Ben Foster sulla sua educazione 'culty' e sulla ricerca della felicità: 'Mi sento davvero vivo'

Intrattenimento


Ben Foster sulla sua educazione 'culty' e sulla ricerca della felicità: 'Mi sento davvero vivo'

Ben Foster potrebbe essere il primo attore a cancellare attivamente, con entusiasmo, le proprie battute da una sceneggiatura.

lui e regista Debra Granik ha attraversato ilNon lasciare tracciasceneggiatura 'compulsivamente' prima delle riprese umide del film nelle foreste di Eagle Fern Park fuori Portland, in Oregon, e ha messo una linea rossa attraverso tutto ciò che il suo personaggio non aveva bisogno di dire. Quel personaggio, Will, è un veterano di guerra che soffre di un paralizzante disturbo da stress post-traumatico che lo spinge a spogliare la sua vita di tutti gli averi, lussi e discorsi errati mentre alleva la sua giovane figlia Tom (Thomasin McKenzie) fuori dalla griglia, da sola nei boschi.


Durante la preparazione, Foster ha indicato una riga chiave della sceneggiatura a Granik, il quale la famosa regia di Jennifer Lawrence alla sua prima nomination all'Oscar in 2010L'osso dell'inverno . Will e Tom sono al supermercato e Tom vuole comprare una barretta di cioccolato. 'È un desiderio o un bisogno?' le chiede. 'Ho detto, questa è la chiave per Will', ricorda Foster.

Quando ci incontriamo con Foster all'inizio di novembre, sta facendo un breve sprint di stampa per sollecitare la considerazione dei premi perNon lasciare traccia, che è stato rilasciato questa estate tra i rave, in particolare per la performance tranquilla ma sismica di Foster come padre intrappolato tra il suo stile di vita imposto dal trauma e facendo ciò che è meglio per sua figlia. La sceneggiatura, anche prima che lui e Granik ci provassero con un seghetto, era scarna. Ridiamo dell'umiltà del raro attore nel preferire una performance data in sguardi silenziosi e linguaggio del corpo, piuttosto che grandi momenti di dialogo.

Ma parla anche di quanto Foster abbia imparato dopo due decenni di attività. Sa cosa funzionerà.

'Se io e Thom ci ascoltiamo fisicamente, allora forse potremmo cavarcela senza avere quel monologo del terzo atto', dice. “Quando la lacrima scende proprio nel punto giusto e si ingrandisce con il punteggio. Forse non ne abbiamo bisogno. Vediamo cosa possiamo cavarcela. E tutti erano al gioco'.


Non che Foster non abbia mai recitato quei monologhi prima, o, come dice, non 'scalerà gioiosamente quella montagna' di nuovo in futuro. Ha avuto una carriera che ha attraversato programmi TV (Flash in avanti,Sei piedi sotto) e blockbuster per il grande schermo (X-Men: L'ultima resistenza). Ha affinato una reputazione negli ultimi anni per una certa intensità e impegno intenso, ottenendo prestazioni straordinarie in Inferno o acqua alta , Il Messaggero , 3:10 to Yuma e Non sono quei corpi santi? .

È il tipo di attore che è rimasto un enigma allettante mentre accumulava un lungo curriculum, nella tradizione degli 'attori seri' più apprezzati del settore. Non è che non sia stato nei notiziari, sia per la sua vita personale— era fidanzato , due volte , a Robin Wright; ora è sposato con Laura Prepon -o, più spesso, facendo notizia per l'estrema preparazione del metodo che ha fatto per i ruoli. lui notoriamente ha assunto sostanze dopanti per interpretare Lance Armstrong inIl programma, si è perforato un dente perInferno o acqua alta, mangiato manciate di terra durante le ripreseSopravvissuto Solitario, e dormito per strada prima di interpretare un senzatetto inBastione.

Fedele alla forma, ha effettivamente costruito il campo in cui vive il suo personaggioNon lasciare traccia. Prima delle riprese ha imparato tutto: come raccogliere l'acqua; come fare un pozzo del fuoco; come 'disporre', che è trovare risorse per il cibo commestibile; e come leggere gli uccelli, perché, dice, 'sono i pettegolezzi della foresta: sanno cosa sta succedendo'.

