I Golden Globe esasperanti e storditi: più Meryl Streep, meno Jimmy Fallon

Intrattenimento


I Golden Globe esasperanti e storditi: più Meryl Streep, meno Jimmy Fallon

A circa due terzi dei Golden Globe di domenica sera, Meryl Streep ha tenuto un discorso .

Ha parlato di Hollywood, degli stranieri e della stampa e del nostro bisogno di abbracciarli e responsabilizzarli tutti. Ha ricordato il suo crepacuore quando Donald Trump deriso un giornalista disabile : “La mancanza di rispetto invita alla mancanza di rispetto. La violenza invita alla violenza”.


La sua voce era alterata, stanca e appassionata. Ha fatto un appello a Hollywood, citando la sua amica, Carrie Fisher : “Prendi il tuo cuore spezzato, fallo diventare arte.

Si è presa un momento che doveva celebrare se stessa e lo ha usato per dire qualcosa di più: sul potere dell'arte, il potere di sentire le cose - anche la rabbia - e il potere di usare le nostre voci. Per fare una richiesta di empatia.

Ecco perché spettacoli come questi sono importanti.

Ecco perché discorsi di artisti del calibro di Streep, Tracee Ellis Ross e Viola Davis erano così eccitanti, così belli e così necessari.


Ed è per questo che gran parte della notte è stata così dannatamente frustrante.

Come tante persone sul palco domenica sera, che si tratti del record di sette vincitori di La La Land o anche il Tom Hiddleston selvaggiamente autocelebrativo —espresso, gli artisti sono pronti e in attesa di importare, di fare il lavoro che conta e di raccontare storie che contano. Ma l'industria deve ancora permetterglielo.

Questo è il Golden Globe. È uno spettacolo di premi e, come è diventato più leggenda ogni anno che passa, una grande festa da ubriachi.

I trofei vengono consegnati alle persone carine, inoltre aLa La Land , i grandi vincitori di quest'anno includevano FXAtlantae la sua star Donald Glover, Netflix'sLa coronae la sua star Claire Foy, il cast diIl direttore notturno,Il popolo contro O.J. Simpson,Manchester in riva al mare's Casey Affleck e vincitore del miglior film drammaticochiaro di luna.


Molte delle decisioni sono state sconcertanti, come ogni anno.Animali notturnila star Aaron Taylor-Johnson ha vinto il premio come miglior attore non protagonista Soprachiaro di luna's Mahershala Ali , il presunto futuro premio Oscar, eLa La Landha vinto un premio per la sua sceneggiatura over Kenneth Lonergan è di gran lunga superioreManchester in riva al maresceneggiatura , Per esempio.

Davvero, non è cosìquestionechi vince.

La Hollywood Foreign Press è un'organizzazione piuttosto fasulla più nota per la fraternizzazione con le celebrità che per i loro gusti esigenti. Non c'è sovrapposizione con l'Academy of Motion Picture Arts & Sciences, quindi non è nemmeno un tipo di barometro per gli Oscar. Viola Davis li ha considerati una farsa nel suo discorso di accettazione della migliore attrice non protagonista perrecinzioni, fingendo esasperazione per il fatto che ci sia voluto così tanto tempo per vincere: 'Ho fatto tutte le foto, sono andato al pranzo...'

C'è un senso di casualità in tutto questo— Julia Louis-Dreyfus ha cinque Emmy perVeep , ma non un Golden Globe, che merita una derisione che va dal ridere della loro eccentricità all'essere arrabbiati per il fatto che sono cresciuti in una notte così spettacolarmente gonfia e falsamente importante nel settore.


Ma, riecheggiando un punto di Meryl Streep, lo spettacolo ha un valore. È un'opportunità televisiva per creare star e raccontare storie, e vuoi che l'opportunità vada alle persone che ti piacciono e agli artisti che le meritano.

