Ha dato la caccia a Bin Laden per conto della CIA. Ora vuole gli americani morti.

Politica


Ha dato la caccia a Bin Laden per conto della CIA. Ora vuole gli americani morti.

L'ex anziano funzionario della CIA una volta incaricato della caccia a Osama bin Laden ha passato l'estate invocando il massacro dei suoi concittadini americani.

Michael Scheuer chiama Le vite dei neri contano un''organizzazione terroristica' e una 'folla semi-umana'. Sul suo blog e sul suo podcast, Scheuer si infuria contro una cospirazione diffusa e a tradimento che prende di mira non solo il presidente Trump, ma il carattere fondamentale della repubblica americana. Merita 'punizione... non l'abbiamo mai vista prima in questo paese'. Kyle Rittenhouse, il 17enne accusato di omicidio per aver sparato ai manifestanti a una protesta di Kenosha, nel Wisconsin, è un 'giovane eroe'. Se l'America è fortunata, Scheuer ha scritto la scorsa settimana, 'le azioni necessarie, patriottiche e costituzionali di Rittenhouse alimenteranno la formazione di milizie negli Stati Uniti'. A luglio, lui ha scritto che 'i fedeli americani conoscono i loro nemici interni, così come le loro posizioni, in dettaglio, e saranno in grado di agire rapidamente per eliminarli e la minaccia che rappresentano'.


La difesa della violenza di Scheuer segue a lunga traiettoria . A dicembre ha appoggiato il sempre più violento QAnon movimento cospirativo , che l'FBI ha chiamato a potenziale fonte di terrorismo interno . Coloro che negano le sconvolgenti allucinazioni di QAnon sono, per Scheuer, 'colpisti [e] insurrezionisti'. Il mese scorso, Scheuer rivendicazione rivendicata contro i critici quando Trump sembrava riconoscere QAnon. Scheuer è stato a lungo a suo agio con la violenza. Il suo libro di carriera del 2004arroganza imperialesosteneva che l'America avrebbe dovuto condurre una guerra molto più sanguinosa, inclusa la distruzione delle infrastrutture civili, a meno che non cedesse il suo ruolo imperiale in Medio Oriente. Sedici anni dopo, il nemico di Scheuer è domestico. 'L'unica cosa di cui sarei arrabbiato se si trattasse di una guerra è che non verrebbero uccisi abbastanza democratici', ha detto ha detto nel suo podcast a luglio .

Gli esperti di antiterrorismo hanno da tempo etichettato Scheuer come un eccentrico. Eppure la difesa della violenza politica da parte di Scheuer sembra inquietante come un presagio. L'ex consigliere di Trump, Roger Stone, ha esortato Trump a dichiarare la legge marziale e incarcerare i suoi critici se perde le elezioni di novembre. Ally Michael Caputo, ora al Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani, secondo quanto riferito ha inventato un'insurrezione di sinistra su una chat di Facebook Live. E durante il fine settimana, Trump approvato agenti federali che sparano a un sospettato per l'uccisione di un manifestante di destra. 'È così che deve essere, ci deve essere una punizione quando si hanno crimini come questo', ha detto a Fox News, facendo eco a un punto che ha affermato prima in estate.

'Scheuer rappresenta un fenomeno che si sta svolgendo quest'estate nelle città americane: la guerra al terrore che torna a casa'.

'Penso che abbiamo tenuto il fuoco per quattro anni, davvero per me dal 1973, da quando uccidono i bambini', ha detto Scheuer, riferendosiRoe contro Wade. Prevede una massiccia frode degli elettori democratici a novembre, anche se Trump è quello che pre-delegittima le elezioni. 'Penso solo che sia irragionevole per i Democratici pensare che nessuno risponderà a quel tipo di tentativo di prendere il governo'.

Per quanto Scheuer possa essere oggi slegato, la CIA un tempo lo ha collocato in ruoli cruciali. È stato il primo capo dell'Unità di Osama bin Laden - la chiamò Stazione Alec in onore di suo figlio - incaricato di analizzare al Qaeda nella sua fase precedente all'11 settembre, dal 1995 al 1999. E non solo analisi: durante quel periodo, Scheuer gestiva operazioni di rendition, ovvero rapimenti di sospetti terroristi per tortura nei paesi partner, il seme che sarebbe germogliato nel programma di tortura post 11 settembre della CIA. Scheuer potrebbe non essere più abbastanza rispettabile per i membri dello stato di sicurezza che operano la guerra al terrorismo. Ma Scheuer rappresenta un fenomeno che si sta svolgendo quest'estate nelle città americane: la guerra al terrore che torna a casa.