La verità è che c'è qualcosa che ti fa sentire diversoNon lasciare traccia, sia dal punto di vista di un estraneo che per lo stesso Foster, sembra speciale, come se fosse un momento.


In un pezzo programmato per l'uscita del film a luglio, Avvoltoio si chiedeva se il film è stato 'il nostro primo sguardo al vero Ben Foster', arrivando al punto di chiedere se è 'il miglior attore che non è mai stato nominato per un Oscar?' Ma va al di là di una prestazione notevole. La realizzazione di questo film è stata più personale per l'attore 38enne rispetto alla maggior parte, se non tutti, dei suoi progetti precedenti.

L'opportunità di continuare a esplorare come il trauma della guerra colpisce i veterani era importante per lui, continuando quello che 'sembrava un trittico, o il modo in cui alcuni artisti hanno periodi musicali o pittorici' dopo aver interpretato i militari inIl Messaggero,Sopravvissuto Solitario,Bastionee sul palco inUn tram chiamato desiderio.

Impegnarsi in questo personaggio di un survivalista che vive nella foresta ha innescato un po' di riflessione sul suo tempo in cui è cresciuto nell'Iowa rurale, dove i suoi genitori lo hanno cresciuto in una comunità di meditazione trascendentale. È un'educazione che descrive come 'naturalmente strana' e che ha avuto un impatto complicato, ma alla fine formativo su di lui. Ma è anche uno che ha informato il suo amore per stare all'aperto 'vicino agli alberi', che ha apprezzato durante le riprese.

Più potentemente, ha scoperto che lui e Prepon si sarebbero aspettati il ​​loro primo figlio insieme proprio prima di girare. Ella è nata lo scorso agosto.


“Ha cambiato tutto”, dice. «O ha semplificato tutto. Distillato tutto è probabilmente la parola giusta. Dice che il tempismo del progetto non avrebbe potuto essere migliore. Prepon è andato con lui in Oregon per le riprese, però, 'mia moglie non ama la pioggia', ride. “Lei è tipo, portaci fuori di qui, cazzo. È bello, ma è cupo».

La sua presenza, e quella della figlia che stavano aspettando, è diventata parte del suo processo durante le riprese. 'Di notte mettevo le mani sulla grande pancia di mia moglie e sentivo nostra figlia che le prendeva a calci piccoli calci sulla pelle', dice. “In realtà avevamo un dispositivo da montare in modo da poter sentire il suo battito cardiaco. Lo ascolteremmo prima di andare a letto. Poi la mattina mi alzavo presto, andavo nei boschi piovosi e guardavo questo essere, questa giovane donna [il personaggio di McKenzie] trovare la sua strada e rimanerne così impressionato'.

Granik fa molte cose magistralmente con la sua direzione diNon lasciare traccia-incanalare i sentimenti privati ​​di Will mentre lotta su come allevare sua figlia principale tra loro. Ma c'è qualcosa di viscerale nel modo in cui racconta il freddo impregnato d'acqua della vita nelle foreste dell'Oregon. Senti il ​​freddo quando guardi. Gli elementi estremi sono quasi tangibili. Per Foster, però, lo erano davvero. Era liberatorio.

'Ho davvero trovato una grande guarigione con gli alberi', dice. Lui e Prepon attualmente vivono a Manhattan. Rabbrividisce quando ricorda una vita precedente, più di 10 anni fa, vivendo in quello che chiama 'L'altro posto': Los Angeles. 'Quando vivevo in The Other Place, avevo momenti in cui sentivo che dovevo uscire ed era sempre con un'idea, che è andare a nord', dice. “Ho bisogno di stare intorno a un albero. Quindi mi ritroverei a dover guidare alle 2:30 del mattino. Salta in macchina e vai a finire a Big Sur o Marin vicino ai boschi, e vai a stare con loro.

