Johnson & Johnson può semplicemente scaricare il suo talco per bambini razzista e cancerogeno?

Politica


Johnson & Johnson può semplicemente scaricare il suo talco per bambini razzista e cancerogeno?

Il 12 ottobre, Johnson & Johnson ha annunciato che la ristrutturazione aziendale aveva creato una consociata 'separata' denominata LTL Management LLC per il suo talco e altri prodotti a base di talco. Circa 48 ore dopo, il colosso sanitario dichiarò che la sua nuova divisione aveva ' ha presentato istanza di protezione fallimentare volontaria secondo il capitolo 11 .” Un annuncio stampa della società sulla petizione ha osservato che 'Johnson & Johnson e le sue altre affiliate non hanno presentato istanza di fallimento' nonostante le affermazioni di casse vuote al suo spin-off.

Perché J&J, uno del mondo più redditizio conglomerati multinazionali, con una stima valore di oltre 400 miliardi di dollari , bisogno di invocare la povertà per conto di una delle sue proprietà? La risposta breve sembra essere quella di evitare di pagare potenzialmente decine di miliardi a parti in causa che affermano che J&J ha venduto consapevolmente talco contenente amianto cancerogeno .


'Queste donne contano sul nostro sistema giudiziario per ascoltare i loro casi, per dare loro la possibilità di presentare i fatti, parlare della scienza e parlare dei danni che stanno soffrendo', Rep. Katie Porter (D-CA ) Dimmi. “Quello che stiamo vedendo è un'enorme società che gioca con il sistema legale per chiudere le porte del tribunale a queste vittime. Stanno lasciando i beni, le risorse, il reddito in una società e stanno mettendo le loro passività, i loro debiti in un'altra società. E questo è problematico perché significa che le vittime non hanno modo di essere pagate per i danni causati dall'azienda. E questo, purtroppo, non è nuovo. Ma questo è particolarmente eclatante. C'è un modo molto, molto sfacciato in cui questo è stato fatto'.

Porter, una professoressa di ruolo che ha insegnato diritto fallimentare dal 2004 fino alla sua elezione alla Camera nel 2019, ha spiegato che J&J sta usando uno stratagemma aziendale collaudato noto come 'Texas Two-Step'. Le leggi dello stato di Lone Star consentono alle aziende di dividere una parte della loro attività e dichiararla un'entità separata, scaricare le responsabilità illecite affrontate dalla società madre sulla nuova filiale, quindi presentare istanza di fallimento per mettere un freno al contenzioso e limitare i loro potenziali pagamenti a ricorrenti, il tutto svolgendo diversamente gli affari come di consueto.

J&J, che ha sede nel New Jersey ma ha presentato istanza di Chapter 11 in Texas, dice come parte di 'il suo impegno a risolvere i casi di talco cosmetico', 'stabilirà un trust da $ 2 miliardi' per gli accordi che LTL Management è condannato a pagare. Ma ci sono una stima 38.000 cause legali ancora in sospeso, e in un singolo caso del 2018, J&J è stato ordinato pagare 4,7 miliardi di dollari . (J&J ha fatto appello fino alla Corte Suprema degli Stati Uniti, che ha rifiutato di accettare il caso. L'accordo è stato infine tagliato a 2,1 miliardi di dollari in un tribunale di grado inferiore, ancor più da solo delle promesse partecipazioni del trust LTL.)

Sulla scia dell'annuncio di bancarotta da parte di LTL, Porter è andato su Twitter per chiamare il gioco di conchiglie aziendale della società, scrivendo: 'J&J sapeva che l'amianto allacciava alcune bottiglie, ma l'ha tenuto segreto per decenni'.


1052786706

Mario Tama

Con quelli 38.000 cause legali da donne con malattie che includono mesotelioma e cancro ovarico, ha scritto Porter, “l'azienda vuole proteggere i suoi beni. J&J ha venduto la polvere per 60 anni e ora che deve pagare le spese mediche di queste donne, vuole che i tribunali trattino 'Johnson & Johnson Baby Powder' come una società separata', ha scritto Porter, definendo le manovre di J&J ' un'ingiustizia . '

'Stiamo intraprendendo queste azioni per portare certezza a tutte le parti coinvolte nei casi di talco cosmetico', Michael Ullmann, consigliere generale di J&J, detto in una dichiarazione . 'Mentre continuiamo a sostenere fermamente la sicurezza dei nostri prodotti cosmetici a base di talco, riteniamo che risolvere la questione nel modo più rapido ed efficiente possibile sia nel migliore interesse dell'azienda e di tutte le parti interessate'.

