La Porsche Death Suit della star di 'Fast and Furious' Paul Walker è stata sistemata

Intrattenimento


La Porsche Death Suit della star di 'Fast and Furious' Paul Walker è stata sistemata

Il veloce e il furioso i film ruotano attorno a una fantasia di velocità e pericolo.

Ma quando il rubacuori di Hollywood Paul Walker, una star del franchise, morto in un focoso 2013 incidente d'auto, i rischi della vita reale coinvolti nelle corse su strada ad alta velocità sono diventati tragicamente evidenti.


Walker, 40 anni, è stato ucciso dopo che la Porsche Carrera GT su cui viaggiava come passeggero si è schiantata contro un albero vicino a un evento di beneficenza a Santa Clarita, in California, il 30 novembre 2013, e ha preso fuoco.

raccapricciante, è stato poi stabilito che Walker è sopravvissuto all'incidente ma è stato bruciato vivo nel veicolo, intrappolato dalla cintura di sicurezza.

Successivamente è stato determinato che l'auto viaggiava ad almeno 80 miglia orarie quando ha colpito un palo del telefono.

I team legali che agivano per l'unica figlia di Walker, Meadow, sono stati pronti a lanciare accuse al conducente dell'auto, il suo socio in affari e miglior consulente finanziario Roger Rhodas e Porsche, i produttori del veicolo, sostenendo che la casa automobilistica avrebbe dovuto installare una tecnologia migliore che avrebbe potuto prevenire l'incidente o consentire a Walker di sopravvivere.


Ora, dopo aver già incassato un risarcimento di $ 10,1 milioni nel 2016 dalla tenuta di Rhodas, Meadow Walker avrebbe risolto la sua causa per omicidio colposo con Porsche, sostenendo che i difetti di progettazione della loro auto hanno contribuito alla morte di suo padre.

Secondo i documenti ottenuti dal sito web l'esplosione , il diciottenne Meadow ha raggiunto una risoluzione con Porsche il 16 ottobre.

I termini dell'accordo sono riservati ed entrambe le parti chiedono l'archiviazione del caso di omicidio colposo.

I documenti affermano che anche il padre di Paul Walker ha risolto una causa separata contro Porsche, secondo The Blast.


La causa del 2015 di Meadow contro la compagnia automobilistica sosteneva che suo padre inizialmente sopravvisse all'incidente, ma non fu in grado di sfuggire al relitto dopo essere stato intrappolato dalla cintura di sicurezza e fu bruciato vivo.

I documenti affermano che la cintura di sicurezza 'ha spezzato il busto di Walker con migliaia di libbre di forza, rompendogli così le costole e il bacino'.

Gli avvocati di Walker hanno accusato Porsche di sapere che la Carrera GT aveva una storia di 'problemi di instabilità e controllo'.

Nella causa, ottenuto da ABC News , i documenti citavano il motore da 605 cavalli dell'auto e la velocità massima di 205 mph, insieme alla mancanza di 'caratteristiche di sicurezza che si trovano su auto da corsa ben progettate o persino sulle auto stradali meno costose di Porsche', osservando che tali caratteristiche 'avrebbero potuto ha impedito quell'incidente o, come minimo, ha permesso a Walker di sopravvivere allo schianto'.


La causa sosteneva anche che la casa automobilistica non avesse installato un 'sistema di controllo elettronico della stabilità, che è specificamente progettato per proteggere dalle azioni di sterzata inerenti ai veicoli ipersensibili di questo tipo'.

“La linea di fondo è che la Porsche Carrera GT è un'auto pericolosa. Non appartiene alla strada. E non dovremmo essere senza Paul Walker o il suo amico, Roger Rhodas', ha detto all'epoca ad ABC News l'avvocato di Meadow Walker, Jeff Milam.

Circa due mesi dopo che Meadow Walker ha intentato la sua causa, Porsche ha affermato che l'attore 'si è assunto consapevolmente e volontariamente tutti i rischi, i pericoli e i pericoli rispetto all'uso del soggetto 2005 Carrera GT'.

Porsche ha affermato che al momento della produzione e della vendita dell'auto, la Carrera GT del 2005 era 'allo stato dell'arte' e che il suo abuso, alterazione e uso improprio 'ha causato o contribuito all'incidente e alla morte del signor Walker'.

Personerivista ha riferito che nei documenti del tribunale depositati a novembre, Porsche ha affermato che 'Mr. Walker... ha scelto di comportarsi in modo da esporsi a tali pericoli, pericoli e rischi, assumendosi così tutti i rischi connessi all'uso del veicolo”.

Walker, un surfista con i capelli biondi e penetranti occhi azzurri, era nel bel mezzo delle ripreseFast and Furious 7al momento della sua morte.

Era stato un personaggio chiave nel franchise sin dal suo inizio, recitando al fianco di Vin Diesel nel ruolo dell'ufficiale della polizia di Los Angeles sotto copertura Brian O'Conner.