Jimmy Kimmel non vuole 'fare appello' ai fan di Trump: 'Non credo che il mondo esista più'

Intrattenimento


Jimmy Kimmel non vuole 'fare appello' ai fan di Trump: 'Non credo che il mondo esista più'

HOLLYWOOD, California — Quando entro nell'ampio ufficio d'angolo di Jimmy Kimmel sopra l'El Capitan Theatre sull'Hollywood Boulevard, mi offre la solita bottiglia d'acqua. 'O vuoi otto Diet Coke come il presidente?' lui chiede.

L'ospite diJimmy Kimmel dal vivo!è in uno stato d'animo riflessivo, ma le battute di Trump non sono mai lontane dalla sua mente. All'inizio della nostra intervista, Kimmel è sdraiata su un grande divano componibile, indossa calzini, jeans e una maglietta fuori dai pantaloni. I suoi capelli sono notevolmente meno curati di quanto lo saranno quando scenderà sul palco alcune ore dopo. A pochi giorni da una vacanza di due settimane, Kimmel sembra pronta per una pausa. 'Lo stiamo battendo', dice di questo tratto casalingo di spettacoli.


Come per la maggior parte degli host notturni, l'amministrazione Trump ha tenuto Kimmel sulle spine , fornendo un flusso infinito di notizie esilaranti e/o terrificanti su cui scherzare e/o piangere nel suo monologo notturno. 'Lo spettacolo non è mai veramente finito finché non sono su quel palco', mi dice a un certo punto. “Ed è una rottura di coglioni, francamente, scrivere un monologo un'ora prima dell'inizio dello spettacolo. Ma adesso lo facciamo molto'.

Iniziamo la nostra intervista parlando del suo spettacolo settima nomination consecutiva nella categoria principale degli Emmy per la miglior serie di discorsi di varietà . È un premioJimmy Kimmel dal vivo!non ha mai vinto, perdendo contro HBOLa scorsa settimana stasera con John Olivernegli ultimi due anni eThe Daily Show con Jon StewarteIl Rapporto Colbertdiverse volte prima.

Quest'anno, oltre a Oliver, Kimmel affronterà spettacoli condotti da Stephen Colbert, Trevor Noah, Samantha Bee e James Corden. Nel frattempo, Jimmy Fallon, Seth Meyers, Bill Maher e altri non sono riusciti a tagliare. Anche se Kimmel non si aspetta davvero di vincere, è ovviamente 'onorato' di essere nominato.

Cosa pensi che significhi ora essere inclusi in quel gruppo? Poiché ci sono così tanti spettacoli a tarda notte ora, sembra che stia diventando più competitivo.


Sta iniziando a significare qualcosa essere nominati per un Emmy. Un tempo se non venivi nominato significava solo che eri negli ultimi due o tre spettacoli.

Probabilmente ci sono stati anni in cui uno spettacolo non è stato nominato.

Sì, sai, è molto bello. Voglio dire, non mi aspetto mai di avere la possibilità di vincere. Non ho mai scritto un discorso né raccolto i miei pensieri in anticipo. Ma è, come si suol dire, un onore essere nominati. E soprattutto, sarebbe un peccato non essere nominati.

Ma tu avere il premio J.D. Power ora, quindi è già qualcosa.


Sì, davvero l'Emmy impallidisce in confronto al J.D. Power Award che abbiamo vinto per 'Most Reliable Midsize Late Night Talk Show'.

Quindi, come ha evidenziato quel premio, sono passati 15 anni. Come ti sembra che lo show si sia evoluto in questi 15 anni?

Risulta molto, ma con incrementi molto piccoli. È come uno di quei righelli che metti sul muro nella stanza di tuo figlio e ne segni l'altezza. Improvvisamente sono 6'3 'e non sai come sia successo. Lo spettacolo è molto diverso da quello che era all'inizio. All'inizio è stata una mischia. Lo spettacolo era in diretta e l'idea che avremmo avuto un ospite di serie A era piuttosto ottimistica. Qualunque cosa oltre C eravamo contenti. C'erano un sacco di pazzi nello show. In un certo senso, è stato più divertente. E in un certo senso era terribile. Era molto più stressante. Alla fine abbiamo avuto alti molto alti e bassi molto bassi. E non sapevo cosa stavo facendo. Stavo conducendo uno spettacolo da solo per la prima volta da quando ero alla radio a Palm Springs. Ed è stato molto spaventoso e molto stressante. Ora, le cose non sono spaventose e non sono particolarmente stressanti. In realtà le cose sono ancora spaventose, ma la paura viene dall'esterno piuttosto che dall'interno. Voglio dire, Donald Trump è il nostro presidente.

