Danny DeVito si sente il Berna, disprezza il 'disgustoso' Donald Trump

Intrattenimento


Danny DeVito si sente il Berna, disprezza il 'disgustoso' Donald Trump

Danny DeVito sta vivendo la sua vita migliore. Quando non lo è dipingere la città di rosso con George Clooney o scatenarsi sui set EDM al Coachella , il 71enne a ruota libera è impegnato a scatenare il caos nei panni del gioioso Frank Reynolds nella serie di successoC'è sempre il sole a Philadelphia. Lo mantiene reale anche nelle interviste, evitando risposte preconfezionate a favore, nel gergo colbertiano, di parlare dal ventre. E oggi, l'intestino di DeVito è molto affamato.

Il veterano della recitazione è al Sundance per promuovere il suo ruolo in Todd Solondz'sWeiner-Dog, un racconto tragicomico che segue il viaggio di un bassotto da proprietario a proprietario, portando con sé gioia e dolore. DeVito interpreta un mediocre scrittore di Hollywood divenuto un triste insegnante di sceneggiatura che, quando non sta dando consigli zoppi ai suoi studenti, sta disperatamente inseguendo il drago della sceneggiatura. È una svolta tenera e straziante e un lato molto diverso di DeVito da quello che siamo abituati a vedere.


'Ha la sua voce, sai?' DeVito dice di Solondz, il cuiBenvenuti nella casa delle bamboleha preso d'assalto il Sundance vent'anni fa. “Sai che stai seguendo un ragazzo con una sorta di visione. È solo che non so cosa sia, mai!”

Lo stesso si può probabilmente dire di DeVito, che ha fatto tutto nel corso della sua carriera di oltre 40 anni.Taxi.Qualcuno volò sul nido del cuculo.Vezzeggiativi.Romancendo la pietra.Gemelli.Il ritorno di Batman.L.A. Riservato. L'elenco continua. Oltre alla sua ricca carriera di attore, DeVito è un produttore cinematografico molto prolifico, avendo curato film celebri comePulp Fiction,Ottieni Shorty, eFuori dal campo visivosullo schermo. In quest'ultimo film ha incontrato George Clooney, e sono subito andati d'accordo. 'Quello è stato il nostro primo incontro, quando lo stavamo mettendo insieme', ricorda DeVito. “È stato allora che ci siamo incontrati per la prima volta. E siamo appena diventati amici pazzi nel corso degli anni facendo cose folli ogni volta che siamo insieme. È un ragazzo davvero fantastico. Sono così felice che ora sia sposato. Ho conosciuto sua moglie e sembra davvero simpatica. Un grande furbo'.

Le notti selvagge di Clooney e DeVito da allora sono diventate oggetto di tradizione televisiva, grazie a un'apparizione particolarmente memorabile su The View di un DeVito ancora ubriaco dopo una notte di limoncello ad alto consumo con Gorgeous George. 'Sai cosa stava facendo quella notte? L'ho scoperto solo più tardi, ma quella sera stavamo bevendo limoncello come dei pazzi e lui li stava versando in una pianta!” dice DeVito, incredulo. “Mi stavo davvero contorcendo su queste cose. Ho dovuto fareVolpe e amicialle sette del mattino così sono rimasto sveglio tutta la notte, che è stata la mia rovina. Quindi ho fattoVolpe e amicicosa, poi ho fatto un pisolino prima di andare avantiLa vista. Poi sono andato avantiLa vista, e... il resto è storia. Mi sono divertito moltissimo, però!”

Come Clooney, DeVito ha deciso di parlare contro il problema della diversità degli Oscar, con il secondo anno consecutivo di candidati attori completamente bianchi.


