Creare i look iconici 'senza indizi' di Cher

Arte-E-Cultura


Creare i look iconici 'senza indizi' di Cher

Questo venerdì ricorre il 20° anniversario diall'oscuro, il classico cult degli anni '90 tanto amato dalle sue eroinearmadio girevole color caramellocom'è per il suobattute adolescenziali e citabili.

Il film ha messo Alicia Silverstone sulla mappa come Cher Horowitz, una regina adolescente di Beverly Hills dal cervello superficiale con un cuore grande quanto il suo guardaroba.


La scrittrice e regista Amy Heckerling 'merita scatti', come direbbe Cher, per la sua satira intelligente dei ragazzi ricchi della California a metà degli anni '90 e per aver adattato con successo il film di Jane AustenEmmain una commedia contemporanea che risuona ancora due decenni dopo.

In effetti, il fascino duraturo del film risiede nel suo dialogo spiritoso e nell'eccentrico mamoda femminile senza tempoche ha inaugurato una partenza dal grunge degli anni '90.

'Amy e io siamo andati alle scuole superiori di Los Angeles per vedere cosa indossavano i bambini e le ragazze non sembravano diverse dai ragazzi',all'oscuroracconta la costumista Mona May a The Daily Beast. 'Indossavano tutti pantaloni larghi e camicie a quadri, e volevamo davvero dare a Cher e alle ragazze un look dolce, divertente e alla moda'.

May ha mescolato stili di passerella contemporanei (crop top e vestiti babydoll) con look classici degli anni '60 e '70 (gonne a trapezio indossate con calzini al ginocchio e Mary Jane).


La minigonna scozzese gialla e il blazer abbinato di Dolce & Gabbana che Cher indossa il suo primo giorno di scuola erano una versione di alta moda dell'uniforme da studentessa cattolica.

'Stavo solo reinventando qualcosa che era già nella nostra coscienza', dice May, che è nata in India ma è cresciuta in Polonia e Germania prima di trasferirsi negli Stati Uniti a vent'anni. 'Si trattava di portare i classici a un nuovo livello assicurandosi che l'abbigliamento di ogni ragazza fosse coerente con il suo personaggio'.

Per Cher, una perfezionista la cui dipendenza dallo shopping rivaleggia con quella di Carrie Bradshaw, ciò significava un sacco di completi da scolaretta abbinati e abiti ultrafemminili, a volte esagerati, come l'abito rosso Alaia e la giacca bordeaux con finiture in marabù nero che indossa alla festa in la Valle.

Sembra fantasticamente fuori posto tra le folle di ragazzi skater come Travis Birkenstock (il nome dice tutto), e ha un attacco di connivenza quando le versa della birra addosso Jimmy Choos ('Rovine le mie scarpe di raso rosso perché non tu!') .


Anche quando un uomo le punta una pistola alla testa e le dice di sdraiarsi a faccia in giù, Cher lo supplica, piuttosto esilarante, di risparmiarle il vestito. 'È come un designer assolutamente importante.'

Come l'eroina di Austen, Cher è allo stesso tempo fastidiosamente titolata e teneramente ingenua; un moccioso viziato e egocentrico un minuto e un'adolescente premurosa e vulnerabile il minuto dopo.

È inesorabilmente materialista quanto instancabilmente dedita al matchmaking e ad aiutare gli altri. 'Dio, questa donna sta urlando per un restyling!' Cher dice del suo sciatto insegnante. 'Sono la sua unica speranza.'

La migliore amica di Cher, Dionne, è 'selvaggia, sfacciata e più sexy di Cher', dice May, 'quindi l'abbiamo messa in un sacco di minigonne di vinile colorate, stampe leopardate e cappelli stravaganti', da un cilindro bianco e nero a uno bianco berretto all'uncinetto.


Ma May è stata attenta che lo stile di Dionne non virasse mai in territorio caricaturale (gli abiti più ridicoli erano riservati ad Amber).