Una cosa che è rimasta abbastanza costante è il linea su Matt Damon che arriva alla fine di ogni spettacolo. È nato dall'idea che non potevi avere ospiti di serie A?


Sì, sicuramente. C'è stata una notte in particolare in cui gli ospiti avevano un affitto particolarmente basso e ho detto solo: 'Mi dispiace, abbiamo finito il tempo per Matt Damon' e uno dei nostri produttori esecutivi era in piedi vicino alla telecamera e ha iniziato a ridere. E ho iniziato a farlo solo per farlo ridere, davvero. E poi un paio di settimane dopo, forse mesi dopo, abbiamo sentito dal pubblicista di Matt Damon: 'Matt pensa che sia divertente, dovresti continuare a farlo'. E così abbiamo continuato a farlo e lo facciamo ancora.

Non eri suo amico all'epoca?

Oh no, non l'avevo mai incontrato.

Allora, quando sei diventato amico di lui?

Ascolta, è un acerrimo nemico, non commettere errori. [Ride] L'ho incontrato per la prima volta quando abbiamo girato la prima cosa che ha fatto nello show. Abbiamo avuto uno speciale in prima serata e lo scherzo era che l'ho presentato e l'introduzione era così lunga che quando è uscito sul palco non c'era più tempo nel segmento. E poi ci siamo urlati contro per un po' e un buon 50 percento del pubblico ha pensato che fosse vero. Erano molto arrabbiati con me per aver mancato di rispetto a Matt Damon in quel modo.

Beh, è ​​un bravo attore.

O è un bravo attore o erano stupidi o una combinazione di entrambi. Deve essere una delle barzellette più longeve della storia americana.

Quindi, vediamo se te lo ricordi dai primi giorni. Nel 2004 eri avrò Omarosa addosso -

Oh, ci ho pensato molto ultimamente.

E la leggenda è che pensava che ci sarebbe stato un test della macchina della verità, è andata fuori di testa e se n'è andata prima della sua apparizione. È una descrizione accurata di quello che è successo?

Sì, è successo che mio zio Frank ha mentito su qualcosa. E ho pensato che sarebbe stato divertente fargli un test della macchina della verità falsa in onda, qualcosa che pensava fosse reale. Ha visto la configurazione per il test della macchina della verità e ha deciso che glielo avremmo fatto addosso, il che, se sai qualcosa sul test del poligrafo, non è così che funziona. Ci vuole molto tempo. Non c'è rumore e nessun ronzio. È un grafico che analizzano in seguito. Quindi era assurdo solo per cominciare. Ma è uscita di corsa e lo spettacolo era in diretta, quindi non avevamo ospiti. Non ricordo di cosa ho parlato, probabilmente ho solo parlato di lei per tutto il tempo. Ma era molto arrabbiata. E ricordo di aver pensato che fosse meglio così. Non volevo averla nello show. La donna: c'è chiaramente qualcosa che non va in lei. E il fatto che Donald Trump l'abbia assunta è davvero tutto ciò che devi sapere su quel ragazzo e la sua organizzazione.

Sì, le persone sono un po' indicando la macchina della verità ora per screditarla ulteriormente.

Probabilmente dovrei guardarlo per vedere se c'è qualcosa che vale la pena fare. Il problema è che non posso mai mostrare nessuno di quei vecchi spettacoli perché sono troppo imbarazzanti. Quindi, anche se c'è qualcosa di pertinente, non voglio mai vedere il video. È un po' difficile da spiegare. E ricordo che fu difficile spiegare al pubblico quella sera perché non aveva alcun senso, l'idea che avremmo dovuto inchiodarla e legarle una macchina della verità sul suo corpo?