Un'indagine Reuters del 2018 ha rilevato documenti interni di J&J che mostrano la conoscenza dell'azienda di tracce di amianto nei suoi prodotti data 1957 . All'inizio degli anni '70, ilNew York Timessegnalato , un dirigente di J&J ha avvertito i superiori sulla contaminazione da amianto nell'iconico marchio Baby Powder dell'azienda e ha suggerito 'l'azienda' aggiorna 'il suo controllo di qualità del talco'. Alcuni anni dopo, quando la presenza di amianto nei prodotti a base di talco divenne motivo di preoccupazione per i regolatori federali, J&J disse ai funzionari della FDA di non aver trovato prove di amianto nei prodotti a base di talco prodotti dal dicembre 1972 all'ottobre 1973. dire all'agenzia che almeno tre test di tre diversi laboratori dal 1972 al 1975 avevano trovato amianto nel suo talco, in un caso a livelli segnalati come 'piuttosto alti',' riporta Reuters.

Annuncio pubblicitario

J&J ha tenuto nascoste queste scoperte al pubblico con l'aiuto della FDA. IlVoltecita un memorandum del 1976 in cui 'un dirigente alla fine ottenne assicurazioni da un funzionario della Food and Drug Administration che i risultati sarebbero stati emessi solo 'sul mio cadavere''.


Ma i timori sugli elementi cancerogeni nei prodotti J&J al talco hanno cominciato a vorticare nei decenni successivi e l'azienda ha visto un calo del numero di consumatori. Un promemoria di J&J del 1992 scoperto da Reuters ha osservato che il 52 percento delle donne nere e il 37,6 percento delle donne ispaniche usavano regolarmente il talco, superando il tasso di utilizzo delle donne bianche. Il documento ha continuato a suggerire alla società di esaminare 'opportunità etniche (afroamericane/ispaniche) per far crescere il franchising'.

Più di un decennio dopo, nel 2006, i documenti interni di J&J indicavano che i futuri sforzi di marketing miravano a 'aree geografiche sottosviluppate con clima caldo e una popolazione AA [afroamericana] più alta'. Nello stesso anno, il Organizzazione mondiale della Sanità aveva già iniziato a lanciare l'allarme sulle potenziali proprietà cancerogene dell'amianto. Da allora, il CDC, EPA, NIH, OSHA , Dipartimento di edilizia abitativa e sviluppo urbano e CHI hanno tutti scritto che 'non esiste un livello sicuro di esposizione all'amianto'.

In un dichiarazione dei media rilasciata in ottobre , J&J ha osservato che la creazione di un trust all'interno di LTL Management per risolvere le cause relative al talco che l'azienda deve affrontare 'non è una concessione di responsabilità, ma piuttosto un mezzo per ottenere una risoluzione equa ed efficiente dei reclami sollevati nel contenzioso sul talco cosmetico'.

Porter indica un processo fallimentare—lei lo chiama 'si compra il biglietto, si prende la corsa'—che richiede agli 'acquirenti di biglietti' del capitolo 11 di intraprendere la 'corsa' legalmente autorizzata attraverso un processo di accertamento dei fatti, che i creditori possono prendere partecipare, prima che possa avvenire qualsiasi aiuto con i debiti. Ma i 'liberatori non debitori', che le aziende utilizzano sempre più a loro vantaggio, aiutano le persone all'interno dell'azienda, che potrebbero anche avere qualche responsabilità, a circumnavigare quel processo.


Annuncio pubblicitario

“Quello che fanno i rilasci non debitori è fornire una carta per uscire di prigione gratis. Hai la possibilità di non dover pagare per intero i tuoi debiti. Forse ne paghi una parte: 10 centesimi su $ 1, diciamo. I rilasci non debitori dicono, anche se tu - società collegata, proprietario di una società, grande azionista di una società, filiale madre - anche se non sei un debitore in bancarotta, puoi ottenere una riduzione del debito, un'eliminazione della responsabilità , anche se non sei passato attraverso il processo di dichiarazione di fallimento, rivelando i tuoi beni e dando ai tuoi creditori quei diritti. Questo è quello che abbiamo visto nel caso Sackler. I singoli membri della famiglia Sackler non sono in bancarotta nel senso che sono al verde. Inoltre, non sono in bancarotta nel senso che non hanno dichiarato bancarotta. Solo Purdue ha dichiarato bancarotta, ma il tribunale sta comunque valutando di concedere loro liberatorie non debitori, quella carta per uscire dal carcere, anche se non hanno svolto il lavoro. E questo è un problema anche con Johnson & Johnson. In altre parole, stanno fondamentalmente facendo ciò che chiamiamo Texas Two Step, e l'obiettivo è ottenere un rilascio per l'azienda che mantenga tutte le risorse dello stesso tipo'.

