Dan Bongino sfida Cumulus a cancellare il suo programma radiofonico a causa del mandato 'stupido' di Vax

Metà


Dan Bongino sfida Cumulus a cancellare il suo programma radiofonico a causa del mandato 'stupido' di Vax

Provocatore di destra Dan Bongino lunedì sembrava lanciare una sfida al vettore del suo programma radiofonico sindacato: sbarazzati del tuo mandato di vaccino per i dipendenti o licenziami. 'Non puoi avere entrambi', ha detto.

Più di due mesi fa, Annunciato Cumulus Media che prima della data di ritorno al lavoro prevista per l'11 ottobre, ai dipendenti sarebbe stato richiesto di ottenere almeno un'iniezione dei vaccini COVID-19 approvati prima di tornare in ufficio. L'amministratore delegato Mary Berner ha affermato che la regola si applicherà a tutti i dipendenti, ad eccezione di quelli che lavorano permanentemente da una posizione remota o di quelli con eccezioni legali.


'In parole povere, crediamo che Force Cumulus dia il meglio di sé quando lavoriamo insieme negli uffici', ha scritto Berner in una nota allo staff. “Per farlo nel modo più sicuro possibile, chiediamo che tutti siano vaccinati tranne quelli legalmente esclusi. Non sarebbe né giusto né abbiamo la larghezza di banda per fare eccezioni in base alle preferenze individuali'.

All'interno della radio segnalato la scorsa settimana che più dipendenti di Cumulus che si erano rifiutati di vaccinarsi erano stati licenziati o licenziati. Ciò includeva diversi conduttori radiofonici, uno dei quali ha definito il mandato 'non etico e immorale', provocando lo sfogo del lunedì di Bongino.

“Quindi Cumulus, per qualche stupido motivo, ha pensato che sarebbe stata davvero una buona idea fare un mandato di vaccino. Perché dovrebbero farlo, non ne ho idea', ha esclamato l'esperto di destra, che è completamente vaccinato ma si è ripetutamente scagliato contro gli sforzi di mitigazione del COVID-19 . “Ma come risultato di ciò, ci sono state alcune segnalazioni su alcune persone che hanno dovuto separarsi dal loro lavoro o trasferirsi in posizioni diverse a causa di ciò. E ho quasi finito con quello. Sì, non starò al gioco con quello'.

Bongino ha poi affermato di aver detto a Cumulus, che portaLo spettacolo di Dan Bonginosu centinaia di stazioni, come si sentiva riguardo ai mandati e minacciava di invitare i presentatori che erano stati licenziati o si erano dimessi a comparire nel suo programma per inveire contro il loro ex datore di lavoro. Allo stesso modo Bongino ha dichiarato che le regole dell'azienda sono 'non etiche' e 'immorali'.


Pur affermando 'Non lavoro per nessuno', Bongino ha affermato di essere semplicemente un 'partner di Cumulus' e quindi ha sfidato il gigante della radio a cancellare il suo programma, giurando di 'non lasciarlo andare'.

“Cumulus dovrà prendere una decisione con me se vuole continuare questa partnership o no. Ma sto parlando con te sulle loro onde radio. Non devono lasciare che ciò accada', ha esclamato. 'Hai una scelta. io lavoro con te. non lavoro per te; non lo farò mai. Potresti aver avuto altre persone in un angolo, ma non hai me'.

Lo stesso Bongino ha ricevuto il colpo su consiglio del suo medico, ha detto, perché è un sopravvissuto al cancro. Anche così, ha insistito il conduttore radiofonico, sta combattendo la 'decisione politica' di Cumulus Media.

Ma mentre lunedì Bongino si è infuriato contro le regole sui vaccini di Cumulus, è stato particolarmente silenzioso su la rigorosa politica sui vaccini implementato dagli altri suoi partner alla Fox Corp. (Bongino ospita un talk show del sabato sera su Fox News e il suo programma radiofonico è trasmesso in live streaming sul canale televisivo conservatore via cavo Fox Nation.)


Sebbene la società madre di Fox News non imponga a tutti i membri del personale di essere vaccinati, richiede al personale di fornire una prova positiva dello stato di vaccinazione o di sottoporsi a test COVID-19 giornalieri. Le regole dell'amministrazione Biden richiedono solo test settimanali di dipendenti non vaccinati.

Bongino non è l'unico critico del mandato alla Fox che si è zittito quando si tratta di discutere le esigenze del proprio datore di lavoro. Entrambi Tucker Carlson e Sean Hannity di recente si è schivato e schivato quando gli è stato chiesto direttamente di commentare la politica di Fox.