E cosa stava cercando di nascondere?

Sono sicuro che stava cercando di nascondere molte cose.

Avrebbe potuto cambiare il corso della storia se le avessi fatto un test della macchina della verità.

Lo so. Se le avessi dato quel test della macchina della verità, chi lo sa? Gary Busey potrebbe essere il presidente in questo momento.

mi sono davvero divertita l'intervista a Kanye la scorsa settimana , ma lui sembrava un po' salato circa la sua copertura. Cosa hai pensato quando lui tu? gli ha fatto quella domanda e lui non ha detto niente ?

Beh, penso che Kanye sia in uno stato perpetuo di essere intervistato e condivida costantemente i suoi pensieri. Quindi l'idea che avesse bisogno di trovare la risposta proprio lì sul posto non è necessariamente qualcosa con cui sono d'accordo. Penso che non senta lo stesso tipo di pressione che la maggior parte delle persone prova in una situazione del genere. E penso che sia una domanda a cui spero che alla fine risponderà. Ma forzare una risposta a qualcuno non è necessariamente la strada da percorrere.

È per questo che hai deciso di passare alla pubblicità a quel punto?

No, sono passato alla pubblicità perché il segmento doveva durare otto minuti ed eravamo già a 10 minuti. Non ho avuto il tempo di scegliere un'altra tappa della conversazione lassù. Quindi questo è un problema quando si ha una conversazione a mano libera. Ho un segmento di otto minuti, un segmento di sei minuti e un segmento di quattro minuti e devo adattare lo spettacolo all'interno di quei confini. Quindi, in realtà, non si trattava di nient'altro che del vincolo di tempo.

Ma è stata una decisione consapevole quella di non tornare su quella domanda dopo la pausa?

Non è stata necessariamente una decisione consapevole. Sentivo che il suo silenzio rispondeva in qualche modo alla domanda. E so anche che se Kanye volesse continuare su un argomento, allora non è timido nel continuare su quell'argomento. Avevo anche molte aree che volevo coprire. Non volevo spendere l'intera intervista su una cosa.

In un certo senso mette in evidenza la sfida di fare alcuni problemi seri in uno spettacolo comico in cui non c'è necessariamente tempo per andare in profondità. Questo è ovviamente qualcosa con cui hai avuto a che fare molto negli ultimi due anni. Vuoi renderlo uno spettacolo comico divertente e divertente, ma a volte anche fare sul serio.

Sì, a volte è fonte di confusione per il pubblico, specialmente per il pubblico in studio. Ti aspetti uno spettacolo comico e ti siedi e l'ospite esce e sta parlando di qualcosa di serio. Se riesci a immaginare di entrare in un comedy club e fare quell'esperienza, può essere disorientante. Non c'è molto che posso fare al riguardo, sai? Alcune sere le notizie sono troppo cupe per essere ignorate.

La narrativa è che sei diventato più politico, più serio negli ultimi due anni. Pensi che Trump sia stato il catalizzatore per questo?

Cento per cento. Perché una delle cose che cerchi come conduttore di un talk show è un punto di riferimento. Non vorrai passare tre minuti a spiegare una storia al tuo pubblico. E se c'è qualcosa di buono in Donald Trump, è che le persone prestano attenzione a ciò che sta succedendo alla Casa Bianca. E puoi fare battute su argomenti a cui le persone potrebbero non aver prestato attenzione quando Obama era presidente o Bush era presidente. Perché è un personaggio così colorato e c'è così tanta attenzione su tutto ciò che dice e fa. Quindi questo lo rende ideale per la commedia. Non devi impostare la configurazione. Ho sempre pensato che il mio lavoro, anche durante i miei giorni in radio, fosse parlare degli eventi della giornata.

Voglio anche chiedere dell'esperienza surreale del primo sentire che Trump aveva parlato di te a un comizio e poi alla fine ho visto il video, perché eri in vacanza quando è successo, giusto?