Vuoi che Tracee Ellis Ross, la prima donna di colore a vincere la migliore attrice in una commedia dai tempi di Debbie Allen nel 1982, sia in grado di dire alla stanza: 'Questo è per tutte le donne, donne di colore e persone colorate, le cui storie, le idee, i pensieri, non sempre sono considerati degni e validi e importanti. Voglio che tu sappia che ti vedo, ti vediamo'.

Vuoi che abbia la piattaforma per incoraggiare l'industria a mostrare 'la magia, la bellezza e l'uniformità della storia e delle storie che sono al di fuori del luogo in cui l'industria di solito guarda'.

Voi voglio Viola Davis poter parlare di suo padre che, simile arecinzioniTroy, aveva solo un'istruzione di quinta elementare e lavorava ostinatamente per mantenersi in un momento e in un luogo che lo rendevano quasi impossibile: “Ma sai una cosa? Aveva una storia e meritava di essere raccontata, e August Wilson l'ha raccontata'.

E speri che saranno supportati da una trasmissione televisiva che osi avere un po' di classe, di cui la cerimonia di quest'anno sembrava non avere niente.

Ottieni un momento culturale irripetibile come il discorso di Streep - una sorta di discorso sullo stato del sindacato severo e cupo - per Hollywood e la sua responsabilità, per non parlare della nostra. E pochi istanti dopo, Jimmy Fallon salta sul palco mentre la musica hip-hop suona a tutto volume eseguendo una parodia di 'Insane in the Brain' usando invece i nomi di Jessica Chastain e Eddie Redmayne.

Nobiltà seguita da buffonate.

Perché, in un anno in cui Hollywood si è spinta con fervore a fare progressi in termini di rappresentazione, opportunità e dignità quando si tratta di artisti, creatori e storie non bianchi, avresti voluto che Sofia Vergara salisse sul palco e facesse un altro pezzo stanco per non essere in grado di parlare inglese correttamente, fare qualche battuta sul sesso anale e poi presentare goffamente i prossimi presentatori: Sylvester Stallone'sbambini.

Sono ancora bloccato sull'immagine di Isabelle Huppert stringe il suo trofeo per la migliore attrice, per la sua interpretazione nel film franceseLei, riconoscendo appassionatamente gli artisti presenti nella stanza da tutti gli angoli del globo e giurando: 'Non aspettarti che il cinema crei muri e confini', solo per la siglaRockyper calciare rumorosamente pochi secondi dopo lasciandola sorpresa e disorientata sul palco.

Significatività letteralmente soffocata dalla magniloquenza.

O che dire dell'ottica di Sylvester Stallone, probabilmente il più famoso (aperto) sostenitore di Trump, che ha festeggiato con il presidente eletto a Mar-a-Lago a Capodanno , consegnando il premio Best Drama achiaro di luna, un lavoro doloroso sull'identità del maschio gay nero e su come i sistemi e le norme in vigore nel nostro paese contribuiscono a una lotta per l'accettazione?

Gli spettacoli di premiazione dovrebbero essere stupidi. Dovrebbero avere grandi momenti, come un'apparenza sporadicaRockytributo, leggerezza e bit. Ma dovrebbero anche avere un impulso, una narrazione e una direzione, e la saggezza, soprattutto, di leggere una stanza. Dato il gran numero di momenti sordi, questo spettacolo di premiazione non è riuscito in questo senso.

Si è aperto con un omaggio aLa La Landche era pieno di cameo di celebrità, gioia e un amore palpabile per il cinema. È stato meraviglioso. Includeva anche una gag omofobica allungata e datata su Jimmy Fallon che ballava con Justin Timberlake. Prendilo? È divertente perché sono ragazzi, ballano insieme.

Che uno scherzo del genere sarebbe stato offensivo, o almeno zoppo, non sarebbe dovuto sfuggire agli autori dello show. Probabilmente no. Ce l'hanno fatta comunque. Riecheggia un problema generale dell'intero settore: una consapevolezza della necessità di fare meglio, ma una letargia quando si tratta di farlo davvero.

