Kobach farebbe di tutto per Trump. Ma non lo farà

Politica


Kobach farebbe di tutto per Trump. Ma non lo farà

Kris Kobach ha bisogno di Donald Trump, ma la sua lealtà ha dei limiti.

Mentre il presidente ha continuato a intensificare i suoi attacchi contro voto per posta durante la pandemia di coronavirus, Kobach, l'ex segretario di Stato del Kansas e primo alleato del presidente, è apparso in televisione e ha persino scritto un articolo a sostegno dell'ampio targeting della pratica da parte di Trump mentre altri cercano di rendere la misura più diffusa durante la crisi sanitaria.


Ma nel suo stato natale del Kansas, dove il voto per corrispondenza giocherà un ruolo chiave nel decidere le controverse primarie del Senato repubblicano in cui si trova attualmente Kobach, il parafulmine del GOP ha evitato di lanciare attacchi simili. Principalmente perché la carriera di Kobach è strettamente intrecciata con il processo statale.

'I sistemi di posta elettronica della maggior parte degli stati sono vulnerabili alle frodi', ha affermato Kobach in una dichiarazione al Daily Beast. 'Ma quando ero Segretario di Stato, ho reso il sistema di voto del Kansas il più sicuro del paese, con un'attenzione specifica alle schede elettorali'.

Quell'approccio di Kobach, arrivato due anni dopo aver vinto di poco un concorso per le primarie del GOP per governatore solo per essere sonoramente battuto da un democratico in generale, ha ricordato a uno dei suoi critici nello stato dello stesso tenore Trump sta prendendo a livello nazionale.

'Penso che stia facendo la stessa cosa che sta facendo Donald Trump quando Donald Trump cerca di differenziare il voto per corrispondenza dal voto per corrispondenza, che è esattamente la stessa cosa', ha detto il rappresentante dello Stato democratico Brett Parker. 'È un modo nascosto per dire: 'Va bene se lo fai se voti per me', ma riservandoti comunque il diritto di gridare allo scandalo se non ti piace il risultato delle elezioni'.


Kobach sta ora cercando di rilanciare la sua carriera politica vincendo un seggio al Senato degli Stati Uniti in Kansas. Ma la sua ultima corsa ha dovuto affrontare attacchi da parte di compagni repubblicani, che sperano che il membro del Congresso Roger Marshall (R-KS) batterà Kobach nelle elezioni primarie di martedì. In attesa del candidato del GOP alle elezioni generali è probabile che ci sia Barbara Bollier, una senatrice di stato ed ex repubblicana che ha mostrato una forte raccolta di fondi mentre il suo partito cerca di riprendere il controllo del Senato.

La condanna di Trump del voto per corrispondenza ha coperto un ampio spettro negli ultimi mesi. Ad aprile, a metà Le primarie della pandemia del Wisconsin , Trump ha lanciato l'accusa secondo cui 'il voto per corrispondenza è orribile. È corrotto'. L'ironia chiave all'epoca, che fu chiamata da un giornalista nella stanza, fu che secondoIl posto di Palm Beach , Trump ha chiesto un voto per corrispondenza per le primarie di marzo in Florida.

Da allora, ha minacciato finanziamenti federali al Michigan per lo stato inviando domande di voto per corrispondenza e twittato a giugno che 'A causa delle MAIL-IN BALLOTS, il 2020 sarà l'elezione più truccata nella storia delle nostre nazioni, a meno che questa stupidità non sia finita'. La scorsa settimana, è arrivato al punto di associare il 'voto universale per posta' come motivo per considerare di ritardare le elezioni, una mossa che legalmente non può fare da solo.

Di recente, lunedì, Trump ha continuato a sfogare frustrazioni sul voto per corrispondenza. Dopo aver risposto a una domanda dal One America News Network, amico di Trump durante una conferenza stampa, ha detto: 'Le votazioni universali per corrispondenza saranno un grande imbarazzo per il nostro paese', dopo aver indicato le primarie del Congresso di New York gara da giugno che ancora non ha un vincitore chiaro. Trump ha anche affermato di avere il diritto di emettere una sorta di ordine esecutivo sul voto per corrispondenza, ma ha aggiunto: 'Non ci siamo ancora arrivati, ma vedremo cosa succede'.