Ero in vacanza. È divertente, non è sorprendente, non è più un grosso problema come potresti pensare che sarebbe più. Ti aspetti quasi che ci parli una volta ogni due o tre mesi. Ed è quasi come se fossimo tra i personaggi di questa storia. Forse quando, si spera che l'America sopravviva in futuro e qualcuno realizzerà una miniserie della HBO in questo periodo, immagino che l'impatto delle notizie via cavo e della televisione a tarda notte avrà un ruolo minore in quella storia. Perché sai che vuole che gli piacciamo. Sai che vuole che diciamo cose carine su di lui. Vuole solo essere amato dalle celebrità. Questa è una delle cose più ironiche di questo. L'idea che sia per la gente normale. L'uomo caga in una toilette dorata.

Dall'esterno sembra che ti piacciano davvero questi momenti in cui entri a far parte della storia, sia che si tratti di entrare in Twitter litiga con Don Jr. o Roy Moore . Cosa ti eccita quando queste cose iniziano ad accadere?

Sono un combattente in generale. Ho fatto la radio mattutina per anni e sono cresciuto in una famiglia italiana, quindi è dove mi sento più a mio agio. Quando altre persone iniziano qualcosa, mi emoziona. Mia moglie scherza con me: 'Non ti ho mai visto più felice di quando entri in una di queste cose'. L'adrenalina mi scorre nelle vene.

Il La faida di Sean Hannity è stata particolarmente feroce . Quello è stato meno divertente per te perché era così fuori controllo?

Sì, beh, voglio dire che è un pazzo. Dirà qualsiasi cosa. Che mi paragonasse a Harvey Weinstein, è semplicemente ridicolo. E sa che è ridicolo, ma mi sono reso conto che da qualche parte lungo la linea non avrei conquistato nessuno in quella discussione. I suoi sostenitori sono dalla sua parte, i miei sono dalla mia parte e questo è un po' quello. Considerando che in una situazione come Roy Moore, ho davvero sentito che se ci fosse stata anche una piccola cosa che avrei potuto fare per... ricorda alla gente che tipo di uomo era questa persona , che vorrei farlo.

“Sono sicuro che alla ABC piacerebbe se il mio show piacesse a tutti. Ma non credo che quel mondo esista più. E non mi sento a mio agio.' — Jimmy Kimmel

Tornando per un secondo ad Hannity, la base del suo 'Harvey Weinstein Jr.' gli attacchi sembravano vecchi clip diLo spettacolo dell'uomo?

Sì, Sean Hannity sembra convenientemente inconsapevole del fatto che lo spettacolo fosse in televisione e che tutte le persone coinvolte partecipassero volentieri.

Pensi a quello spettacolo in modo diverso ora? Ti preoccupi che non sia invecchiato come vorresti?

Non proprio. No, non credo che tu non possa guardare le cose in quel modo. Se lo fai, sei destinato a perdere. Quello spettacolo era sempre ironico. E ad alcune persone è piaciuto per le ragioni sbagliate. Non ci sono dubbi al riguardo. Ma penso che tu possa mettere molti spettacoli in quella categoria. Ed è stato uno spettacolo che piaceva alla gente e ci siamo divertiti a farlo e ho imparato molto facendolo. Man mano che lo spettacolo andava avanti, lo perfezionavamo. Il motivo per cui abbiamo lasciato quello spettacolo è stato perché c'era un giorno specifico in cui io e Adam [Carolla] ci siamo guardati e abbiamo detto: 'È ora di finire questo spettacolo'. Adam stava parlando del padre di uno dei suoi amici. E stava parlando di quanto idiota fosse questo tizio. Questo tizio direbbe: 'Le opinioni sono come gli stronzi, tutti ne hanno una'. E Adam ha detto che intendendo illustrare quanto fosse stupido questo ragazzo e invece il nostro pubblico in studio ha riso.

Come se non avessero mai sentito quella battuta prima?

Non avevano mai sentito quella battuta prima, se è anche una battuta. E questo è stato scoraggiante. Ed è stato allora che abbiamo deciso di smettere di fare lo spettacolo. In effetti, abbiamo deciso di smettere di fare lo spettacolo prima che ricevessi questo talk show. Avevamo già preso quella decisione.

Questo mi ricorda quello che diceva sempre Dave Chappelle sul motivo per cui ha concluso il suo spettacolo, che le persone erano ridere per le ragioni sbagliate .