Un breve factoid di Wikipedia menziona che Foster è nato a Boston, ma si è trasferito con la sua famiglia nell''Iowa rurale' quando aveva 4 anni dopo che la loro casa è stata derubata. Ci siamo chiesti come quell'educazione abbia contribuito a quel senso di sicurezza che aveva nella natura e al suo rapporto conNon lasciare tracciae comprensione della Volontà.

Bleecker Street

'Informa il lavoro nel modo in cui mi piacciono i grandi spazi aperti', dice. “Mi piace stare vicino all'acqua. Mi piace stare vicino agli alberi'. Ma più sorprendentemente, spiega che il suo tempo a Fairfield in realtà lo ha aiutato a capire una parte diversa dell'esperienza di Will: essere devoto a credenze o a una pratica che gli altri hanno difficoltà ad avvolgere la testa o non sono in grado di capire. Per Will, è crescere una figlia nel deserto, tagliata fuori dalla società; per Foster, viene allevato in una comunità descritta come ' La Mecca della Meditazione Trascendentale d'America . '

'È una città curiosa che merita più attenzione e una conversazione più lunga, basata sulla comunità di meditazione trascendentale in cui erano coinvolti i miei genitori', dice. 'Non ne parlo molto sulla stampa'. È vero. Lui e Prepon, che è stato collegato a Scientology, sono costantemente riservati riguardo alle loro convinzioni. 'Ma me lo stai chiedendo.'

Sulla costa orientale, suo padre era un insegnante di MT e sua madre una receptionist. 'Erano tipo, c'è questa città che alleverà bambini evoluti e mediterà due volte al giorno, questa vecchia tecnica, e si chiamerà Fairfield', dice Foster. Quindi all'età di 4 anni, Foster ha iniziato a meditare. Dice che era una scuola normale, a parte i 20 minuti al mattino e i 20 minuti al pomeriggio destinati alla meditazione silenziosa.

'C'erano alcune cose che erano naturalmente strane', dice. 'Culty, di sicuro.' Ha smesso di praticare a un certo punto da adulto, in parte come ribellione, in parte perché non gli piaceva svegliarsi prima dell'alba. Ma ora è tornato a prendersi quei 20 minuti al mattino 'di centratura, così posso solo ascoltare i miei pensieri durante il giorno'.

Capisce che quando ne parli casualmente che 'sembra inquietante' e potrebbe essere percepito come stravagante. Ma lui mi volta le spalle e mi chiede se c'è qualcosa che faccio per schiarirmi le idee durante il giorno, come l'esercizio. Certo, a volte corro. È meditativo, dice.

'Penso che chiunque abbia una pratica, ci sia abbastanza scienza dietro questo per dire che è buono per te e ti fa sentire bene ed è riparatore', dice. “In un mondo molto pazzo con un sacco di falsa urgenza e slancio fabbricato, puoi stare tranquillo dentro e praticarlo, che si tratti di sport o camminare, disegnare, qualcosa: respirare, praticare la consapevolezza, qualunque sia il tuo affare. Penso che sia una grande cosa. Quindi presumo che questo sia ciò a cui penso per Fairfield'.

A seguito diNon lasciare traccia, è stato in grado di trascorrere un anno e mezzo a casa allevando Ella, cambiando i pannolini e facendo il papà. Quando avremo finito di parlare, tornerà a casa per trascorrere un po' di tempo con la sua famiglia prima di partire il giorno successivo per Praga, dove sta girando un progetto ad alto budget chiamatoMedievale. Ma dice che finalmente si sente sistemato e grato per tutto questo.

'È davvero bello perdere qualcuno', dice. “Mi manca la mia famiglia quando non sono con loro. Mi sento abbastanza sistemato. Penso di essere stato piuttosto scontroso per molto tempo. Sai, la malattia del giovane di tutto questo. Mi sento davvero vivo in questo momento, se ha senso. È bello avere un lavoro, ma mi manca la mia famiglia quando non sono con loro. Quindi oggi si sente davvero bene. Torniamo al duro domani'.