Gli ex studenti della CIA prendono le distanze da Scheuer. Quattro persone che hanno lavorato con lui direttamente in agenzia non hanno voluto commentare questa storia; né lo erano altri due che avevano a che fare con Scheuer in modo marginale.

Alcuni ex colleghi hanno espresso una preoccupazione fraterna per Scheuer pur non essendo sorpresi dalla sua svolta fanatica. Ricordavano un uomo che consideravano eccezionalmente intelligente e i cui primi scritti su al Qaeda riflettono un'intuizione duratura. In un momento in cui l'opinione prevalente vedeva al Qaeda come nient'altro che fanatici religiosi, Scheuer ha valutato che bin Laden ha reagito a specifiche decisioni politiche degli Stati Uniti - la sua influenza egemonica sul Medio Oriente e i suoi governi e la violenza che i musulmani hanno subito - che ha amareggiato milioni di musulmani In tutto il mondo. Altri preferiscono che Scheuer non riceva alcuna attenzione principale a causa della sua violenta invettiva.

Annuncio pubblicitario

Pochi dei contemporanei di Scheuer lo ricordano come cospiratore all'agenzia come lo è oggi. Né la maggior parte degli intervistati per questa storia crede che la CIA avrebbe potuto individuare segnali di pericolo. L'eccezione è Glenn Carle, un ufficiale delle operazioni della CIA in pensione che conosceva i colleghi di Scheuer. “È sempre stato un estremista. Questa è una sua caratteristica psicologica, non un suo attributo politico', ha detto Carle. “Chiaramente e senza eccezioni è dispregiativo, al punto da essere grottesco, nella sua ingiustizia verso qualsiasi figura politica che mostri una temperanza”.

Un'altra persona che vede una continuità essenziale tra lo Scheuer della CIA e lo Scheuer di oggi è lo stesso Scheuer. 'Non ho mai pensato che avrei dovuto preoccuparmi dei nemici dello stato', ha detto. “Il mio lavoro alla CIA o il mio lavoro nel piccolo ruolo che ho ora scrivendo è quello di assicurarmi che la repubblica sopravviva, in una forma di governo repubblicana di piccole dimensioni, che prevalga la Costituzione, che ci sia uguaglianza davanti alla legge e vedo tutto queste cose scompaiono davanti ai miei occhi. Penso che sia una linea diretta. Non mi è mai importato un accidente di uccidere un nemico degli Stati Uniti'.


“Prima che i gesuiti diventassero fate della nuova era, questo è ciò che i gesuiti ti hanno insegnato a fare: dire quello che pensi, e se ci credi, dillo ad alta voce e non indietreggiare mai. Ecco perché ammiravo Ron Paul. Ecco perché ho ammirato Osama bin Laden. '- Michael Scheuer

Diversi veterani dell'agenzia hanno ricordato quella che uno ha descritto come la 'rabbia' di Scheuer. Si è manifestato in due modi. Scheuer si è scontrato con altri funzionari dell'antiterrorismo, alla Casa Bianca di Clinton e alla CIA, e ha elevato i disaccordi a cartine di tornasole per chi era e non era disposto a proteggere gli americani contro al Qaeda. Alcuni dei suoi ex colleghi pensano che gli avversari di Scheuer fossero intransigenti, ma consideravano il suo vetriolo andare troppo oltre; uno lo chiamava 'pazzo di merda'. Inoltre, lo hanno visto esprimere disinteresse per le morti di civili che sarebbero derivate da attacchi contro obiettivi di al Qaeda. 'Non gli importava dei danni collaterali come alcuni di noi', ha detto un altro ex collega.