Sì, non ci ho mai pensato in quel modo, ma penso che ci sia una somiglianza lì.

Voglio anche parlare un po' degli Oscar. Hai deciso, o hanno deciso loro, se potresti? ospita di nuovo lo spettacolo ?

La risposta è no. Sono in uno stato di cambiamento e in genere decidono chi saranno i loro produttori prima di decidere chi è l'ospite.

È qualcosa che vorresti fare di nuovo?

Ho sentimenti contrastanti a riguardo, davvero. A volte rimango a letto la notte pregando che non me lo chiedano, quindi non devo fare quella scelta. È un sacco di lavoro.

Cosa ne pensi di dibattito sulla nuova categoria di film popolari ?

Penso sia una buona idea. Voglio dire, siamo onesti, i premi non hanno senso fin dall'inizio. Quindi aggiungere uno non sminuisce gli altri. Stai ancora ricevendo un trofeo per aver finto. Ci sono alcuni film davvero grandi e grandi al botteghino che sono degni di premi. E non solo un premio blockbuster.Thor: Ragnarok, per me, è stata una delle commedie più divertenti dell'anno. eMissione impossibile[- Cadere]. Questi sono a loro modo grandi film e penso che siano anche più fedeli a ciò che dovrebbe essere l'esperienza cinematografica. C'è molto lavoro da fare, ci sono un sacco di soldi e l'idea che verrebbero completamente esclusi perché il loro argomento non è serio è stupida.

In un certo senso, preferiresti che aggiungessero una categoria Miglior Commedia rispetto a quest'altra idea?

Sarebbe carino. Sarebbe meglio se gli elettori dell'Accademia prendessero più sul serio la commedia. Perché qualsiasi attore o regista ti dirà che è più difficile far ridere la gente che piangere e credo che sia vero.

Non credo che Trump abbia mai twittato su di te per nome da quando è diventato presidente, ma lo ha fatto tweet sulle valutazioni degli Oscar e ha insinuato che è stata la tua politica a far scendere gli ascolti. E proprio la scorsa settimana Megyn Kelly era parlandone nel suo show , dicendo che forse se avessero un ospite che non odiasse così tanto i repubblicani le valutazioni sarebbero state migliori.

Non è divertente sentire qualcuno come Megyn Kelly, che in base alle sue valutazioni probabilmente non arriverà alla fine dell'anno su NBC, parlare delle valutazioni di qualcun altro? Sai, la televisione di rete è in declino. Le valutazioni per tutto stanno andando giù ogni anno. Ci sono troppi spettacoli con cui stare al passo. Quindi succederà ogni anno. E l'ho detto in anticipo, ho detto che gli Oscar di quest'anno saranno i più bassi. Forse se accorciano lo spettacolo causeranno un picco artificiale negli ascolti. Ma è proprio così che andrà. Il pubblico diventerà sempre più piccolo ogni anno.

In termini di effetto della politica sulle tue valutazioni, lo so hai detto se le persone che non sono d'accordo con te non vogliono guardare, non ti interessa particolarmente. Ma questo è mai stato un problema alla ABC?

Forse non avrei dovuto dire che non mi interessa. Non mi interessa abbastanza da cambiare quello che sto facendo è probabilmente una spiegazione più esplicita. Sono sicuro che alla ABC piacerebbe se il mio show piacesse a tutti. Ma non credo che quel mondo esista più. E non mi sento a mio agio. Non vedo davvero nessun'altra strada. Penso anche che uno dei più grandi errori che puoi fare come performer sia cercare di indovinare cosa vuole il tuo pubblico. Penso che tu debba fare ciò che ritieni giusto e sperare che funzioni.

C'è ancora un modello, specialmente con voi tre alle 11:30, in cui è costruito per attirare un pubblico enorme. Sei mai invidioso di qualcuno come John Oliver che non è obbligato a cose come valutazioni e inserzionisti?

L'unica cosa che invidio di John Oliver è - prima di tutto ha la doppia cittadinanza - e in secondo luogo che fa uno spettacolo a settimana. E questo è un grande lusso. E fa un ottimo lavoro con esso. Non sto dicendo che potrei fare un lavoro migliore. Onestamente non credo che potrei. La cosa più difficile di questo è la routine quotidiana. E qualsiasi ospite a tarda notte che lo fa ogni giorno ti racconterà la stessa storia.

