Bannon, Trump e gli insorti stanno vincendo, per ora

Politica


Bannon, Trump e gli insorti stanno vincendo, per ora

Nove mesi dopo un'invasione armata del Campidoglio sinistra membri del Congresso rannicchiati negli armadi , gli insorti stanno vincendo la battaglia per chiedere loro conto.

Non guardare oltre Steve Bannon , presto disprezzato per aver trattato un mandato di comparizione del comitato ristretto che indagava sull'attacco come un invito a una festa in giardino che non poteva rifiutare così rispettosamente. Sta fischiando il naso con la legge e giocando con le probabilità di poter giocare contro il tempo.


In questo, ha un modello di ruolo singolare nel suo vecchio capo, Donald Trump , che ha legato centinaia di piccoli uomini d'affari in tribunale per anni fino a quando non hanno ceduto sotto una valanga di mozioni fastidiose o hanno cessato l'attività, o entrambe le cose.

E c'è l'esempio di coloro che sono venuti a lavorare per Trump e hanno imparato l'arte del suo accordo, come l'ex consigliere della Casa Bianca Don McGahn. Ha resistito a un ordine del tribunale del 2019 di testimoniare davanti al Congresso fino a quando Trump non si è abbronzato in Florida. A quel punto, a McGahn fu permesso di dare una testimonianza limitata a porte chiuse che ebbe l'effetto previsto, che era nessuno.

La resistenza di McGahn solleva la domanda allettante che si lega alla banda di Trump: sono sempre stati degli schernitori o sono diventati così sotto la sua influenza? McGahn era entrambi. Sapeva in cosa si stava cacciando; aveva due zii che lavoravano nei casinò di Trump, uno dei quali Trump ha citato in giudizio per presunta sovrafatturazione. Se quello non era un indizio su cosa si stava cacciando, quale sarebbe?

Per la sua passeggiata sul lato selvaggio, il personaggio di McGahn ha avuto un successo, ma non la sua modesta carriera. Ha finito per esercitare il suo mestiere nella sua vecchia azienda, Jones Day, famosa per aver rappresentato personaggi come Oligarca russo Oleg Deripaska, la cui villa di Washington è stata perquisita dall'FBI martedì scorso. Steve Mnuchin, un altro degli abili evasori di Trump il cui carattere si è ulteriormente deteriorato durante il suo servizio, ha usato la sua posizione per far revocare le sanzioni contro il burattino di Putin, ma senza successo.


Oltre a Bannon—che non era nemmeno un membro dell'amministrazione dopo essere stato licenziato come capo dello staff per essersi vantato troppo e aver tradito Michael Wolff—Trump ha anche detto ad altri tre aiutanti di annullare le citazioni in giudizio: il ghostwriter di Twitter e il golf caddy Dan Scavino, l'adulatore di Devin Nunes è diventato consigliere della Casa Bianca per l'Ucraina Kash Patel e l'ultimo capo di gabinetto sopravvissuto, Mark Meadows.

La risposta predefinita di tutte le trombe è l'ostruzionismo, indipendentemente dall'accusa, dalle prove incontrovertibili o dai nastri: c'è quasi sempre un nastro. Roger Stone, che praticava l'omertà da anni, si aspettava e ricevette un perdono, ma la maggior parte si rese conto che se avessero saputo cosa era bene per loro, avrebbero tenuto la bocca chiusa.

Corey Lewandowski, che è arrivato nell'orbita di Trump nel 2014, è diventato rapidamente famoso per aver prima oscillato e poi fatto domande, ed è stato persino accusato di batteria dopo aver malmenato un giornalista che ha posto a Trump una domanda che non gli piaceva. Ha fatto il lavoro sporco di Trump per cacciare il procuratore generale Jeff Sessions, prima di ostruire il comitato giudiziario della Camera in un atto di palese disprezzo. Trump amava così tanto Lewandowski che lo mise a capo del suo PAC prima di mettere il delinquente sul ghiaccio dopo essere stato accusato di aver toccato in modo inappropriato non solo chiunque, ma un ricco donatore. Non va bene per gli affari. Secondo quanto riferito, Lewandowski ha quindi cercato di spremere un pagamento a sei cifre da Trump in cambio di una mossa silenziosa.

