Trump schivando la leva dice che il prigioniero di guerra McCain 'non è un eroe di guerra'

Politica


Trump schivando la leva dice che il prigioniero di guerra McCain 'non è un eroe di guerra'

Nel settembre 2008, Donald Trump ha donato $ 28.450 al Comitato per la vittoria di John McCain e lo ha approvatoLarry King dal vivo. 'Lo conosco. Mi piace lui. Lo rispetto', ha detto. 'È un ragazzo intelligente e penso che sarà un grande presidente'.

Sette anni dopo, Trump è quello che corre, e ora rispetta McCain, che ha trascorso cinque anni come prigioniero durante la guerra del Vietnam, così poco che dice di non essere davvero un eroe di guerra.


Sabato pomeriggio, durante una discussione al Family Leadership Summit in Iowa, Trump ha dichiarato: “Non è un eroe di guerra. È un eroe di guerra perché è stato catturato. Mi piacciono le persone che non sono state catturate, ok? Mi dispiace dirtelo.'

Trump, la cui candidatura è stata definita dai suoi insulti a vari gruppi di persone e persino a intere etnie, alla fine è andato troppo oltre.

Paul Rieckhoff, fondatore e CEO di Iraq e Afghanistan Veterans of America, ha dichiarato a The Daily Beast che i commenti di Trump erano 'asinini' e un insulto 'a tutti coloro che hanno mai indossato l'uniforme e a tutti gli americani'.

Rick Perry, uno dei soli due contendenti alle primarie repubblicane ad aver prestato servizio nell'esercito (l'altro è il senatore Lindsey Graham), ha chiesto a Trump di ritirarsi dal concorso.


'Donald Trump dovrebbe scusarsi immediatamente per aver attaccato il senatore McCain e tutti i veterani che hanno protetto e servito il nostro Paese', ha affermato in una nota. “Come veterano e americano, rispetto il senatore McCain perché si è offerto volontario per servire il suo paese. Non posso dire lo stesso del signor Trump. I suoi commenti hanno raggiunto un nuovo minimo nella politica americana. Il suo attacco ai veterani lo rende inadatto a essere il comandante in capo delle forze armate statunitensi e dovrebbe immediatamente ritirarsi dalla corsa alla presidenza”.

Lindsey Graham ha risposto a Trump su Twitter: 'Al centro della dichiarazione di @realDonaldTrump c'è la mancanza di rispetto per coloro che hanno servito, una caratteristica squalificante per essere presidente'.

Così ha fatto Jeb Bush: “Basta con gli attacchi diffamatori. @SenJohnMcCain e tutti i nostri veterani, in particolare i prigionieri di guerra, si sono guadagnati il ​​nostro rispetto e la nostra ammirazione'.

E Scott Walker: 'Ho appena detto a una folla a Sioux City: @SenJohnMcCain è un eroe di guerra'.


E Bobby Jindal: 'Dopo che Donald Trump ha trascorso 6 anni in un campo di prigionia, può pesare sul servizio di John McCain'.

E Rick Santorum: '.@SenJohnMcCain è un eroe americano, punto'.

E Chris Christie: 'Conosco @SenJohnMcCain. Il senatore John McCain è un eroe americano. Periodo. Fermare.'

Ted Cruz inizialmente si è distinto come l'unico candidato a rifiutarsi di stare al fianco di McCain, dicendoIl Washington Post's Philip Rucker, 'La gente della stampa ama vedere repubblicano sulla violenza repubblicana, quindi vuoi che dica qualcosa di negativo su Donald Trump o su John McCain o su chiunque altro. Non lo farò'. Forse pentendosi di quella decisione, Cruz ha poi twittato: 'John McCain è un eroe americano. Anche se abbiamo alcuni disaccordi politici, sono orgoglioso di servire al suo fianco'.


Mentre la folla in Iowa rideva, ansimava e fischiava, incerta se Trump stesse scherzando, ha raddoppiato il suo punto. “È un eroe di guerra perché è stato catturato! OK? Credo, forse, che sia un eroe di guerra. Ma in questo momento? Ha detto cose molto brutte su molte persone'.