“Quando altre persone iniziano qualcosa, mi emoziona. Mia moglie scherza con me, 'Non ti ho mai visto più felice di quando sei coinvolto in una di queste cose.' L'adrenalina scorre nelle mie vene. '- Jimmy Kimmel

Hai avuto alcune figure dell'ex amministrazione Trump nel tuo programma, più recentemente Sean Spicer . C'è qualcuno che ti rifiuteresti di avere addosso?

Sì, voglio dire, mi hanno chiesto se dovevamo provare a prenotare Omarosa e ho detto di no. Perché penso che sia dappertutto. Non credo che sarei in grado di ottenere qualcosa da lei che nessun altro è in grado di ottenere da lei. Ma qualcuno come Sean Spicer, sai, penso di essere in grado di fare domande che non gli verrebbero mai fatte in nessun'altra situazione. E ho un genuino interesse per quello che ha fatto alla Casa Bianca, quello che ha visto alla Casa Bianca. Che sia disponibile al 100% o meno è un'altra questione. Ma penso che abbiamo imparato alcune cose sulla vita alla Casa Bianca di Trump dalla mia intervista con lui. E mi piace parlare con le persone che lavorano in Fox News o CNN che hanno qualche intuizione che altri non hanno. Perché penso di avere una propensione a fare domande insolite che a volte danno risposte interessanti.

Una cosa interessante di Omarosa è che sembra essere l'unica uscita dalla Casa Bianca disposta a dire una parolaccia sul presidente. Sean Spicer sta ancora tenendo la linea abbastanza forte.

La gente deve ricordare che Sean Spicer è un ragazzo della Marina e la sua natura, ciò per cui è stato addestrato a fare, è rispettare il suo comandante. E che stia ancora lavorando in quella Casa Bianca o meno, ecco chi è.

Pensi che uno sia più onorevole dell'altro? Rimanere fedele a Trump o rompere con lui?

Penso che la cosa migliore che tu possa fare è essere onesto, davvero. E penso che la tua lealtà dovrebbe essere verso questo paese, non verso la persona che lo gestisce.

È difficile dire che entrambi siano onesti, Spicer o Omarosa.

Sì, voglio dire, chi lo sa? Qualcuno di noi è onesto al 100%? Non credo. Ti ho preso in giro per l'intera intervista, per esempio. Quello di cui non ti rendi conto è che sono un suprematista bianco. Wilstein, è un nome ebraico? [Ride]

Uh, devo andare... Allora, qualcosa di eccitante in programma per lo spettacolo di stasera?

Bene, il presidente che chiama una donna 'cane' non è qualcosa che vedi tutti i giorni della tua vita, quindi lo stiamo seguendo. E probabilmente quando questa intervista sarà finita, un paio di telespettatori si precipiteranno con altre clip di Trump che dice qualcosa di pazzo a un gruppo di metalmeccanici o qualcosa del genere e loro esultano selvaggiamente. Lo spettacolo non è mai veramente finito finché non sono su quel palco. Ed è una rottura di coglioni, francamente, scrivere un monologo un'ora prima dell'inizio dello spettacolo. Ma lo facciamo molto ora. E dobbiamo farlo, perché, come ha detto Wolf Blitzer nel nostro spettacolo la scorsa notte, è passato da un ciclo di notizie di 24 ore a un ciclo di notizie di 24 minuti. E abbiamo un vantaggio essere sulla costa occidentale, perché abbiamo tre ore di notizie in più da assorbire e commentare rispetto agli altri.

E tu avere Tom Arnold questa settimana , pure. Dovrebbe essere una buona cosa.

Il tempismo di quella prenotazione si è rivelato OK.

Lui è ho quel nastro , apparentemente.

Lo dice, ma non credo che abbia il nastro, penso che abbia sentito il nastro. Penso che se Tom Arnold avesse avuto quel nastro, l'avremmo ascoltato entro quattro secondi da quando l'avrebbe ricevuto. Ha detto che lo aveva su un collegamento scaduto e penso che stia cercando di ottenerlo. Se lo capirà, sai cosa è folle, che Tom Arnold avrà in qualche modo un ruolo in questa folle storia, ma sono successe molte cose più folli.

