James Bond è la spia più famosa del mondo e un enigma totale

Arte-E-Cultura


James Bond è la spia più famosa del mondo e un enigma totale

Anthony Burgess lo chiamò proprio nel 1962 quando predisse che James Bond 'probabilmente finirà come uno dei grandi miti del ventesimo secolo'. Bond, pensava Burgess, era «universale come... Sherlock Holmes … Ed è un uomo più completo di Holmes: ama le donne.”

Ora, nel ventunesimo secolo, c'è una forte possibilità che il prossimo James Bond può essereuna donna, o se Bond non è una lei, allora potrebbe almeno essere una 007. Lashana Lynch, dopotutto, interpreta un agente '00' in Non c'è tempo per morire , e con Daniel Craig andato, chi può dire che non otterrà una promozione? (Forse Phoebe Waller-Ponte può scrivere l'intera sceneggiatura.) O siamo pronti per un Black Bond, perché no? L'ex star della NFL Bernie Casey era inMai dire mai ancora(1983) e Jeffrey Wright ha recitato in tre film di Bond iniziando conCasinò reale(2006) e perché non Idris Elba?


Joe Rogen ha chiesto retoricamente nel suo podcast: 'Dove sarebbe [un Black Bond| essere in grado di nascondersi?' La risposta è in quasi tutti i film di James Bond mai realizzati, in cui un uomo di colore non sarebbe più evidente di un inglese bianco, come la Giamaica diDr. No(1962), Harlem e New Orleans diVivi e lascia morire(1973), o anche la Tokyo diVivi solo due volte(1967).

Più precisamente, Bond è sicuramente l'agente meno segreto che si possa immaginare. Arrivo in hotel aCasinò reale, avvisa il suo nemico effettuando il check-in con il suo vero nome. Il KGB inDalla Russia con amore(1963) lo conoscono così bene che costruiscono un piano dettagliato solo per distruggerlo. InVivi solo due voltei suoi nemici lo conoscono semplicemente dal tipo di pistola che porta (ovviamente, una Walther PPK). e inI diamanti sono per sempre(1971) un personaggio che pensa che 007 sia stato offeso dice: 'Hai appena uccisoJames Bond!Non sai chi è?'

Bond è così famoso che quando scompare in un libro, il suo capo, M, scrive il suo necrologio perI tempidi Londra. Nell'ultimo romanzo di Fleming,L'uomo dalla pistola d'oro(1965), Bond rifiuta un'offerta di cavalierato dalla Corona, una designazione che sicuramente ostacolerebbe il lavoro sotto copertura. 'Legame…SignoreJames Bond, niente di che.» Si considera 'semplicemente un contadino scozzese... Mi rifiuto solo di chiamarmi Sir James Bond. Ridevo di me stesso ogni volta che mi guardavo allo specchio per radermi'. Un altro scozzese, Sir Sean Connery, non aveva tali scrupoli.

Ogni volta che Bond arriva in un paese straniero, si annuncia con l'introduzione più famosa nei film: “Bond.JamesLegame.' (N. 22 delle prime cento citazioni di film di AFI.)


Ma poi, Bond non è mai stato un agente segreto, e di certo non è mai stato una spia. Kingsley Amis, uno dei più grandi fan di Fleming, ha definito Bond 'un funzionario pubblico di livello medio', il che probabilmente è corretto se capisci che Amis intendeva funzionario pubblico come eufemismo per 'contro-spia'. È stato concepito come un incrocio tra i commando che Fleming aveva conosciuto mentre lavorava per i servizi di intelligence durante la seconda guerra mondiale e un assassino addestrato, un killer di spie. Perché altrimenti dovrebbe essere autorizzato dal suo governo a uccidere?

Il Bond di Fleming si irritava per il carico di scartoffie che doveva completare dopo ogni incarico e, a differenza della sua controparte cinematografica, il cui budget per auto sportive, zaini con propulsione a razzo e motoscafi, per non parlare di smoking e martini, avrebbe superato il l'intero bilancio della difesa del governo britannico, era sempre risentito della sua mancanza di fondi. InVivi solo due voltesi scusa con Tiger Tanaka (capo dei servizi segreti giapponesi) per il suo magro conto spese: 'Meno di dieci milioni di sterline all'anno non vanno molto lontano quando c'è il mondo intero da coprire'.

InDalla Russia con amore, confronta mestamente il proprio arsenale con quello del suo rivale sovietico. 'Se solo', si lamenta, 'la sua sigaretta fosse stata un trucco: un bagliore di magnesio, o qualcosa che potesse lanciare in faccia all'uomo! Se solo il suo Servizio si fosse dedicato a quei giocattoli esplosivi!” Se solo. Nell'ottavo libro integrale di Bond,Thunderball(1961), invidia gli agenti della CIA per 'l'eccellenza del loro equipaggiamento, e non aveva un falso orgoglio nel prendere in prestito da loro'.