Ecco perché la notte aveva bisogno una chiacchierata con Meryl Streep , il più grande di tutti.

Per il bene di Pete, è stata una serata iniziata con un film confuso di Bush con attori neri.

Sì, le battute su 'Jenna Bush non si cura dei film neri' abbondavano dopo che l'ex prima figlia e l'attuale corrispondente della NBC hanno confusoFigure nascosteerecinzioni, chiamandoloRecinzioni nascoste , facendo sembrare improvvisamente Ryan Seacrest e Giuliana Rancic dei maestri con la loro copertura sul tappeto rosso dei Golden Globes.

Michael Keaton ha fatto la stessa gaffe . In una notte in cui una delle frasi più potenti è stata 'Ti vedo', il fatto che l'errore sia accaduto due volte rifletteva la triste verità: è vero il contrario.

Ma l'errore di Bush è stato, in verità, un inizio appropriato per una cerimonia che sembrava non cogliere il punto. Il primo grande evento di celebrità dopo l'elezione di Trump, è stata un'opportunità per essere importanti, per affrontare quello che sta succedendo nel mondo e non accettarlo, per dichiarare che le cose non andranno come al solito.

Ecco perché è così fastidioso che abbiano cercato di organizzare la stessa vecchia festa.

Certo, Fallon ha fatto le sue battute su Donald Trump nel suo monologo di apertura . Erano piuttosto divertenti. Ma non dimentichiamo che ilStasera Showl'ospite ha rifiutato la responsabilità di ritenere il presidente eletto responsabile delle sue azioni e posizioni durante la sua campagna, scegliendo invece di essere complice dell'unzione di lui come un ragazzo divertente e amichevole - innocuo, persino - con un noogie e alcune battute amichevoli.

Fallon di solito è bravo a ospitare queste cose. Ma man mano che la notte passava e il tono si faceva più appassionato, le sue buffonate frenetiche sembravano sempre più fuori luogo.

E comeLa La Landha continuato a vincere ogni singolo premio, così anche il messaggio previsto.

La vincitrice della migliore attrice Emma Stone ha dato un bel tributo ai 'sognatori', quelli con storie da raccontare a cui è stato detto di no, e li ha incoraggiati a continuare a cercare di far sentire la loro voce.

Ma come sempre di piùla lai vincitori si sono entusiasmati per l'enorme scommessa che la società di produzione ha preso nel consentire ai realizzatori di creare questo musical originale, Twitter, almeno ha iniziato a roteare gli occhi.

“Un laureato bianco di Harvard voleva fare un nuovo musical sui bianchi che scoprivano il jazz e in qualche modo è stato realizzato! Pazzo,' la comica scherzata Nicole Silverberg . “Chi ha detto che non potrebbe esserci un musical? Di chi parlano?' la scrittrice derisa Lindsey Weber .

Probabilmente non è stata la vendita più facile che ci sia mai stata, ma questo è un film su Los Angeles con i suoi due attori bianchi più famosi. In una notte che è stata definita da sordità tonale e scarsa ottica, forse attenuare lo zampillo su quanto sia stato difficile realizzare quella storia davanti ai creativi dietrochiaro di luna,recinzioni,Atlanta,Insicuro,Figure nascoste,enerastro—persone di colore che cercano di raccontare storie di colore senza alcuna garanzia che ci sarà un pubblico, dei critici o un'industria là fuori disposto a riceverlo, figuriamoci ad apprezzarlo.

Nel suo discorso, Meryl Streep ha citato Tommy Lee Jones: “Dobbiamo ricordarci a vicenda il privilegio e la responsabilità dell'atto di empatia. Dovremmo essere tutti molto orgogliosi del lavoro che Hollywood onora qui stasera”.

Dovremmo essere. Forse presto lo saremo.