Come Harry e Meghan hanno fatto in modo che Archie e Lilibet crescessero in totale privacy

Arte-E-Cultura


Come Harry e Meghan hanno fatto in modo che Archie e Lilibet crescessero in totale privacy

Uno dei motivi dati dai Sussex quando hanno lasciato la vita reale ufficiale era che volevano più privacy. Da allora sono stati derisi come ipocriti in alcuni ambienti dai critici che affermano che continuano a corteggiare l'attenzione globale.

Ma tale cecchinaggio, forse deliberatamente, manca di un punto importante: che la coppia è riuscita a fornire un livello di privacy ai propri figli che supera di gran lunga quello che erano in grado di offrire ad Archie nel primi mesi traumatici dopo la sua nascita, o, appunto, quello che Kate e William hanno potuto regalare ai loro figli.


Fotografie a figura intera dei figli di William e Kate (spesso scattate da Kate) vengono regolarmente distribuiti nei loro compleanni e i bambini fanno anche diverse apparizioni pubbliche accuratamente allestite ogni anno in cui alla stampa viene data l'opportunità di fotografarli.

Sono anche cooptati in altri acrobazie di marketing digitale dai loro genitori: pensa alle clip di Instagram che ringraziano il SSN per il loro lavoro o ai video dell'anniversario di matrimonio arrostito con marshmallow, ad esempio.

Queste dispense rappresentano un accordo di pace di palazzo consolidato con i media. I media ottengono foto dei bambini e la stampa dovrebbe non pubblicare in cambio alcuna immagine non autorizzata dei bambini.

Anche se l'accordo è difficile e occasionalmente fallisce, solo la scorsa settimana The Daily Beast ha rivelato che il palazzo ha colpito il tetto dopo che le foto non autorizzate dei Cambridge che pranzavano in un giardino di un pub sono state pubblicate dalsole—l'architettura dell'arrangiamento generalmente regge.


Nonostante il fatto che l'accordo dia al palazzo un livello di controllo della narrazione per il quale altre celebrità darebbero i denti, William detesta ancora il principio di dover consegnare le foto dei suoi figli per il consumo pubblico. A malincuore acconsente.

Anche Harry lo odiava e ora, libero da quel compromesso mediatico concordato collettivamente, lui e Meghan stanno perseguendo una politica molto più radicale. Sembra che stiano cercando niente di meno che il completo anonimato per i loro figli perseguendo aggressivamente i fotografi e, in un caso straordinario, mandando in bancarotta un'agenzia che distribuiva foto di Archie.

Il principe Harry e Meghan Markle britannici appaiono sul palco al concerto Global Citizen Live del 2021 al Central Park di New York, negli Stati Uniti, il 25 settembre 2021.


REUTERS/Caitlin Ochs

Il risultato è che, quattro mesi dopo la sua nascita, il pubblico non ha ancora assolutamente idea di come sia la piccola Lilibet.

Nessuna fotografia della loro figlia, autorizzata o meno, è stata ancora pubblicata. La coppia ha persino rifiutato di annunciare una data di battesimo per lei.

Archie ha un profilo leggermente più alto su Google Immagini, anche se il fatto che l'ultima foto di Archie pubblicata mostrasse le sue spalle, che la coppia ha condiviso in occasione del suo secondo compleanno a maggio, dà un indizio su come i Sussex intendono gestire l'accesso a le immagini dei loro figli andando avanti. Lo scatto in bianco e nero mostrava una vista posteriore di Archie con in mano un mazzo di palloncini.

L'ultima volta che il mondo ha visto la sua faccia è stato in un video proiettato della coppia che giocava con Archie sulla spiaggia nella loro intervista a Oprah Winfrey.


Prima di ciò, la coppia ha pubblicato un'immagine di lui trattenuto da suo padre sulle rive di un lago canadese per celebrare il capodanno 2019.

Ci sono state solo una manciata di notevoli immagini non autorizzate di Archie che sono diventate di pubblico dominio. La feroce risposta del Sussex a tali intrusioni è stata notevole e un salutare promemoria per la stampa che Harry e Meghan adotteranno misure estreme per proteggere la privacy dei loro figli.

Hanno citato in giudizio l'agenzia di Hollywood X17 per le immagini scattate dai droni che sono state scattate alla madre di Archie e Meghan, Doria, nella casa di lusso che hanno occupato in Canada nel Natale 2019. Bunte, un tabloid di supermercati tedesco, ha fatto una foto di Doria che spinge Archie, allora quattordicenne, in una macchinina.

Come parte dell'accordo, X17 si è impegnato a non occuparsi mai più di nessuna foto della coppia o del figlio scattata da droni, zoom o teleobiettivi 'in qualsiasi residenza privata o nei terreni privati ​​circostanti'.

X17 ha rifiutato di commentare la vicenda al The Daily Beast.

'Possono permettersi di farti causa molto più di quanto tu possa permetterti di difenderti.' — Giles Harrison

Un'altra agenzia, Splash, ha pubblicamente accusato la sua dichiarazione di fallimento del capitolo 11 del costo dell'azione legale contro di essa da parte di Harry e Meghan dopo aver distribuito le foto scattate a Meghan che camminava in un parco pubblico con Archie in una papoose. Splash non è stato forse saggio a scuotere la gabbia dei Sussex, essendo stato precedentemente costretto a scusarsi con la coppia quando vivevano in Inghilterra per aver noleggiato un elicottero per sorvolare a bassa quota la casa privata della coppia nel villaggio di Great Tew, nel Cotswold.

