Jenny McCarthy: Non sono anti-vaccino

Intrattenimento


Jenny McCarthy: Non sono anti-vaccino

È forse l'ottava meraviglia del mondo che tutto, proprio niente, è rimasto da divulgare su Jenny McCarthy che lei stessa non ha già divulgato.

Il playmate di Playboy diventato conduttore di MTV diventatoLa vistarelatrice e controversa attivista per l'autismo, e ultimamente la star diSporco, sexy, divertente con Jenny McCarthy, una radio SiriusXM dal vivo di due ore mostrare che debutta lunedì alle 10 del mattino, ha condiviso dettagli degni di arrossire sulla sua vita personale con milioni di sconosciuti.


Questi includono quante volte al giorno si masturba, la sua inclinazione per scoreggiare di fronte agli uomini della sua vita, le sue gravi palpitazioni cardiache che richiedono l'assunzione di beta-bloccanti prima del sesso, e la sua affermazione questo settimana che il suo secondo marito di appena due mesi, il cantante-attore Donnie Wahlberg, 'ha il pene più bello che abbia mai visto... la dimensione è perfetta... si adatta perfettamente alla mia vagina e colpisce i punti giusti'.

Dopo tutto questo e poi alcuni, restano da svelare delle parti intime?

'Sono incredibilmente spirituale, e penso che la gente non lo sappia', confida l'attrice-comica al quartier generale di SiriusXM a Midtown Manhattan.

Non è certo il tipo di rivelazione intima che guida il traffico Internet, ma per McCarthy potrebbe effettivamente essere qualcosa di simile a un morbido ventre psichico. La spiritualità, dopotutto, non è commerciabile come il sex appeal, quindi forse l'esperto di media McCarthy sta esponendo una vera vulnerabilità.


L'archetipo da capogiro di una bomba bionda, è vestita con abiti da lavoro decisamente pudici, frizzanti e molto seri - gonna, giacca, calze tradizionali - che ha scelto per lanciare il guanto di sfida dei media per pubblicizzare il nuovo programma, che presenterà fumetti femminili e l'ospite occasionale di celebrità (Demi Lovato è stata prenotata per la prima di lunedì).

'Ecco perché quando la gente dice: 'Come gestisci le critiche?', io mi sento semplicemente 'ama te stesso, ama ciò che vedi, odi te stesso, odia ciò che vedi'', spiega McCarthy. “Quando le persone proiettano le cose, semplicemente non si sentono molto bene con se stesse. Quindi sono molto spirituale riguardo alla mia vita e a tutto il resto'.

Lascia perdere le semplici critiche. McCarthy è stata diffamata, tra gli altri, da membri dell'establishment scientifico e giornalisti scientifici nei suoi confrontireclamoche l'autismo infantile è in qualche modo causato da un uso eccessivo di vaccini e/o che i vaccini prodotti e commercializzati dall'industria farmaceutica sono in qualche modo 'pericolosi'.

Non appena sollevo l'argomento, l'addetto stampa personale di McCarthy, che sta ascoltando l'intervista da qualche metro di distanza, si avventa. 'Possiamo davvero non entrare in questo?' il pubblicista incarica, offrendo invece di fornire un giornale editoriale in cui la sua cliente si spiega.


'Ascolterò la domanda, e poi te lo farò sapere', dice McCarthy coraggiosamente, aggiungendo con un sorriso confidenziale: 'È preoccupata che io venga' vilipeso '. '

La denigrazione ha raggiunto la massa critica l'anno scorso quando Barbara Walters ha annunciato che McCarthy avrebbe co-conduttore di The View (per una sola stagione, si è scoperto; McCarthy e Sherri Shepherd sono stati sostituiti, insieme al produttore esecutivo Bill Geddie, in unscuotereordinato dai dirigenti della ABC).

In un tipico rimprovero, lo scrittore scientifico del New Yorker Michael Specter ha avvertito che McCarthy sarebbe stato 'il primo co-conduttore dello spettacolo le cui pericolose opinioni sulla vaccinazione infantile potrebbero, anche se solo indirettamente, aver contribuito alla malattia e alla morte di persone in tutto il mondo occidentale'.

La stessa McCarthy ha detto alla rivista Time: 'Credo purtroppo che ci vorranno alcune malattie che torneranno per rendersi conto che dobbiamo cambiare e sviluppare vaccini sicuri. Se le aziende produttrici di vaccini non ci ascoltano, è colpa loro se le malattie stanno tornando... Se ci dai un vaccino sicuro, lo useremo. Non dovrebbe essere polio contro autismo'.


È giunta a questa conclusione - e ha pubblicato tre libri sull'argomento - dopo che a suo figlio Evan è stata diagnosticata all'età di tre anni la sindrome neurologica e, a forza di pura energia e celebrità, è diventata la più importante fornitrice di ideologia anti-vaxxer della nazione. .

In effetti, lei è Presidente di Generation Rescue, un gruppo dedicato alla proposta che i bambini nello spettro autistico possono essere curati, spesso con metodi che si discostano dalla medicina tradizionale, scientificamente supportata.

'Non sono contro i vaccini', insiste McCarthy. “Sono in questa zona grigia di, penso che tutti dovrebbero essere consapevoli, istruirsi e fare domande. E se tuo figlio ha un problema, chiedi al tuo medico un modo alternativo per fare le iniezioni', ad esempio, meno dosi di vaccinazione allo stesso tempo.

“La cosa ironica è che la mia posizione è sempre rimasta la stessa. La gente non l'ha mai ascoltato', dice. “Letteralmente, nel corso degli anni, ho detto più e più volte la stessa cosa. Ma le persone leggeranno solo i titoli invece di guardare indietro e vedere quello che ho detto'.

