'A Charlie Brown Christmas' è il film di Natale perfetto

Intrattenimento


'A Charlie Brown Christmas' è il film di Natale perfetto

Questa è un'anteprima della nostra newsletter sulla cultura pop The Daily Beast's Obsessed, scritta dal giornalista senior di intrattenimento Kevin Fallon. Per ricevere la newsletter completa nella tua casella di posta ogni settimana, iscriviti qui .

Questa settimana:


  • Lo spettacolo mattutino sviscera Matt Lauer
  • L'unico film di Natale che vale la pena guardare
  • Importanti notizie su Mariah Carey
  • Vivere in un post-GATTImondo
  • Un post su Instagram che merita la tua attenzione
Un Natale di Charlie Brown è il film di Natale perfetto

Cos'è un film di Natale?

È la mia domanda che mi piace di meno e viene posta ogni stagione. Un film di Natale è un film di Natale, sciocchi. Smettila di insistere sul fatto che i film che non sono film di Natale lo siano. È carino su Twitter, ma fastidioso per me.

è Duro a morire un film di Natale ? IlHarry Potterfilm?Occhi ben chiusi? Le persone in realtà sostengono che il Film di orgia con Nicole Kidman/Tom Cruise è un film di Natale. Quest'anno è imbroglioni che si è unito alla conversazione. L'argomento non è particolarmente evoluto. Qualcuno nota che c'è una scena in un film che si svolge a Natale, ergo il film è un film di Natale. È estenuante quanto quelle persone che pensano di prendersi in giro Amore attuale è un tratto interessante della personalità.

Sai cos'è un film di Natale? Un film di Natale. Non merita ulteriori spiegazioni di questa. Stai sorridendo compiaciuto mentre suggerisci che un certo film è un film di Natale? Allora non è un film di Natale. È scortese con i veri film di Natale che, come dimostrato dal tentativo di inserire questi film non natalizi nel canone, sono incredibilmente difficili da eseguire.


È un compito arduo, creare qualcosa che catturi i sentimenti e l'estetica in guerra della stagione. Un grande film di Natale è sentimentale ma non manipolativo, caldo ma non banale e toccante senza essere stucchevole. Colpisce le note di malinconia e solitudine che sono inevitabili a Natale, pur celebrando la gioia e lo stare insieme. Non ignorano la religione e il capitalismo, ma non sfruttano nemmeno queste cose. Sono divertenti ed emotivi, e si sentono bene ma un po' tristi.

In altre parole,Un Natale da Charlie Brownè un perfetto film di Natale.

È tecnicamente un speciale televisivo animato che è andato in onda per la prima volta nel 1965. Che quasi 55 anni dopo batta ancora i più grandi programmi TV in onda nelle valutazioni parla della sua atemporalità, qualcos'altro che è cruciale in un grande film di Natale.

La trama è meravigliosamente semplice. Charlie Brown si deprime a Natale. Il fatto che tutti intorno a lui sembrino distratti dalle campane, dai fischi e dalla fanfara della festa non fa che esacerbare le cose. Quando trova solo un alberello dall'aspetto patetico in un lotto pieno di alberi finti ostentati, lo porta ai suoi amici e tutti lo deridono. Nessuno ricorda che cos'è il Natale, si chiede?


Il suo amico, Linus, sotto i riflettori, offre un monologo dal vangelo di Luca, raccontando la nascita di Gesù. Tutti ascoltano e si radunano intorno a Charlie Brown, aiutandolo a decorare il suo piccolo albero e unendo le mani in un canto natalizio intorno ad esso.

Certo, è un messaggio, inveire contro la grossolana commercializzazione del Natale centrando il suo climax attorno alla storia della nascita di Gesù. Ma, spogliando la religione da quel messaggio, è ancora un sentimento utile, un promemoria per usare la festa per commemorare la famiglia, gli amici, l'amore e la generosità.

Ma c'è qualcos'altro in meritoUn Natale da Charlie Brownche mi colpisce ogni anno. In qualche modo sembra Natale. Certo, la classica partitura composta da Vince Guaraldi suona come il Natale. È pieno di noia, ma colpisce le corde della speranza. È ottimo. È un film che significa qualcosa. Ma certo, vai su comeIl duroè un film di Natale.

Mariah Carey ottiene il suo Natale n. 1

Venticinque anni dopo la sua prima pubblicazione, 'All I Want for Christmas Is You' di Mariah Carey ha andato al n. 1 . È sorprendente!


È solo la seconda canzone festiva in assoluto in cima alla classifica, 61 anni dopo, tra tutte le cose, 'The Chipmunk Song' ce l'ha fatta. È il diciannovesimo singolo numero 1 di Carey, il che la allontana dal record di 20 dei Beatles. Ora ha la durata più lunga di sempre di singoli numero 1, con oltre 29 anni tra quando 'Vision of Love' lo ha fatto per la prima volta e 'All I Want...' questa settimana. Insieme a Britney Spears, Christina Aguilera e Usher, è uno dei soli quattro artisti ad avere un numero 1 negli anni '90, '00 e '10.

È tutto molto impressionante, ma forse lo è di più il fatto che, dopo 25 anni e la sua attuale incessante circolazione ovunque tu vada, la canzone non invecchia mai. Non si sente mai esagerato. Non è mai emozionante. Non è solo una fantastica canzone per le vacanze, è una canzone pop praticamente perfetta. In quanto tale, potrebbe effettivamente essere il miglior singolo n. 1 del 2019.

Ora l'anno prossimo facciamo la stessa cosa con 'Underneath the Tree' di Kelly Clarkson.

Ho visto gatti e sono sopravvissuto

Cosa c'è da dire sulGattifilm? In realtà, molto! e l'ho fatto, in questa recensione qui . Leggilo. Tutto quello che voglio per Natale sono le visualizzazioni di pagina.

I gatti inGattisembra folle, e il film è allo stesso tempo fuori di testa e incredibilmente noioso. Devo dire che non avrei mai immaginato, dopo quei trailer squilibrati, che questo film sarebbe stato un tale sonnellino.

Dopo averlo proiettato lunedì sera, ho vissuto quasi una settimana di post-Gattiesistenza. In quel momento continuo a tornare a un momento del film. Macavity di Idris Elba ha rapito Old Deuteronemy di Judi Dench. Minaccia di spingerla nel fiume a meno che lei non lo scelga come gatto prescelto. Con assoluta sincerità, Dench gira la testa e dice: 'NON SARAI MAI LA MIA SCELTA JELLICLE!'

Forse non smetterò mai di pensarci.

Ciao, Kumail Nanjiani!

È molto importante per me che tu sappia che questo è ciò di cui Kumail Nanjiani, of Il grande malato e Silicon Valley fama, sembra proprio adesso .

Cosa guardare questa settimana:

1917: Un incredibile film di guerra.

John Mulaney e il pranzo al sacco: Un'incredibile commedia speciale.

Piccole donne: Un film incredibile sulle piccole donne.

Cosa saltare questa settimana:

Gatti: Voglio dire, sei fuori di testa?

Star Wars: Episodio IX - L'ascesa di Skywalker: Prestare attenzione a come punteggiare correttamente quel titolo è tutto lo sforzo che desidero dedicare a questo film.