'Ci sono state alcune buone esibizioni di persone di colore, e sì, è palese', dice DeVito. “Viviamo in un paese razzista. Dobbiamo evolverci e dobbiamo renderci conto che anche la verità e la riconciliazione sono qui, non solo in Sudafrica o in Cambogia. I giovani devono imparare cosa è successo nella nostra storia e abbiamo bisogno che le persone sappiano che stiamo camminando sulle tavole del genocidio». Fa una pausa. “Questo è un luogo in cui le persone si sono stabilite e sono state chiamate nativi americani. Ora all'improvviso queste grandi navi appaiono dal nulla come demoni alla luce del giorno, e tutto è cambiato. Il genocidio è avvenuto e ci siamo tutti dentro. Ma non possiamo appoggiarci a quella xenofobia. Dobbiamo capire cosa è successo e renderci conto che siamo tutti esseri umani fatti della stessa stoffa.' 'Ascolta Noam Chomsky, prendi l'Howard Zinn e cerca di elevare i tuoi figli, fratelli e sorelle', continua . 'Ci sono molte cose di cui dovremmo informare la generazione più giovane, così come le persone anziane nelle nostre vite che sono bloccate nel fango'.

Parlando della generazione più giovane, anche DeVito sta sentendo il Berna alla grande, appoggiando il senatore del Vermont per la presidenza del 2016.

“Mi piace Bernie Sanders. Penso che Bernie Sanders sia qualcuno su cui dobbiamo davvero concentrarci, specialmente ora', dice. “Indipendentemente dal fatto che i soldi comprino o meno gli altri contendenti, dobbiamo ancora stare insieme su Bernie perché Bernie ha le carte in regola. Sa davvero di cosa sta parlando e ha risolto tutti i problemi. Riceve tutte queste piccole donazioni perché non vuole essere in debito con nessuno. Bernie ci darà la possibilità di ottenere l'uguaglianza tra uomini e donne, afroamericani e tutte le persone di colore; ci darà la migliore possibilità di assistenza sanitaria; ci darà la possibilità di affrontare al meglio la situazione internazionale in modo che non iniziamo a far saltare le cose e cercare di tirare un po' indietro l'imperialismo. Noibisognoper tirarlo indietro. Non possiamo continuare ad affrontare il cambio di regime e tutta questa merda! Voi ragazzi, i giovani, dovete guardare questo e dire: 'Basta con questa merda!'” Aggiunge, “Penso che molte persone stiano iniziando a sentire il Berna, è un detto divertente, ma le persone stanno iniziando a senti il ​​calore e la responsabilità che abbiamo tutti di dare almeno una possibilità al pianeta. Vogliamo cercare di mantenere la Terra in una posizione stabile per i nostri nipoti e pronipoti».

Un candidato di cui DeVito non è un fan è Donald J. Trump. La semplice menzione del suo nome trasforma il suo sorriso in un cipiglio.


'Voiveramentenon voglio che ciò accada', afferma DeVito. “Vuoi avere diritti umani e uguaglianza per tutti. Non vuoi evitare le persone che stanno nel mezzo e non vuoi evitare le persone a destra. Vuoi assicurarti che tutti siano istruiti, non propagandati, istruiti. Scopri quali sono i fatti. Quando [Trump] dice 'così e così sono razzisti' e 'dovremmo bandire i musulmani' e tutto il resto, è ridicolo! È disgustoso. Guarda come ci divide. È questa vecchia mentalità divide et impera progettata per farci girare la testa, e tu non vuoi farlo. Vuoi unire le persone nel miglior modo possibile'.

Il cipiglio di DeVito torna immediatamente a un grande sorriso quando cito la serie FXXC'è sempre il sole a Philadelphia, che è attualmente nel bel mezzo del suo 11questostagione.“Ioamorefacendo quello spettacolo', dice.

Quando io ha parlato con Jon Hamm sul suo incarico come Don Draper inUomini pazzi, ha ammesso che interpretare un bastardo così oscuro e spregevole per così tanto tempo alla fine ha preso il sopravvento, non così per DeVito, tuttavia. 'Non ho alcun peso su di me', dice, sorridendo da un orecchio all'altro. “Abbraccio la follia di esso. Ci vado e basta, capisci cosa intendo? In un certo senso è un po' pericoloso perché ho comunque la Tourette quando si tratta di dire cose. Dico sempre: 'Bush è un pazzo', o questo ragazzo è quello, e quando qualcuno incoraggia il Frank che c'è in me, ci vado subito. Può essere spaventoso ma è anche divertente. Sono il vecchio dello show a 71 anni, ma è divertente uscire e provare le cose. Non lasciare che il muschio cresca sotto il tuo culo. Divertiti un po', capisci cosa intendo?'