La seconda volta, anche se Meghan era in un luogo pubblico quando è stata scattata la fotografia, e il caso contro l'agenzia è stato probabilmente meno netto, i Sussex sono entrati in guerra con Splash. A marzo ha dichiarato bancarotta, citando il “ insopportabilmente costoso ' azione legale.

Giles Harrison, un paparazzo veterano e CEO di agenzia London Entertainment , ha detto al Daily Beast che la propensione dei Sussex a fare causa ha avuto un effetto raggelante sull'inclinazione del suo settore a coprire e fotografare la famiglia.

“Molte persone hanno deciso che non ne vale la pena. Non vale la ricaduta che ne deriva. Se ottieni le loro foto, cercheranno di farti causa, qualunque cosa accada, non importa dove ti trovassi, non importa se eri nel luogo più legale e pubblico del pianeta. E possono permettersi di farti causa molto più di quanto tu possa permetterti di difenderti'.

Alcuni fotografi, ovviamente, lavorano ancora a ritmo, proprio perché la scarsità di foto di famiglia del Sussex ne ha aumentato il valore. Harrison è riluttante a dare una cifra esatta a tali immagini, ma dice: “Valgono molto. Se sei stato fortunato e hai una foto di famiglia di loro tutti insieme a Disneyland, potresti non aver più bisogno di lavorare”.

Harrison afferma che mentre proteggere la privacy dei tuoi figli è un compito difficile a Los Angeles, farlo in modo efficace è una potente espressione di potere, ricchezza e status: 'C'è un livello di celebrità che se non vogliono che i bambini siano fotografati, fondamentalmente non lo faranno. Pensa a Beyoncé e Jay-Z o a Brad e Angelina nei primi anni di vita dei loro figli».

Il risultato di tutto questo è che non sappiamo molto su come vengono cresciuti esattamente i bambini, a parte ciò che i Sussex hanno permesso di entrare, o almeno non bloccato, nel pubblico dominio.

È difficile immaginare che Meghan e Harry non sposterebbero cielo e terra per consentire ai loro figli di incontrare altri della loro età, ma Archie non è mai stato fotografato con amici o compagni di gioco. Un complesso di Montecito di sette acri super-sicuro e ultra-privato è comodo così.

Gli investigatori di Internet hanno, tuttavia, concluso che Archie ha frequentato la scuola materna dopo Page Six ha pubblicato le foto ad aprile di quest'anno di lui che viene portato lungo una strada di Los Angeles da sua madre mentre sfoggia 'uno zaino verde e un cestino per il pranzo a tema spaziale'. Le foto sono state scattate da un fotografo anonimo e accreditate all'agenzia Backgrid.

Ciò che è chiaro è che un'enorme quantità di tempo di entrambi i genitori è dedicata ai loro figli: Omid Scobie e Carolyn Durand hanno scritto nella loro biografia Finding Freedom che Archie è stato portato a 'passeggiate quotidiane' dai suoi genitori, e hanno anche descritto come un ' pratico” Harry è stato incaricato di cambiare i pannolini di Archie.

Sappiamo anche che dopo un misterioso incidente con un'infermiera notturna “non professionale e irresponsabile” i neogenitori hanno deciso di fare a meno dell'aiuto notturno (sebbene abbiano una tata).

'Fare colazione. Dai da mangiare ai cani. Prendi le vitamine. Trova quel calzino mancante. Raccogli il pastello canaglia che è rotolato sotto il tavolo. Mettimi i capelli in una coda di cavallo prima di prendere mio figlio dalla culla. '— Meghan Markle

Meghan si è sempre rappresentata come una mamma pratica. Nel suo commovente articolo perIl New York Times in cui ha descritto un aborto spontaneo ha accuratamente ritratto la sua casa come una scena riconoscibile di normalità domestica, descrivendo la sua routine mattutina in una serie di frasi staccate: “Fai colazione. Dai da mangiare ai cani. Prendi le vitamine. Trova quel calzino mancante. Raccogli il pastello canaglia che è rotolato sotto il tavolo. Gettami i capelli in una coda di cavallo prima di prendere mio figlio dalla culla'.

Ha anche parlato in quel pezzo di essere 'esaurita' nei primi mesi di vita di Archie, un'ammissione di vulnerabilità che l'ha resa cara a molti genitori.

Abbiamo anche visto alcuni altri scorci della loro vita domestica nell'intervista di Oprah: i famosi polli di salvataggio nel cortile e, naturalmente, Archie che gioca felice sulla spiaggia con i suoi genitori, giocherellando felicemente da uno all'altro.

Non c'è motivo di credere che la piccola Lilibet riceverà una genitorialità notevolmente diversa da suo fratello.

L'espressione esteriore più visibile dell'amore e della preoccupazione di Harry e Meghan per i loro figli, tuttavia, continuerà a proteggerli dagli occhi indiscreti del mondo.

Ovviamente sarà sempre più difficile per Harry e Meghan proteggere i bambini quando crescono e devono uscire di casa ogni giorno per andare a scuola o ai gruppi di gioco.

Come il commentatore reale e scrittore Christopher Andersen, autore della biografia bestseller di Harry e William I ragazzi di Diana ,ha detto a The Daily Beast: “Man mano che i più piccoli Sussex invecchiano, affrontano l'inevitabile persecuzione di paparazzi invadenti: fotografi che saltano fuori da dietro cespugli e macchine parcheggiate e tutto il resto. Sono sicuro che Harry voglia soprattutto proteggerli da quel trauma il più a lungo umanamente possibile, in modo che i suoi figli possano avere qualcosa di simile alla proverbiale infanzia 'normale'.

Un portavoce dei Sussex si è rifiutato di rispondere alle domande per questo rapporto.