Questo era visibile nei suoi scritti e nelle dichiarazioni post-CIA. Scheuer chiamato le interpretazioni che ha progettato 'l'operazione segreta di maggior successo che sia mai stata gestita dalla CIA'. Ma il lavoro di intelligence non avrebbe mai potuto sostituire la violenza di massa che considerava tragicamente necessaria per gli Stati Uniti infliggere al mondo musulmano. 'Dovremo usare la forza militare nel modo in cui gli americani l'hanno usata sui campi della Virginia e della Georgia, in Francia e sulle isole del Pacifico, e dai cieli di Tokyo e Dresda', ha scritto Scheuer inarroganza imperiale. Ciò includeva un 'rasamento delle infrastrutture in stile Sherman', intrapreso contro la 'base di appoggio' dei civili del nemico, per distruggere 'strade e sistemi di irrigazione; ponti, centrali elettriche e colture in campo; piante fertilizzanti e mulini per cereali”. Non è chiaro in che modo un tale immiserimento di massa di civili avrebbe sconfitto i jihadisti piuttosto che ispirarne ondate di nuovi, come hanno fatto 20 anni di guerra al terrore.

Annuncio pubblicitario

Prima che Scheuer lasciasse la CIA nel 2004, i suoi colleghi videro in lui un'altra qualità che consideravano inquietante. Aveva la tendenza a rispettare i 'rivoluzionari', come si diceva, dalla Generazione Fondatrice e oltre, che erano disposti a usare la violenza per perseguire i propri interessi e convinzioni. Lo ha portato dentroarroganza imperialeper descrivere bin Laden in termini che andassero al di là di un sano rispetto per un avversario. “Gli americani farebbero bene a ricordare che bin Laden, agli occhi e al cuore dei musulmani, non è dissimile da un altro uomo - anche, ironia della sorte, pio, tranquillo e devoto - che ha lottato per quattro anni estremamente sanguinosi per distruggere gli Stati Uniti e, nel fare così, ha evocato una lealtà e un amore senza precedenti da parte di milioni di persone che perdurano anche oggi”. Scheuer si riferiva a Robert E. Lee, e non intendeva fare il paragone per dannare né il generale confederato né bin Laden.

Interrogato sulle sue opinioni su bin Laden, Scheuer ha affermato di essere 'molto disposto ad ammirare chiunque dica la sua opinione e la dica con coerenza e acutezza. Prima che i gesuiti diventassero fate della nuova era, questo è ciò che i gesuiti ti hanno insegnato a fare: dire quello che pensi e, se ci credi, dirlo ad alta voce e non indietreggiare mai. Ecco perché ammiravo Ron Paul. Ecco perché ammiravo Osama bin Laden'.


Scheuer non era certo l'unico a credere che la vittoria sul terrorismo fosse una questione di brutalità sufficiente. Questo ha animato i colleghi della CIA di Scheuer nel programma di tortura... uno dei quali poi sposò . Ha anche condiviso la loro convinzione che il valoroso sacrificio della CIA sarebbe stato inevitabilmente tradito da frivoli politici liberali. Durante un'audizione al Congresso del 2007, Scheuer ha testimoniato che i giornalisti che hanno rivelato le camere di tortura dei siti neri della CIA e i politici che li hanno criticati 'dovrebbero scusarsi pubblicamente con gli uomini e le donne della CIA che hanno eseguito il programma di consegna del loro governo'. Quelli che guidavano l'agenzia erano un po' meglio. “La competenza è un killer di carriera, specialmente nella comunità dell'intelligence. Il più apprezzato è il 'generalista'... esperto in molti argomenti, esperto in nessuno, questi ufficiali di solito di sesso maschile sono rapidamente seguiti per l'alta dirigenza ', ha scritto inarroganza imperiale. I funzionari eletti ricevono briefing di intelligence da 'dilettanti ben vestiti, articolati e politicamente sensibili, e non sentono nulla da esperti idiosincratici, intuitivi e inclini alla realtà'. Il risultato, ha scritto, sono stati i 'disastri in Iraq e in Afghanistan'.

Tutto ciò ha dato a Scheuer un quadro per elaborare la dolorosa realtà che la guerra al terrore non ha prodotto né pace né vittoria. La guerra era condannata non dall'esterno, non perché fosse destinata a fallire, ma dall'interno: prima dalle élite che erano impreparate a rinunciare all'egemonia americana assaltata da bin Laden; e anche dalle élite che erano impreparate a combattere la violenza necessaria che avrebbe in qualche modo pacificato ciò che ha caratterizzato nel suo libro come 'molto dell'Islam'.

