'La famiglia': gli evangelici cercano di trasformare l'America in una teocrazia

Intrattenimento


'La famiglia': gli evangelici cercano di trasformare l'America in una teocrazia

SecondoLa famiglia, Netflix è snervante nuova serie di documentari in cinque parti , il club più potente d'America è un consorzio di veri credenti religiosi legati dal loro amore fanatico per Gesù. Non ha un abbonamento ufficiale e non richiede quote. Fa gli straordinari per evitare la pubblicità. I suoi ranghi sono composti da repubblicani e democratici.

E cerca l'eliminazione della separazione tra chiesa e stato nella sua ricerca del suo bene più ambito: il potere.


Disponibile ora sul servizio di streaming, la miniserie di Jesse Moss è un adattamento ed espansione diLa famiglia(2008) eC Street(2010), due libri di saggistica scritti da Jeff Sharlet, le cui esperienze con 'the Family'—spesso anche chiamate 'the Fellowship'—forniscono una finestra su un mondo invisibile e sul movimento, nascosto in bella vista.

Come spiega ampiamente lo stesso Sharlet, la Famiglia è una coalizione di uomini cristiani evangelici d'élite che ricoprono posizioni di autorità governativa sia qui che all'estero. Organizzano il colazione nazionale annuale di preghiera che ha ospitato tutti i presidenti americani da Eisenhower, e fondano e gestiscono gruppi di studio della Bibbia in tutto il paese. Spinti dalla convinzione di essere 'scelti' da Dio, scelti personalmente da Lui per guidare, diffondono il Vangelo in lungo e in largo e, così facendo, rafforzano l'influenza politica e sociale proprio sotto il naso della popolazione.

Il loro obiettivo imperturbabile è una teocrazia cristiana globale, senza necessità di moralità o democrazia.

Questo rende indubbiamenteLa famigliasuona come un'opera di sfruttamento della teoria della cospirazione. Eppure non c'è nulla di immaginario nello spettacolo di Moss, che sostiene in modo conclusivo che la famiglia è molto reale.


Le sue origini sono iniziate nel 1935 a Seattle, dove Abraham Vereide, di origine norvegese, ha riunito 19 leader aziendali per un incontro su come combattere la minaccia del lavoro organizzato. Attraverso un'adorazione condivisa di Cristo, è nata la Famiglia informale. Alla morte di Vereide nel 1969, le redini furono passate a Doug Coe, un fondamentalista senza pretese che era orgoglioso del suo anonimato (e della famiglia) mentre diffondeva il suo messaggio missionario ai presidenti americani: Jimmy Carter lo loda in una nuova intervista alla telecamera come 'un buon cristiano' e capi di stato internazionali, non importa la loro orribilità. Era 'l'uomo più potente di Washington di cui non conosci il nome', diceMiami Heraldgiornalista investigativa Lisa Getter. 'È come il Mago di Oz.'

La famigliainizia con ricostruzioni drammatiche del tempo di Sharlet a Ivanwald, una casa di Arlington, in Virginia, dove è stato istruito nel marchio sciovinista della vecchia scuola della famiglia mentre lavava i gabinetti (sottomissione!), praticava sport (virilità!) ed evitava il sesso ( castità!). Lì, arrivò a comprendere non solo la fissazione principale dei seguaci su Gesù, il cui nome fungeva da vero talismano per i membri, ma come lo usavano poi per accumulare e rafforzare il loro potere. In questo movimento, chiunque sia disposto ad accettare Cristo è il benvenuto, inclusi despoti come Muammar Gheddafi in Libia e Sani Abacha in Nigeria, così come Agenti russi come Maria Butina , che ha partecipato alla National Prayer Breakfast del 2017 prima di dichiararsi colpevole di accuse di cospirazione per non essersi registrato come agente russo presso il Dipartimento di Giustizia.