Annuncio pubblicitario

Michael Nigro / Pacific Press / LightRocket via Getty

Ci piace pensare diversamente, ma mentre era in carica, Trump e la sua squadra erano al di sopra della legge. I Padri Fondatori non immaginavano un fuorilegge, la cui carriera fosse costruita sullo stare un passo avanti allo sceriffo, alla Casa Bianca. Né che la sua truffa e le sue bugie continuerebbero oltre il suo mandato fino al punto in cui più della metà del suo partito pensa che sia presidente.


Il nostro sistema di governo non fa distinzione tra un cattivo presidente e uno buono, gli enormi poteri dell'ufficio corrono verso entrambi, compreso il comando dei codici nucleari, una bolla di vantaggi che farebbe comodo a un re, protezioni come il privilegio esecutivo, che è il sogno di un bugiardo cronico e l'immunità dall'accusa.

L'impeachment è una guerra asimmetrica, un coltello in uno scontro a fuoco. In caso contrario, Trump sarebbe stato processato e condannato dopo il suo primo vertice a Helsinki quando ha affermato di fidarsi di Vladimir Putin più che del suo stesso governo. È stato più o meno lo stesso quando questa settimana ha ballato sulla tomba del generale Colin Powell, le cui lucide scarpe nere non è adatto a lucidare.

Quanto a Bannon, è solo un pesciolino, significativo solo perché la sua accusa di disprezzo mostra che il comitato è disposto a farsi strada nella catena alimentare. Per tutto quello che è successo, nessun grosso pesce, inclusa la grande balena bianca di Mar-a-Lago, ha dovuto pagare per i suoi crimini contro l'umanità. In questo, sono aiutati da ampi fondi di difesa legale, avvocati senza scrupoli, tattiche che bloccano la palla e un procuratore generale a Merrick Garland che, come il consigliere speciale Robert Mueller, rispetta le regole di un tempo. Ovviamente non l'ha fatto, ma dovrebbe ricordare che se i repubblicani rispettassero qualche regola sarebbe Justice Garland, non AG Garland.

Perso nel dramma di Bannon c'era lo stesso Trump, privato del privilegio esecutivo, costretto a testimoniare sotto giuramento per la prima volta questa settimana. È stato deposto in una causa in cui i querelanti sostengono di essere stati feriti dalle guardie di sicurezza che stavano effettuando un giro di vite sui manifestanti che abbassavano i valori delle proprietà di fronte alla Trump Tower nel 2015. La sua spiegazione di quello che è successo, quindi aiutalo Dio, è ora agli atti da confrontare con quello dei suoi dipendenti. Se andrà in tribunale, a chi crederà la giuria: le guardie probabilmente stanno facendo ciò che gli è stato detto sotto la minaccia di essere buttate sul marciapiede o l'ex presidente, un prevaricatore cronico, che ha mentito su tutto, dalla dimensione della sua folla inaugurale a Il COVID-19 non è peggio dell'influenza per il suo attuale whopper su come staancorail presidente di diritto?


Annuncio pubblicitario

Questa non sarà l'ultima volta che Trump testimonierà se Liz Cheney persiste, Garland si rende conto dell'entità dell'illegalità e i leader repubblicani intimoriti vedono che il riscatto che Trump ottiene per non inginocchiarsi aumenta di ora in ora. Arriverà il momento in cui verrà chiesto all'ex amministratore delegato del Paese,Cosa sapevi e quando lo sapevi? È stato prima che i tuoi seguaci facessero un giro nei tunnel del Campidoglio, prima che i 'turisti' ordinassero magliette dell'insurrezione che celebravano la MAGA Civil War 6 gennaio 2021 indossare alla furia, prima che i piani fossero su tutti i social media?

Prima di rispondere, signor Trump, la corte desidera ricordarle che il significato diprima dinon è oggetto di discussione, e che sei sotto giuramento.