Una chiave di questo passo è stata Barack Obama, la cui presidenza Scheuer ha considerato sia una resa nella guerra al terrore, in particolare dopo che Obama ha posto fine al programma di tortura della CIA, sia l'ascesa di un tiranno. Nel 2014 ha suggerito che assassinare Barack Obama era legittimo. Scheuer, a quel punto, era molto al di fuori del rispettabile mainstream conservatore e le sue apparizioni sui media diminuirono. Nel 2015 scriveva che 'abbastanza si sta avvicinando molto all'essere abbastanza' da un governo tirannico che 'permette ai suoi cittadini di essere uccisi in casa a causa del suo rifiuto di fare la guerra senza pietà'. Ma tutto ciò lo ha reso un pioniere della critica nazionalista alla guerra al terrore proposta da Donald Trump: contro le guerre rese invincibili da élite vigliacche che non erano disposte a usare sufficiente violenza contro 'l'Islam radicale'.

Annuncio pubblicitario

I più importanti veterani della CIA sono rimasti sconvolti da Trump, anche se raramente riconoscono che Trump ha schierato l'islamofobia e altri risentimenti che le loro guerre post-11 settembre hanno scatenato e aggravato. Scheuer si avvicina a Trump dalla prospettiva opposta: un presidente che alla fine lo ottiene. I gruppi terroristici rimangono una minaccia 'perché i generali americani sono falliti e codardi morali'. L'immigrazione dovrebbe essere limitata ai 'sudafricani bianchi e agli europei bianchi provenienti da un numero limitato di paesi dell'UE' e a coloro che sono perseguitati da 'musulmani violenti'. Gli scontri di Trump con i leader dell'intelligence dimostrano a Scheuer che Trump ha i nemici giusti, le persone che hanno derubato l'America della vittoria, anche se qualsiasi definizione di Deep State dovrebbe includere i veterani della CIA come lui. Il passo per QAnon è stato breve.

A dicembre, Scheuer ha scritto sul blog che 'coloro che non credono a QAnon saranno molto sorpresi'. Lo ha reso l'ex funzionario dell'intelligence più anziano ad abbracciare un culto nato dai social media che ritrae i nemici politici di Trump come una cospirazione pedofila. 'C'è così tanta accuratezza e accuratezza ben provata', ha scritto di una teoria tenendo in braccio John F. Kennedy Jr. è vivo e accuse segrete presto imprigioneranno Obama e altri a Guantanamo.

“QAnon è una persona molto interessante per me. Lo ascolto ogni volta che posso. Nelle operazioni di intelligence, se fai funzionare una cosa su 10, di solito è un buon affare, e penso che le sue informazioni siano state, secondo me e quello che ho visto in termini di conferma, circa il 60 percento, che è straordinario in questo giorno ed età', ha detto.

Ma la cospirazione era meno importante di ciò che autorizzava: 'Personalmente, preferirei una punizione immediata e letale, post-processo, da parte di plotoni di esecuzione di cittadini fedeli scelti tramite lotteria', ha scritto. Gli obiettivi includevano Obama 'nato in Kenya', Hillary Clinton, Nancy Pelosi, John Brennan,Washington Postl'editorialista David Ignatius, Christopher Steele di Russiagate e i principali democratici del Congresso. Altro liste di successo includono giornalisti, accademici, 'qualsiasi capo o ufficiale di polizia' che sostiene i tagli al budget della polizia e 'tutti i medici, gli insegnanti e i sindacati degli insegnanti che sostengono la continua chiusura delle scuole in tutta la repubblica', che Scheuer vede come commisurato alle predazioni di Jeffrey Epstein e, presumibilmente, Ghislane Maxwell . 'Non c'è protezione costituzionale per i cittadini statunitensi che fanno la guerra contro il loro paese, specialmente quelli che arruolano governi stranieri per assisterli', ha giudicato Scheuer, intendendo non il presidente 'Russia, se stai ascoltando', ma gli avversari di Trump.

Annuncio pubblicitario

Ma lo sconvolgimento dell'estate 2020 ha visto Scheuer approvare apertamente il tipo di violenza sugli americani che in precedenza riservava ai jihadisti e alla loro 'base di appoggio'.

I volontari puliscono i graffiti da una scuola superiore vicino al tribunale della contea di Kenosha dopo un'altra notte di disordini.