La famiglia Sackler, i proprietari miliardari del produttore di OxyContin Purdue Pharma, ha recentemente utilizzato una liberatoria per non debitore per ottenere l'immunità individuale da eventuali azioni legali che potrebbero colpire la loro fortuna personale. Come un recente articolo in l'intercetta ha notato , secondo i termini dell'accordo fallimentare della Purdue Pharma, i Sackler manterranno '$ 6 miliardi come minimo di attività totali, denaro che sarà effettivamente intoccabile'. Nel frattempo, gruppi tra cui Koch Industries, che ha stabilito e quasi immediatamente dichiarato bancarotta per una divisione denominata Bestwall, e il gigante minerario Peabody Holdings, proprietario della neonata e anche fallita Patriot Coal, sono stati anche accusati di aver utilizzato il Texas Two-Step per proteggere denaro proveniente da cause intentate da coloro che affermano di essere stati danneggiati da tali società.

Porter è co-sponsor di due progetti di legge: il Legge sul divieto di rilascio dei non debitori e il SACCHETTO (Smettete di proteggere i beni dalla responsabilità aziendale nota eliminando i rilasci di non debitori) Act, entrambi i quali, secondo lei, eliminerebbero alcuni degli inganni aziendali impiegati dalle aziende che devono affrontare il debito.

“Il Non-Debtor Release Prohibition Act impone che i tribunali fallimentari tengano un'udienza per determinare se un fallimento ha l'intento o l'effetto prevedibile di separare le passività dalla società fallita. E se questo è vero, il giudice dovrebbe archiviare il caso di fallimento. Il che è del tutto appropriato perché è un abuso di processo [usare il fallimento per sfuggire alla responsabilità]. E il Sackler Act si occupa anche di liberazioni di non debitori. Questi disegni di legge sono nella commissione giudiziaria', mi ha detto Porter. “Questi problemi non sono nuovi. Ma le aziende stanno diventando sempre più incoraggiate”.

J&J—che come l'unità Sacklers' Purdue ha affrontato numerosi cause legali in relazione al suo ruolo in la crisi degli oppioidi—ha riferito fornito centinaia di migliaia di dollari per attività di lobbying contro il disegno di legge.

La scorsa settimana, un giudice fallimentare federale ha negato la richiesta di J&J di congelare i casi, ' compresi alcuni che si stanno avvicinando a un verdetto della giuria ', ha presentato contro J&J in relazione ai suoi prodotti a base di talco. Le azioni legali contro LTL saranno interrotte in conformità con le leggi fallimentari. J&J, che ha smesso di vendere borotalco e altro talco merci nel 2020 , dovrebbe tornare in tribunale all'inizio di novembre. Porter mi ha detto che sta tenendo d'occhio il caso.

Annuncio pubblicitario

'Questo è un esempio di quello che vedo come un problema più ampio, ovvero il modo in cui le nostre leggi forniscono livelli così estremi di responsabilità limitata alle società', afferma Porter. 'Certo, l'intera ragione per cui abbiamo statuti aziendali è consentire alle persone di formare società e non essere personalmente responsabili: separa la responsabilità dall'individuo, dal proprietario, dal manager o altro. Abbiamo questa regola da molto tempo, ma deve esserci un confine. Abbiamo bisogno di responsabilità individuale, e certamente responsabilità aziendale. Quindi, se dici che le corporazioni esistono per eliminare questa responsabilità personale, allora è meglio che ti assicuri che le società finiscano per essere responsabili.

“Altrimenti, è chiaro che in questi casi di bancarotta, non stanno cercando di dare alle persone il loro tempo in tribunale e di evitare di dover litigare con 30.000 casi individuali. Stanno cercando di assicurarsi di sfuggire completamente alla responsabilità'.