In un articolo di Breitbart di aprile, Kobach ha scritto che 'il presidente Trump aveva assolutamente ragione nell'evidenziare i pericoli del voto per corrispondenza', ma ha indicato ciò che aveva fatto in Kansas come eccezione alle sue critiche. Kobach ha ribadito la sua posizione suLou Dobbs stasera, affermando che il 'voto per corrispondenza obbligatorio' se dovesse essere approvato a livello nazionale 'sarebbe semplicemente orribile'.

In una dichiarazione a The Daily Beast, Kobach ha indicato una serie di misure che includono una fotocopia di un documento d'identità o un numero di licenza per le richieste di voto per corrispondenza e uno standard di verifica della firma per dimostrare che 'il sistema del Kansas è il più sicuro del paese'.

Mentre Kobach gira il suo approccio in questo modo, la sua più ampia revisione del sistema elettorale statale si è rivelata profondamente controversa, scatenando contenziosi e derisione da parte dei Democratici per le strette restrizioni che Kobach voleva che gli elettori dovessero affrontare. Quella spinta ha portato Kobach a fallire spesso in tribunale mentre cercava di difendere le rigide leggi che sosteneva.

Le votazioni per corrispondenza saranno particolarmente cruciali per i risultati finali. L'ufficio del Segretario di Stato del Kansas ha twittato durante il fine settimana che '314.979 voti anticipati inviati, 178.294 voti anticipati restituiti', in quello che le cifre dell'ufficio hanno mostrato come un'impennata schiacciante per il metodo dallo stesso punto nelle elezioni del 2016 e del 2018.


'Non sorprende che stia cercando di infilare l'ago qui annuendo nella direzione delle affermazioni generali di Trump sulla frode, affermazioni che non sono supportate dalle prove, senza scoraggiare gli elettori del Kansas dall'usare il sistema per votare per lui', ha affermato Richard Hasen. , un esperto di diritto elettorale presso l'Università della California, Irvine.

Kobach è stato un accanito sostenitore di Trump sin dalle primarie del presidente 2016 e ha abbracciato la posizione del presidente mentre la denuncia di frode elettorale di Trump è diventata più feroce. Dopo le elezioni del 2016, con Trump in grado di rivendicare la vittoria sulla democratica Hillary Clinton nel collegio elettorale ma non nel voto popolare, il presidente entrante ha lanciato l'accusa fasulla su Twitter che 'Ho vinto il voto popolare se si tolgono i milioni di persone che hanno votato illegalmente”.

Raramente uno che evita una controversia elettorale, Kobach ha detto ai giornalisti subito dopo che Trump aveva ragione, secondo La stella di Kansas City , nonostante nessuna prova dalle elezioni del 2016 per sostenere tale caso.

Kobach divenne presto il volto pubblico della commissione per le frodi elettorali di Trump, ma la crociata divenne uno spettacolo pubblico che fu abbandonato tra polemiche, mancanza di prove e risultati.

La lealtà di Kobach a Trump è stata premiata durante la stagione elettorale del 2018 con un'approvazione dell'ultimo minuto da parte del presidente che gli osservatori del Kansas ritengono abbia fatto la differenza nella vittoria per 343 del repubblicano sull'allora governatore Jeff Colyer. Ma l'adorazione di Trump e un grande raduno a Topeka con Kobach prima delle elezioni generali non sono stati sufficienti per impedire a Kobach di perdere contro la democratica Laura Kelly di 5 punti alle elezioni generali.

Trump deve ancora sostenere la corsa al Senato, un raro esempio del presidente che sceglie di non mostrare i muscoli nella base repubblicana.

Ma prima delle primarie di martedì, Patrick Miller, uno scienziato politico presso l'Università del Kansas, ha affermato che il tono di Kobach sul voto per corrispondenza sembra un caso di 'il problema è con tutti gli altri tranne me'.

'È sicuramente il tipo di mossa che gli fa tornare Trump ma poi dice che ha creato la grande eccezione', ha detto Miller. “Il che ha senso. Non vuole essere in una posizione in cui è visto come contraddice tutto ciò che dice Donald Trump'.

Allo stesso tempo, tuttavia, Kobach deve anche fare i conti con il suo record come principale funzionario elettorale dello stato.

'Penso che lo stia facendo in modo intelligente', ha detto Miller. 'Non sono sicuro che lo stia facendo in modo intellettualmente onesto, in particolare contestando l'integrità del voto per corrispondenza in altri stati'.