Scott Olson/Getty

Per Scheuer, non ci sono manifestanti. C'è invece un ' minaccia sub-umana degli insorti ”, armata dal Partito Democratico e finanziata da gente come George Soros e Bill Gates , 'rivolta in onore della feccia criminale' come le vittime della brutalità della polizia George Floyd e Jacob Blake . 'Se hai abbastanza ufficiali generali leali da distruggere il nemico interno, arresta i generali sleali e fallo il prima possibile, e usa tutta la violenza necessaria per porre fine a questa minaccia per sempre', ha esortato Scheuer a Trump il 5 giugno, quando la repressione del presidente DC era in corso . I generali che si opponevano all'uso dell'esercito per quella fine erano esempi delle guerre perdute dell'America che erano... Ora “aiutare i Democratici a distruggere la repubblica”. Se Joe Biden vincesse le elezioni, Scheuer aveva previsto il mese successivo sul suo podcast , i Democratici sarebbero 'stupidi immaginare che questo conserverà le loro vite'.

Dopo una carriera all'interno della CIA, Scheuer non ripone più molte speranze nelle istituzioni per salvare la repubblica. La speranza risiede invece nelle persone ispirate da uomini come Kyle Rittenhouse, che ha sparato a 'terroristi democratici' a Kenosha. Il 'dono' di Rittenhouse, sosteneva Scheuer, consisteva nel mostrare 'ai suoi concittadini... che nessun cittadino statunitense è obbligato a stare a guardare la sua casa, la sua auto o la sua attività che vengono bruciate dai maiali democratici, o a non infliggere conseguenze fatali allo stesso feccia quando cercano di ferire o uccidere lui, la sua famiglia o i suoi vicini”. Quel dono era particolarmente importante 'per i giovani veterani militari', ha valutato Scheuer. Prima delle elezioni del 2020, Scheuer ha esortato gli americani a formare milizie armate 'locali e nazionali' per fermare il potenziale furto democratico.

La guerra interna che Scheuer sta esortando è più di una resa dei conti immaginaria tra le fazioni americane. La sua fantasia, non solo la sua vittoria ma anche la sua finalità, mostra una versione redenta della guerra al terrore, fino ai 'terroristi democratici' al posto dei jihadisti fantasma. Sostituisce gli orrori delle guerre perdute con una gloria restaurata, possibile solo attraverso il sangue di coloro che avrebbero impedito all'America di vincere. Tra le ironie della radicalizzazione del primo cacciatore di bin Laden della CIA c'è un episodio del podcast di Scheuer dell'estate in cui un religioso ha avvertito che 'Dio ha delegato [l'amministrazione Trump] a usare quella spada, per reprimere l'anarchia. Puoi chiamarla legge marziale, puoi chiamarla come vuoi'.

Una cosa che Scheuer voleva chiarire è che intende quello che dice. Black Lives Matter ha “distrutto più proprietà” di al Qaeda, rendendoli “assolutamente” terroristi. (Un palazzo di giustizia vandalizzato; il World Trade Center: qual è la differenza?) I radicali di sinistra stanno dando fuoco alla costa occidentale, qualcosa che è stato apparentemente oggetto di un calo di Q questo fine settimana, secondo aNew York Timesgiornalista Kevin Roose. La violenza è 'purtroppo inevitabile'. Alla domanda se avrebbe partecipato, Scheuer ha detto che a 67 anni non sarebbe durato a lungo, 'ma sono certamente armato'.

Annuncio pubblicitario

“La gente sembra pensare che io dica cose che non intendo. Sono davvero offeso da questo. Se dico qualcosa, non significa che sto testando le acque. Questo è quello che penso, prendere o lasciare', ha detto.

Scheuer è molto più estremo della maggior parte degli altri: 'Non sono affatto estremo', replica; i giornalisti come me non vedono quello che vede lui, ma rappresenta un fenomeno più ampio. L'estate 2020 ha visto l'uso domestico di un apparato di repressione costruito appositamente per la guerra al terrore.