La famigliasostiene che la Colazione Nazionale di Preghiera è il principale mezzo pubblico con cui la Famiglia esercita la sua influenza, sia riunendo e unendo credenti di tutte le convinzioni politiche, sia esportando il suo modello all'estero. Che sia anche un luogo maturo per lo sfruttamento da parte di lobbisti stranieri senza scrupoli non ha alcuna conseguenza per la Famiglia perché, come affermano molti membri in interviste sincere, il finale di gioco è un'alleanza inclusiva composta da compagni accoliti di Gesù (come afferma l'ex membro del Congresso del Tennessee Zach Wamp, “Chiunque sia interessato è il benvenuto”). Secondo la loro logica, il comportamento buono o cattivo è irrilevante; tutto ciò che conta è che tu sia uno degli individui speciali di Dio. E infatti, più una persona è peggiore, più merita il tuo tempo e la tua attenzione, perché perdonare i debiti degli altri dimostra il miracolo dell'amore di Gesù.

Annuncio pubblicitario

Così, dall'Argentina al Nicaragua alla Costa d'Avorio, sono spuntate le Prayer Breakfast, per gentile concessione di membri del Congresso americani che usano il loro status ufficiale e il loro potere per formare accordi e relazioni di canale secondario non autorizzati, tutti intrinsecamente radicati nel dogma cristiano, a spese dei contribuenti statunitensi.La famigliala rappresentazione di questa tentacolare rete di alleanze (alcune delle quali centralizzate in C Street, un vero e proprio dormitorio DC per membri del Congresso dei membri della famiglia) è notevolmente aumentata dalla partecipazione di Sharlet, il cui tempo temporaneo all'interno del gruppo, nonché dall'indagine sulla sua condotta negli ultimi 80 anni, espone sapientemente la sua insidiosa posizione nel governo americano. Mentre le drammatiche ricreazioni dello spettacolo raramente superano il funzionale, anche quelle con James Cromwell nei panni di Doug Coe, la sua completezza ed espansività è corroborante, trasmettendo l'incredibile portata della famiglia del 21° secolo.


Netflix

Inoltre, espone il loro crescente interesse a collaborare con la Russia, che ha inviato fino a 60 delegati alla National Prayer Breakfast 2018, grazie in parte al nuovo pezzo grosso della famiglia Doug Burleigh, genero di Coe (che è subentrato dopo la morte di Coe nel 2017) e specialista in tutto ciò che riguarda la Russia.

In questo contesto, il sostegno degli evangelici al presidente Donald Trump, un cittadino lascivo senza un osso pio nel suo corpo, non è ipocrita. Al contrario, lo vedono come il tipo di uomo forte alfa necessario per espandere il loro dominio, attraverso un'alleanza reciprocamente vantaggiosa in cui il potere è l'obiettivo finale. In linea con la loro passione di lunga data per gli autoritari (inclusi Hitler e Mao), la Famiglia vede Trump come uno spirito affine che capisce che alcuni sono predestinati a governare sugli altri; che chiunque sia un potenziale partner commerciale; e che l'etica non è un impedimento al raggiungimento dei propri fini. Di conseguenza, non sorprende che, in cambio del suo sostegno, Trump abbia regalato alla Famiglia il gabinetto cristiano più fondamentalista della storia politica americana.

Pensala come una mafia cristiana che cerca di creare una teocrazia globale sotto Gesù, con enclavi di base negli Stati Uniti (e nel pianeta) e l'impegno a condurre una 'diplomazia non consensuale' con i tiranni, da parte di funzionari americani eletti che affermano che i loro sforzi all'estero sono solo 'roba di Gesù' - come parte di una 'offensiva spirituale mondiale'. Con una profondità e un'ampiezza che ne amplificano le terrificanti conclusioni,La famigliasolleva il velo di segretezza che circonda questo vestito oscuro, e ciò che rivela è un nuovo ordine mondiale che non solo è in arrivo, è già qui.