Eminem arriva per Trump su 'Revival' e soffia alla grande

Intrattenimento


Eminem arriva per Trump su 'Revival' e soffia alla grande

di Eminem nono album in studioRinascita è stata una delle uscite più attese di fine 2017.

Slim Shady non pubblicava un album dal 2013The Marshall Mathers LP 2, e nelle settimane precedenti aRinascitadel rilascio, sembravano esserci prove evidenti che Em fosse pronto a lanciare una bomba incendiaria politica mirato ad affrontare l'America di Trump e l'attuale clima culturale. Seguendo il suo cifra di cui si parla tanto ai BET Hip Hop Awards 2017, c'è stata una discussione diffusa sul ruolo del rapper bianco più celebrato dell'hip-hop in questo l'età di Black Lives Matter , MAGA e #MeToo. Il pubblico si aspettava un Eminem furioso e topico, e l'uscita dell'artwork della bandiera americana dell'album sembrava confermarlo.


Nonostante il ronzio pre-release, tuttavia,Rinascitanon è il rilascio guidato dai commenti che molti potrebbero essersi aspettati. L'attenzione politica dell'album è principalmente sulla prima metà, con Em che riflette su tutto, dal privilegio dei bianchi al supporto di Trump in modi che sembrano sinceri, ma non del tutto rivelatori. 'Mentre prendo a calci questi fatti e ottengo queste reazioni contrastanti / Mentre questo ritmo gira all'indietro, è come se stessimo tornando indietro / Negli anni Sessanta, avere la pelle nera è rischioso / Perché questo continua a succedere nel corso della storia.'

Ma una volta superato il punto di mezzo suRinascita, è chiaro che questo è praticamente Eminem standard, in termini di argomento. Riflette sul bagliore della superstar, diventa occasionalmente omicida , riflette sulla paternità e si scusa persino con la sua ex moglie, Kim. Il primo album del rapper in quattro anni non è una nuova direzione audace in quanto è Eminem che cerca di infilarsi nell'avanguardia della musica mostrando tutto ciò che può fare, in modo creativo.

In 'Believe', sta anche cercando goffamente di trasformare il suo flusso ipercinetico in ritmi trap. Ma non rinvigorisce la sua arte: sta semplicemente cercando di accontentare troppi ascoltatori. InveceThe Marshall Mathers LP 2sembrava disimpegnato, qui Em sembra che stia facendo troppo, e gli viene addossato alcune delle produzioni più inadatte della sua carriera.

“Perché le aspettative sono così alte? È la barra che ho impostato? / Le mie braccia, mi allungo, ma non riesco a raggiungerlo / Molto lontano da esso, o è nella mia presa, ma non appena / Appena afferro, stringo / Perdo la presa come il trapezio volante...”


Il primo singolo 'Walk On Water' assistito da Beyoncé ha suscitato reazioni contrastanti quando è stato rilasciato a novembre. La traccia cupa e guidata dal pianoforte vedeva Eminem lamentarsi dell'adulazione dei suoi fan. È una canzone che dovrebbe avere più potere di quanto non ne abbia, con Em che recita le sue rime come pagine di un taccuino capovolte in modo udibile, mentre Bey canta il ritornello. Ma non si gelifica: Beyoncé sembra disconnesso dai versi di Em e la produzione tranquilla non spinge mai il dramma dei testi a nessuna altezza.

'Remind Me' è prodotto da Rick Rubin e suona come un ritorno all'Em dei primi anni 2000 (o ai Beastie Boys della metà degli anni '80), un hook pronto per l'arena su un campione rock familiare (I Love Rock & Roll di Joan Jett) che ricorda i suoi successi del passato, come 'Sing For the Moment e 'Crazy In Love'. Il risultato è decisamente fuori luogo qui, una palla da softball trasparente per la radio. La maggior parte delle canzoni più accessibili qui, dalla caratteristica di Skylar Grey 'Tragic Endings' a 'Need Me' con Pink, sembrano riff troppo familiari sull'emotività pomposa dei successi Em post-2010 come 'Love The Way You Lie'. C'è la rabbia che cresce lentamente e i cori quasi inni, ma la formula ha prodotto rendimenti decrescenti per anni. Solo 'River' con Ed Sheeran è distinto ed è perché va per un suono più sottile.