'Non potrei mai impazzire troppo con Cher perché Dionne doveva sembrare più selvaggia, quindi era sempre questo atto di bilanciamento', mi dice May, ancora di più quando Tai entra in scena, essendo stata truccata da Cher e abbandonando i suoi jeans oversize e Vans.

'Loro tre sono in quasi tutte le scene insieme, quindi abbiamo dovuto assicurarci che ciò che indossavano fosse fedele alla sceneggiatura', dice May, che ha messo Tai in tessuti economici per illustrare il suo background borghese. 'Non aveva i soldi per ottenere ciò che Cher ha ottenuto a Parigi, quindi ha avuto lo stesso sguardo su Contempo Casual'.

May ha anche assicurato che i vestiti di Cher servissero come sviluppo del personaggio per tutto il film, come il 'vestito dall'aspetto più capace' Cher è determinata a indossarla per il test della patente di guida.

Ha una crisi di nervi quando non riesce a trovare un separato cruciale ('Dov'è la mia camicia bianca senza colletto di Fred Segal!'), Calpesta le sue Mary Jane argentate sul pavimento della sua camera da letto e aggredisce la cameriera per averla mandata in lavanderia.

Più tardi, mentre taglia i segnali di stop ed evita per un pelo un motociclista durante il suo test, Cher prova 'un travolgente senso di prurito'.

L'abito scelto da May per questa scena, una camicia da smoking in chiffon trasparente sovrapposta a una canotta e abbinata a una gonna a rombi argento, doveva 'servire a Cher per un viaggio emotivo', afferma. “Doveva essere l'abito perfetto per il suo esame di guida, ma doveva anche funzionare per quando si districa in seguito, quindi abbiamo optato per lo chiffon perché si piega facilmente. L'intero ensemble era molto morbido per mostrare la sua vulnerabilità'.

Dopo che Cher si rende conto di essere innamorata di Josh, il suo fratellastro filantropico, e si lancia nel ruolo di 'capitano dei soccorsi per il disastro di Pismo Beach', i suoi vestiti sono più semplici e femminili: una canotta rosa indossata sopra una maglietta bianca, per esempio, mentre guardavo nervosamente la CNN con Josh. (Quando fa notare che sembra 'confusa', Cher pronuncia sinceramente una battuta particolarmente divertente di auto-parodia: 'È solo che pensavo avessero dichiarato la pace in Medio Oriente.')

'Volevamo che sembrasse meno preoccupata di se stessa, il che avrebbe significato meno tempo davanti allo specchio e più tempo per pensare agli altri', afferma May. 'Era sottile, ma era ancora lì'.

Un'altra ragione per cui le Mary Jane e le piattaforme grosse sono in primo piano nel film: May pensava che i tacchi a spillo sarebbero sembrati troppo 'troie' sulle ragazze adolescenti. Non c'è quasi nessuna scollatura o esibizioni provocatorie di carne inall'oscuro.

Cher doveva sembrare 'seducente, ma non come un sexpot', dice May. È vergine, dopotutto. ('Vedi quanto sono esigente riguardo alle mie scarpe, e vanno solo ai miei piedi!' Cher dice a Tai.)

'Questo tipo di sensualità fresca manca nella nostra cultura', aggiunge May. 'E penso che sia un tipo di espressione di stile che non vediamo spesso nella vita reale'.

Riguardando il film di recente, May è rimasta scioccata nel vedere quanto siano contemporanei i vestiti. 'Alcuni somigliano ad Alexander Wang!' (Wang, per inciso, una volta dettoall'oscuroera il suo film preferito .)

Più di ogni altra cosa, May è orgogliosa dell'influenza del film sulle donne.

“Ogni donna che incontro, attraverso le generazioni, ha una storia sull'acquisto o la realizzazione di vestiti che sembravano qualcosa dell'armadio di Cher. Amy ed io volevamo davvero enfatizzare la sessualità femminile e la dolcezza quando vestivamo le ragazze. E sono così felice di averlo fatto, perché le persone non volevano solo emularle, ma si sono ritrovate in queste ragazze. Questo è il regalo più grande per me'.