Il Department of Homeland Security, la creazione per eccellenza dopo l'11 settembre, ha rivolto le forze militarizzate d'élite sui manifestanti a Portland in risposta ai danni alle proprietà e ha usato sofisticati mezzi di sorveglianza aerea per spiare più città degli Stati Uniti. Il procuratore generale ha informato le task force sul terrorismo congiunte che uniscono le forze dell'ordine locali e federali che... dovevano indagare sui manifestanti . Polizia in tutto il paese, in alcuni casi armato di equipaggiamento ricevuto da overstock del Pentagono o sovvenzioni DHS, dimostratori trattati come le persone sotto occupazione . La retorica della guerra al terrore seguì inevitabilmente, dal giuramento di Trump di designare gli antifascisti come terroristi al suo annuncio di a 'surge' delle forze dell'ordine federali in presunte città assediate. Anche le milizie emergenti di estrema destra prendono in prestito dalla cultura della guerra al terrore, chiamandosi cose come la traduzione letterale inglese di al Qaeda . Più rispettosamente, 20 anni di guerra e 400 anni di supremazia bianca, hanno contribuito a rendere la proposta di schiacciare le proteste con il mainstream militare degli Stati Uniti abbastanza da consentire a un senatore degli Stati Uniti di proporre e alla pagina editoriale del New York Times da pubblicare.

“‘Continui a parlare di uccidere persone come me’, dissi. 'Beh, sai, ci sono sempre danni collaterali in una guerra civile', ha risposto l'ex funzionario della CIA. '

La difesa di Scheuer della violenza civile di massa può essere una manifestazione estrema. Ma la sua traiettoria mostra l'insostenibilità di fingere che gli effetti deturpanti che le guerre senza fine hanno sui loro praticanti possano essere isolati all'estero. La maggior parte degli ex-alunni critici della CIA di Trump, così come i loro colleghi dei servizi di sicurezza, hanno agito come se la guerra di generazioni che hanno condotto non avesse alcuna relazione con il più ampio disfacimento della politica americana. Raramente hanno prestato attenzione alla cospirazione e alla repressione che la guerra ha generato fino a quando non è stata inignorabile entro le loro istituzioni . Non è un caso che i radicali e i cospirazionisti dello stato di sicurezza tendano a coinvolgere gli altri americani come una 'quinta colonna' per spiegare i fallimenti della guerra, come l'accademico di West Point che nel 2015 ha sostenuto 'grande distruzione, innumerevoli vittime del nemico e danni collaterali civili” volevano gli elenchi di obiettivi dell'esercito americano per includere gli avvocati che hanno criticato la guerra al terrore. 'La guerra al terrore è un vettore per la frattura della società americana', ha osservato Glenn Carle, ex collega di Scheuer alla CIA, qualunque cosa i suoi architetti potessero aver inteso.

Annuncio pubblicitario

Carle ha notato che 'elementi' come quelli di Scheuer erano presenti all'interno della CIA, ma considera che un derivato della cultura dell'agenzia riflette 'la diversità della società americana', piuttosto che la CIA che incuba i futuri Scheuer. Ha ricordato di aver lottato con questo quando ha partecipato al programma di tortura, un'esperienza che cambia la vita per lui . “Quasi tutti i miei colleghi sono persone onorevoli, dedicate e prive di principi. Eppure è stato sorprendente sperimentare che non appena è arrivato l'ordine: 'Fai questo perché siamo in pericolo', così tanti l'hanno accettato senza pensarci, semplicemente perché era un ordine del comandante in capo. Ma era contro la fottuta legge», disse Carle. “Questo fenomeno si verifica in periodi di stress, inconsciamente, siamo tribali e viscerali. Questo sta accadendo nella società americana in un senso più ampio, ed è quello che sta succedendo a Scheuer'.

Carle ha continuato: “Non so se fosse inevitabile trasformare la guerra al terrore in un'arma domestica. Ma 20 anni di risposta assolutista a un problema piuttosto che a uno strutturato portano a prospettive estreme sulle questioni domestiche, che alla fine possono solo portare alla violenza e alla discordia”.

Al termine della nostra conversazione, Scheuer ha affermato che i nostri disaccordi sulle circostanze fondamentali della società americana e sulla legittimità della violenza per rettificarle non dovrebbero impedirci di prendere un caffè o una birra.

'Lo spero, ma continui a parlare di uccidere persone come me', dissi.

'Beh, sai, c'è sempre un danno collaterale in una guerra civile, e non puoi pungolare le persone per sempre e aspettarti che non rispondano', ha risposto l'ex funzionario della CIA.