In realtà, ha detto cose molto cattive su una sola persona a cui Trump tiene molto: Trump.

Di giovedì,Il newyorkese's Ryan Lizza pubblicato un'intervista con McCain, in cui il senatore dell'Arizona ha criticato Trump, che aveva appena tenuto un comizio a Phoenix. 'Questa esibizione con il nostro amico a Phoenix è molto dolorosa', ha detto McCain. 'Perché quello che ha fatto è stato licenziare i pazzi.'

Sarebbe diventato evidente, nei giorni successivi, che Trump, insensibile e ampolloso per natura, aveva ferito i sentimenti.

Si è immediatamente scagliato per primo su Twitter, dicendo: 'Le migliaia di persone che si sono presentate per me a Phoenix erano americani fantastici. @SenJohnMcCain li ha chiamati 'pazzi': devono scusarsi!' Ha poi detto che pensava che McCain dovesse perdere le primarie al Senato: “ .@SenJohnMcCain dovrebbe essere sconfitto alle primarie. Si è laureato l'ultimo della sua classe ad Anapolis - manichino ! '

E poi in un'intervista su MSNBC'sBuongiorno Joedi venerdì. 'Sono un lealista', ha detto. “Sono una persona a cui piace, se qualcuno è con me, io sono con quella persona. E John McCain mi è stato molto sleale'.

Sabato pomeriggio, in una dichiarazione a seguito del suo insulto a McCain, Trump ha affermato che McCain, il cui ufficio non ha ancora risposto a una richiesta di commento da parte del Daily Beast, era stato 'irrispettoso' nei confronti delle persone che erano venute a vederlo parlare a Phoenix quando disseIl newyorkeseerano 'pazzi'.

'Questi non erano 'pazzi'', ha detto Trump. 'Questi erano grandi cittadini americani'.

La decisione di Trump di criticare il curriculum militare di McCain è tanto più sconcertante date le circostanze che circondano la sua mancanza di uno.

Trump ha affermato, in un'intervista di aprile su WNYW, di aver evitato la guerra del Vietnam perché 'in realtà sono stato fortunato perché avevo un numero di draft molto alto'. Ha detto, mentre frequentava la Wharton School of Finance, che 'Stavo guardando mentre facevano i numeri della bozza e ho ottenuto un numero molto, molto alto e quei numeri non sono mai stati all'altezza'.

Ma la pistola fumante ha riferito che il numero della bozza di Trump era 365, e quando fu estratto il 1 dicembre 1968, '18 mesi dopo che Trump si era laureato' alla Wharton School, Trump 'aveva già ricevuto quattro rinvii per studenti e un rinvio medico', secondo i documenti ottenuti da la pubblicazione.

Rieckhoff ha scherzato: 'Era così interessato a vedere il certificato di nascita del presidente, sono sicuro che sarebbe disposto a fornire la documentazione al riguardo'.

Nonostante la sua mancanza di servizio, Trump, nella dichiarazione post-insulto, ha dichiarato: 'Non sono un fan di John McCain perché ha fatto così poco per i nostri veterani e dovrebbe sapere meglio di chiunque altro di cosa hanno bisogno i veterani, soprattutto per quanto riguarda al VA. È l'ennesimo uomo di chiacchiere, nessun politico d'azione che passa troppo tempo in televisione e non abbastanza tempo a fare il suo lavoro e ad aiutare i veterinari”.

Si trattava, infatti, di McCain (insieme al senatore Bernie Sanders, candidato alla nomination democratica) chi l'anno scorso ha approvato una legge per riformare il Dipartimento per gli affari dei veterani e migliorare l'accesso dei veterani all'assistenza sanitaria, tra le altre cose.

Nella dichiarazione, Trump ha chiarito di avere 'grande rispetto per tutti coloro che prestano servizio nelle nostre forze armate, compresi quelli che non sono stati catturati e sono anche eroi'.

Il comunicato si è concluso con una “nota”: “Mr. Trump ha lasciato una lunga standing ovation, che sarà di gran lunga la più grande ovazione del fine settimana, e molte lodi di congratulazioni”.