I libri di The Bond of Fleming potrebbero non essere ordinari, ma è vicino. È formidabile e sopravvive e alla fine prevale grazie al suo coraggio, ingegno e intraprendenza. Il suo file KGB lo definisce un 'atleta a tutto tondo; esperto di tiro con la pistola, pugile, lanciatore di coltelli.” Dimostra di essere 'un abile pilota, pilota, nuotatore ed esperto di demolizioni'. Ci viene anche detto che conosce 'le prese di base del judo. In generale combatte con tenacia e ha un'alta tolleranza al dolore”. Fortunatamente per lui perché nei libri è torturato da professionisti, non dai supercriminali dei fumetti dei film che vogliono spiegargli i loro piani e avvisarlo del pulsante di autodistruzione sulle loro macchine del destino.


Annuncio pubblicitario

A differenza del film Bond, in molti dei libri James è sopraffatto dai suoi nemici. La lotta tra Bond di Sean Connery e il killer psicopatico di Robert Shaw, nato in Irlanda e addestrato in Russia, Red Grant, sull'Orient Express inDalla Russia con amorepotrebbe essere il combattimento più brutto e realistico nella storia del cinema. Il Bond nel libro, tuttavia, nonostante il suo vasto addestramento “non si faceva illusioni sulla possibilità di sconfiggere quest'uomo formidabile in un combattimento disarmato. Una pugnalata del suo coltello deve essere decisiva'.

A Fleming piaceva questa citazione di Sir Isaac Newton: “I miei poteri sono ordinari. Solo la mia candidatura mi porta al successo'. Lo stesso si potrebbe dire del suo Bond.

Apparentemente nemmeno l'aspetto di Bond è straordinario. All'inizio degli anni '60, quando furono fatti piani per trasformare i libri di Fleming in film, Fleming si orientò immediatamente verso tipi di idol matinée come Roger Moore. (A Fleming piaceva anche l'idea di David Niven nei panni di Bond, una scelta non così strana, dato che Niven era stato addestrato come commando nella seconda guerra mondiale.) Non gli piaceva Sean Connery, che gli ricordava 'un camionista', ma cambiò idea quando la sua segretaria lo convinse che Connery 'aveva qualcosa'. Diversi anni prima, però, Fleming aveva confessato che pensava che la sua creazione potesse essere interpretata dal cantautore e musicista Hoagy Carmichael. Forse non a caso, la moglie di Fleming gli disse che pensavaluisomigliava a Carmichael.

“Dopo 14 libri di Fleming, 40 libri di Bond autorizzati (dalla proprietà di Fleming) e più di due dozzine di film, sappiamo molto poco di James Bond. '

Sulla carta, James Bond era alto circa 6 piedi, o almeno questa è l'altezza che SMERSH, il braccio dell'assassino del KGB, lo stimò: '183 centimetri, peso 76 chilogrammi, corporatura snella'. O 6 piedi e 168 libbre. Era più basso di ogni attore che lo interpretava fino a quando Daniel Craig, 5 piedi e 10, non ha preso il ruolo.


La verità è che dopo 14 libri di Fleming, 40 libri di Bond autorizzati (dalla proprietà di Fleming) e più di due dozzine di film, sappiamo molto poco di James Bond. Ci è voluto mezzo secolo prima che i film di Bond raggiungessero il suo lignaggio. L'eroe più popolare nella storia della narrativa britannica non aveva una goccia di sangue inglese; entrambi i genitori, come dichiarò Fleming in un'intervista poco prima della sua morte, erano scozzesi. In tutti i romanzi di Fleming, quasi tutto ciò che sappiamo del passato di Bond è contenuto nel necrologio di M per lui inVivi solo due voltee le informazioni raccolte nel dossier del KGB inDalla Russia con amore.Sceneggiatori perCasinò reale(tra cui Paul Haggis) ha attinto abilmente da queste fonti per la valutazione del carattere sgonfiante fornita dalla meravigliosa Eva Green sul treno per il Montenegro.

Annuncio pubblicitario

Del resto, Fleming non ha mai chiarito da dove provenisse la classificazione 007 di Bond. Ci sono diverse teorie e mi piacciono tutte. Il miglior biografo di Fleming, Andrew Lycett, inIan Fleming: L'uomo dietro James Bond(1995) offre prove convincenti che 'il numero di codice di Bond era basato sul codice diplomatico tedesco 0070 utilizzato per inviare il telegramma Zimmerman' - il piano tedesco del 1917 per attaccare gli Stati Uniti dal Messico. Un'altra teoria è che la spia di Elisabetta I, John Dee (presumibilmente il primo agente dei servizi segreti di Sua Maestà) abbia firmato il suo rapporto sulle attività spagnole con '007'.