Em chiama Trump in modo più diretto nel brano 'Like Home' prodotto da Just Blaze. Rappando per 'Someone get this Aryan a sheet', Em offre un quasi-sequel della sua traccia anti-Bush del 2004 'Mosh', con Alicia Keys che si unisce per il gancio. 'Untouchable' vede Em rappare dal punto di vista sia di un poliziotto bianco razzista che di un uomo di colore, ed è uno dei pochi momenti dell'album che sembra ispirato. Ma ancora una volta, questi momenti socialmente consapevoli sono pochi e lontani tra loro.

Em è per lo più ancora a guardare l'ombelico. E non è poi così interessante qui.


In 'Bad Husband', riflette su come chiunque possa essere bravo a fare i genitori mentre è terribile nel matrimonio. 'Offended' sembra il tipo di traccia che Em può sfornare nel sonno, mentre prende di mira i posatori dell'industria e coloro che hanno ancora problemi con lui e la sua musica, con un ritornello di 'Spero che tu abbia offeso / Puoi provare per trattenermi, ma è meglio che mi lasci alzare / Perché peggiorerai solo le cose / Spero che tu ti sia offeso / Perché giuro che quando mi alzerò, non mi arrenderò mai / Finché tutti non mi mangeranno stronzi.'

Il “Framed” prodotto da Fredwreck è l'inno misogino standard dell'omicidio di Marshall Mathers che non sciocca più o sorprende: è solo un esercizio in cui Eminem fa ciò che la gente si aspetta da lui a questo punto. In un album che sembra voler evidenziare la sua maturità come uomo, questo tipo di traccia sembra meccanica e creativamente fallimentare.

Le cose si fanno più avvincenti verso la fine. Em dedica ancora una volta una traccia a sua figlia, Hailie. La ventiduenne è stata una presenza fissa nella musica di suo padre sin da quando era bambina, e qui recita le lettere che le ha scritto quando era nel grembo di sua madre, e quando la sua stella ha iniziato a sorgere quando era una bambina . “ Questa è la tua canzone ', dice nel coro. 'Voglio solo che tu sappia che non ho paura / Qualunque cosa serva per crescerti, sono pronto / A fare qualsiasi cosa, a fare qualsiasi cosa.' L'album più vicino 'Arose' agisce come una sorta di sequel di 'Castles', con Em che immagina la sua morte e dichiara: 'Piccole signore, sii coraggiosa, prenditi cura di tua madre / Sorridi carina per le foto, amatevi sempre l'un l'altro / I' Ti amerò sempre, e sarò nei tuoi ricordi / E so che non mi dimenticherai mai.

Em ha detto che conRinascita, ha cercato di includere 'qualcosa per tutti', e qui sta l'ultimo passo falso dell'album: è una raccolta sparsa che presenta il 45enne Em che incorpora goffamente di tutto, dalla musica trap al pop-rock angosciante nel suo repertorio musicale , ma non sembra particolarmente ispirato (ea volte è forzato in modo imbarazzante). Eminem è sempre stato un rapper introspettivo, ma le sue osservazioni qui non rivelano molto che non si sia messo a nudo per anni. Sappiamo che è in conflitto sulla razza e su come ha beneficiato della sua; sappiamo che è alle prese con come essere un padre adatto; e sappiamo che è stato sopraffatto dalla fama e dai suoi fan. Qui, ha provato a presentare i soggetti classici di Eminem in abiti leggermente nuovi, e i risultati sono decisamente tiepidi.


L'ultimo di Eminem non farà dimenticare a nessuno la brillantezza di Kendrick LamarDANNAZIONE. o JAY-Z's4:44 . Nonostante la sua posizione commerciale ancora forte e le recenti vittorie di premi in qualche modo sconcertanti, molti ex fan hanno deciso molto tempo fa che Eminem aveva esaurito le cose significative da dire. È un rapper eccellente che si è dimostrato più che capace di offrire un'arte avvincente, ma il suo approccio si allontana sempre più dal punto in cui si sta dirigendo l'hip-hop. Questo non vuol dire che Slim Shady dovrebbe tuffarsi a capofitto nel 'mumble rap', ma mentre altri statisti più anziani del rap consegnano lavori che li vedono spingere la loro arte in nuovi posti, Em non può essere così soddisfatto con giochi di parole zoppi e schemi di rime complicate che ignora tutto il resto.

Rinascitanon è così politico come forse i fan si aspettavano che sarebbe stato. Ma è un fallimento perché non è neanche lontanamente ispirato come speravano i fan.