Se questo nastro esce - o il nastro della pipì per quella materia - è difficile immaginare che a qualcuno importi così tanto.

Non sono d'accordo. Beh, il nastro della pipì, lascia perdere, è una bomba nucleare.

Tu pensi? Perché mi sento come se lo avessimo già immaginato tutti.

Forse sì! [ride] Ma, sai, se c'è un nastro del presidente che usa la 'n-word' penso che sia una linea nella sabbia - e forse mi sbaglio, sbaglio sempre, quindi vado avanti con quella avvertimento - ma penso che sia una linea nella sabbia che i suoi compagni repubblicani non attraverseranno. E non li vedo gettare tutta la forza del loro sostegno dietro il presidente se viene rivelato qualcosa del genere. davvero no. Ma potrei sbagliarmi. Sembra che ci siano solo tre o quattro repubblicani che hanno qualche problema con quello che sta facendo. Penso che siano tutti così impopolari e vedono che è popolare e lo temono così intensamente. È davvero un modo vergognoso e codardo in cui si comportano. Chiunque tu parli che abbia qualche idea su cosa stava succedendo a Washington ti dirà che non sanno cosa sta succedendo con questo ragazzo. Salva una manciata di persone che all'inizio indossavano cappelli di stagnola, non lo supportano, vorrebbero che non fosse il presidente, lo temono e non vogliono avere a che fare con lui. Eppure, solo pochi di loro si sono alzati e hanno parlato contro di lui. E alcuni di loro l'hanno persino capito.

Hai avuto più contatti con i membri del Congresso? Originariamente The Daily Beast ha rotto la storia che avevi stato in contatto con Chuck Schumer fino ai tuoi monologhi sanitari.

Sì, sono cazzate, comunque. Non stavo parlando con lui. Quello che è successo è che la verità su quello che è successo è che - ora, gli ho parlato al telefono dopo quello - qualcuno nel nostro ufficio ha fatto un controllo dei fatti su alcuni argomenti con il suo ufficio perché conosceva qualcuno lì. Ma penso davvero che qualcuno nell'organizzazione di Chuck Schumer abbia deciso di volere parte del merito per il movimento. E hanno gettato il loro nome nel mix. E sfortunatamente, a molti repubblicani sembra che in qualche modo io sia a letto con Chuck Schumer, il che non è vero. Ci capita di essere sulla stessa pagina quando si tratta di assistenza sanitaria.

Questa è la vera collusione.

Sì, che in qualche modo sono il burattino di Chuck Schumer.

Bene, è bene chiarirlo, ma sembra che potrebbe averti reso la vita difficile.

Non credo che mi abbia reso la vita difficile, ma penso che abbia diminuito l'impatto che ho quando parlo di problemi sanitari. Penso che in realtà sia stato molto dannoso.

Tanto per concludere, quanto pensi che contino gli ascolti televisivi tradizionali a questo punto?

È interessante. Voglio dire, abbiamo tra i 30 ei 50 milioni di visualizzazioni ogni settimana su YouTube.

È molto di più di quello che sono guardare in TV .

È molto di più di quanto guardi in TV. Ed è divertente, perché i media sembrano concentrarsi su chi è un centesimo di punto davanti a chi quando sono tutte sciocchezze. Quello che dovrebbero guardare è quante persone stanno guardando su ogni piattaforma. Ma non c'è modo di misurarlo. Voglio dire, YouTube, i numeri sono abbastanza chiari. Le valutazioni Nielsen sono una stima. È come una casa su 12.000. Questo è un modo relativamente impreciso di misurazione rispetto a YouTube o Facebook. Eppure quasi tutti i nostri soldi provengono da quella metrica e penso che probabilmente a nessuno importi perché tutti stanno facendo soldi. Agli acquirenti non interessa, alle aziende non interessa, vogliono solo poter mettere le loro pubblicità nello stesso modo in cui l'hanno sempre fatto. E questo è tutto.

Questa intervista è stata modificata e condensata.