Il mio preferito, tuttavia, è che Fleming abbia chiamato Bond come il treno parlante nella storia di Rudyard Kipling che portava gli occidentali nell'India dell'impero britannico. La storia prende il nome dal numero del treno:.007.

'Fleming's Bond è un avatar di un'epoca ancora fortemente sentita ma ora solo vagamente ricordata'.

InL'uomo che salvò la Gran Bretagna: un viaggio personale nel mondo inquietante di James Bond(2006), Simon Winder sostiene che i romanzi di Fleming sarebbero sbiaditi, per essere considerati nella migliore delle ipotesi come semplici aggiunte ai film di Bond. Io sostengo il contrario. La maggior parte dei film di Bond, inclusi tutti i Roger Moore e persino un paio di Connery, sono dimenticabili. I tre migliori di tutti—Al servizio segreto di Sua Maestà, dalla Russia con amore,eCasinò reale-funzionano perché non si allontanano mai dai libri di Fleming.

Fleming's Bond è un avatar di un tempo ancora fortemente sentito ma ora solo vagamente ricordato. Nacque un guerriero della Guerra Fredda che scovò e uccise agenti comunisti come Auric Goldfinger e Le Chiffre diCasinò reale. All'inizio degli anni '60 Fleming avvertì un disgelo nelle relazioni Est-Ovest e decise di smettere di attaccarlo ai russi e creò un'organizzazione criminale internazionale, SPECTRE o Esecutivo speciale per il controspionaggio, il terrorismo, la vendetta e l'estorsione (hanno protetto da copyright l'acronimo? Sono state stampate le carte dell'azienda?). Ma anche SPECTRE non è stato necessario a lungo per rifornire il malvagio. Ci sono molti modi per aggiornare le trame di Bond, comeCasinò realedimostra. Un pagatore comunista quando il primo libro di Bond è stato pubblicato nel 1953 è stato reinventato 53 anni dopo nella seconda versione del film come un finanziatore di terroristi. Intelligente e convincente.

Fleming ha attratto il più elegante elenco di groupies letterari di qualsiasi scrittore di genere da Raymond Chandler, un sostenitore di Fleming e amico che ha scritto un'introduzione alla prima edizione britannica diCasinò reale. Kingsley Amis ha reso omaggio con un piccolo libro divertente,Il dossier di James Bond(1965). Anthony Burgess ha scritto un'introduzione per le edizioni britanniche dei tascabili di Bond. Cyril Connelly scrisse un'amorevole parodia di Fleming in un racconto del 1963,Legame colpisce il campo. Altri famosi fan includevano Christopher Isherwood, Elizabeth Bowen e persino il presidente John F. Kennedy (che in un'intervista del 1961 chiamòDalla Russia con amorecome uno dei suoi 10 libri preferiti insieme a quello di StendhalLa Scarlatta e la Nera). Fleming era particolarmente orgoglioso dell'approvazione di JFK; speriamo che Fleming sia morto senza sapere che un altro fan ha controllato diversi libri di Bond da una biblioteca pubblica di New Orleans nei primi anni '60.

Annuncio pubblicitario

La cosa curiosa è che Fleming non ha mai generato un erede. Diversi romanzieri, scrittori molto migliori dello stesso Fleming, non sono riusciti a riportare in vita il Bond letterario. Amis, concolonnello sole(1968), Sebastian Faulks inDevil May Care(2008), William Boyd conSolo(2013) e di Anthony HorowitzPer sempre e un giorno(2018) hanno creato le avventure di Bond e sono letture piacevoli, ma sia che lo ambientino negli anni '50 o '60 o che provino a trascinarlo a calci e urla di karate nel 21° secolo, nessuno è riuscito a catturare la stessa aria di eleganza trash di Fleming.

Uno scrittore di genere può essere un genio? O è come chiedere chi è il nano più alto del mondo? Sicuramente ci sarà sempre un posto nel nostro pantheon per un eroe che ucciderà e morirà per il suo paese. E per eroe intendo nell'antica tradizione greca, definita da Britannica Online come 'un personaggio venerato nell'antica poesia che vive secondo un codice d'onore personale continuamente imperfetto'.

Potremmo usare un nuovo Bond, e deve nascere sulla carta prima che la sua super-proiezione possa apparire sullo schermo.