes, che interpreta una terapista, ha un monologo sul prezzo che una madre assume per una donna che ha fatto gridare udibilmente i membri del pubblico in accordo. Il dialogo sull'onere e la sottovalutazione della maternità è incredibilmente arrogante. Anche se spesso viene consegnato con una manciata di bombe-f o oh-no-non hanno fatto battute volgari, è proprio questo il punto. Ecco perché è soddisfacente: catarsi attraverso Kathryn Hahn che non gliene frega un cazzo.

È come un'intera versione cinematografica di Megyn Kelly che parla di cosa vuol dire essere una madre e le chiedeOggimostrare al pubblico che è d'accordo. Tutti diligentemente ma tiepidi alzano le mani in aria. Ma poi Kathie Lee e Hoda si presentano dietro di lei con una cassa di Pinot e gridano: 'Ho ragione, signore?' e tutti impazziscono. A volte, siamo alla disperata ricerca del permesso di scatenare il cazzo, di avere unNatale delle cattive mamme. Forse Hollywood lo sta finalmente capendo.

L'anno scorso ha visto successi 'a sorpresa' daFigure nascosteeMamme cattive, mentreRogue Oneha superato la classifica al botteghino. Quest'anno ha visto reazioni sbalordite simili agli incassi perviaggio per ragazzee i record stabiliti daLa bella e la bestiaeWonder Woman. È quella cosa che fa girare gli occhi alle attrici di Hollywood quando le chiedono ogni volta che succede, perché succedetutto il tempo: Alle donne piace andare al cinema con protagoniste donne, sulle donne, e che sono divertenti per le donne. Non è certo un mistero.

Eppure è ancora trattato come tale. Per un'ulteriore prova del fatto che Hollywood meriti carbone nelle sue calze, Kunis, Bell e Hahn, in un'intervista con ilLos Angeles Times , ha rivelato che, nonostante l'originaleMamme cattive' successo al botteghino, sono stati sostanzialmente imbrogliati quando hanno cercato di aumentare le loro quotazioni per il sequel.

E cosìNatale delle cattive mammediventa improvvisamente questo inaspettato banco di prova per l'industria: un film che attinge alla conversazione sulle opportunità di genere sullo schermo (l'età media delle sei protagoniste femminili è 50), un pubblico svantaggiato demografico e l'equità retributiva a Hollywood.

Francamente, quando Kathryn Hahn ti fa ridere così tanto, dalle tutti i soldi.