McCarthy dice che gli attacchi “si sono sentiti allo stesso modo di essere attaccati quando ho posato per Playboy. Per me, è una paura collettiva che penso che le persone abbiano. Se non stanno leggendo i miei libri o facendo il lavoro su quello che ho detto, posso capire perché dovrebbero provare sentimenti di odio. Ma leggi quello che ho detto!... Ho finito di parlarne.

Evan, il figlio che condivide con il suo primo marito, l'attore e regista John Asher, ora ha 12 anni e sta bene. A differenza dell'immagine standard di un bambino autistico, è estremamente verbale e attento al mondo che lo circonda. In effetti, alcuni critici hanno suggerito che Evan sia stato diagnosticato erroneamente per cominciare.

'Evan è fantastico', dice McCarthy. “Non soddisfa le caratteristiche diagnostiche per l'autismo. Ha sicuramente stranezze e problemi con le convulsioni. Ha un piccolo danno cerebrale a causa delle sue convulsioni. Non si qualifica per altri servizi, ma ha problemi nella sua scuola. Ma per la maggior parte, se fosse in questa stanza, diresti: 'Non vedo alcun problema. Ha un bell'aspetto ed è un tipico dodicenne.' ”

Il ragazzo vive a New York con sua madre e Wahlberg, che si sono sposati nel sobborgo di St. Charles, Illinois, a Chicago, il 31 agosto. McCarthy ha indossato un abito da sposa bianco virginale per l'occasione.

“Sono passati solo due mesi? Sembrano passati cinque anni', dice del suo matrimonio finora felice. In effetti, a quanto pare non ne hanno mai abbastanza l'uno dell'altro. Mentre sua moglie si sottomette alle tenerezze di The Daily Beast, USA Today, e dell'asse Inside-Access-Entertainment, Wahlberg—quello del 'bel pene'—aleggia intorno alla periferia, offrendo supporto morale.

'Vado in bagno', le dice mentre inizia la mia sessione con McCarthy.

'Okay amore mio. Ti amo', dice, gettandogli le braccia al collo per un bacio. 'Te ne stai lì dentro?'

'Sì', risponde.

'Buono ok. Ti amo', ripete.

Faccio notare a entrambi che Wahlberg sembra proprio il modello di un coniuge solidale.

'Siamo lì l'uno per l'altro durante i giorni difficili', concorda McCarthy. 'Le lunghe giornate'.

Wahlberg interviene con un accenno di sorrisetto: 'I duri giorni di scavare fossati!'

Gli dico: 'Questo è l'equivalente mediatico dello scavare fossati'.

'Abbastanza giusto', ammette, e poi riprende i suoi progressi fuori dalla porta.

'Va bene, piccola', dice McCarthy.

Il paesaggio è disseminato di Playboy Playmates che hanno posato per i loro ritratti, hanno svolto i loro compiti promozionali, forse hanno fatto un periodo come una delle fidanzate (o mogli) di Hef al Mansion, e non si sono mai più sentite.

Ma McCarthy ha sfruttato la sua nuda ambizione in una carriera piuttosto favolosa. Non ci sono state una ma due sitcom della NBC in cui era la protagonista, libri, film, innumerevoli apparizioni televisive e persino videogiochi.

Dalla sua brusca partenza daLa vista—che McCarthy ama ritrarre non come un licenziamento, ma come un 'cambio di direzione' concordato di comune accordo—'Ho visto due episodi', dice del nuovo panel in cui Whoopi Goldberg è l'unico sopravvissuto, e le sostituzioni includono Rosie O'Donnell, Rosie Perez e Nicolle Wallace. 'E quando stavano cambiando drasticamente la direzione, ho capito e ho detto: 'Ti auguro il meglio'', racconta McCarthy. “Vedo che stanno ancora cercando di trovarlo, e spero ancora che possano farlo. Mi occupo di emancipazione femminile'.

La sua esperienza nello show ha avuto almeno un impatto duraturo. McCarthy, che si autoidentificava come democratica, ora si definisce indipendente. 'A seguito diLa vista, ho realizzato che entrambe le parti sono pazze'.

Tra una settimana—nov. 1 - compie 42 anni.

'Mi sento bene, perché sono in un buon posto', dice. 'Penso che quando invecchi, i tuoi compleanni fanno schifo se ti giri e dici: 'Dannazione, non sono dove volevo essere a questo punto'. Penso che se fossi ancora single, sarei un po' preoccupato , solo perché sarei ancora convinto che non ci sia nessuno là fuori'. Ridendo, chiarisce: 'Non c'è nessuno là fuori che potrebbe gestirmi. O avere qualcuno con un figlio. È molto. Quindi una volta che mi sono arreso a questo, ho incontrato Donnie e l'ho sposato, la vita è stata davvero bella. Sono stato benedetto... so di aver finalmente fatto un buon lavoro'.

Dice che una recente conversazione con Evan, il cui padre biologico vive a Los Angeles e non è molto in giro, l'ha persuasa di questo.

“Una notte ho detto a Evan: ‘Come va tutto? Hai un patrigno adesso. Come ti senti?' E lui ha detto: 'Per la prima volta mi sento al sicuro.' Suo padre vive a Los Angeles, quindi siamo sempre stati solo io e lui, e come mamma single, posso dire, oh mio dio , l'ho fatto, e si sente al sicuro'.

E come affronta Evan il personaggio pubblico volgare di sua madre?

'Mi dice solo: 'Non posso credere che tutti sappiano chi sei'', dice McCarthy, aggiungendo che a un certo punto, quando sarà più grande, avranno una discussione più dettagliata. Per ora, però, mi dice senza un pizzico di ironia: “Non gli è permesso andare su Internet”.