'Making the Cut' Finale Shock: Heidi Klum e Tim Gunn difendono il sorprendente vincitore di un milione di dollari

Intrattenimento


'Making the Cut' Finale Shock: Heidi Klum e Tim Gunn difendono il sorprendente vincitore di un milione di dollari

'Un milione di dollari non è ancora tangibile', il vincitore del prima stagione diFare il taglio ride.

Ci connettiamo al telefono il pomeriggio prima del finale della prima stagione del giramondo di Amazon serie di concorsi di moda è stato reso disponibile per lo streaming e la collezione di 20 pezzi del vincitore è stata resa disponibile per l'acquisto su Amazon Fashion.


'Voglio dire, un milione di dollari, puoi davvero fare qualcosa con quello', dice Heidi Klum, in una chiamata separata con lei Fare il taglio co-conduttore ed ex Project Runway socio, Tim Gunn, dice. 'È vero. Puoi fare dei veri affari con quello.”

NEWSLETTERThe Daily Beast's ObsessedTutto ciò che non possiamo smettere di amare, odiare e pensare questa settimana nella cultura pop.IscrivitiCliccando su 'Iscriviti' accetti di aver letto il Condizioni d'uso e politica sulla riservatezza

Gunn ammette di aver avuto la pelle d'oca quando è stato rivelato come una sorpresa nel primo episodio diFare il taglioche il primo premio sarebbe stato di $ 1 milione da investire nel marchio di moda del vincitore.

'Se consideri un milione di dollari, più il tutoraggio Amazon, che ora possiamo dire è iniziato lo scorso settembre, e poi avere una collezione di 20 pezzi su Amazon Fashion, è davvero fenomenale', dice. 'Voglio dire, se non puoi farcela con queste circostanze, non puoi farcela.'

È abbastanza lungo in questa storia che ci sentiamo al sicuro nel rivelare chi ha fatto il taglio. Ma come due diligence, ecco un ultimo AVVISO SPOILER per coloro che non vogliono saperlo.


Sei stato avvisato.

Come rivelato venerdì nelFare il taglioNel finale, lo stilista di Los Angeles Jonny Cota ha prevalso in un voto quasi diviso dopo una solida sfilata della sua collezione Metamorphosis e che ha impressionato il capo di Amazon Fashion con la sua proposta commerciale del marchio.

Esther Perbandt, amante dei neri di Berlino, la prima favorita, è stata la finalista seconda. Il prodigio belga di 24 anni Sanders Bos è stato rimandato a casa dopo la penultima sfida del pop-up store.

Il conteggio finale dei voti dei cinque giudici è stato di tre a due a favore di Cota, con Klum e Naomi Campbell approvando Perbandt e Giuseppe Altuzarra , Nicole Richie , e Chiara Ferragni lanciandolo per Cota.


Annuncio pubblicitario

'Penso solo che stia creando pezzi così insoliti e unici', dice Klum del suo sostegno a Perbandt, qualificando che Cota è sempre stata anche una delle sue preferite nella competizione. 'Essendo eclettico o un po' più insolito con il mio abbigliamento personale, sono sempre più attratto da questo forse'.

Mentre si dirigeva verso il finale, Perbandt aveva vinto più sfide di qualsiasi altro designer per tutta la stagione, il suo successo statico in total black ha suggerito un potenziale di mercato più limitato rispetto a quello che gli altri giudici hanno visto per la collezione di Cota, specialmente dopo aver ascoltato il feedback da Amazon .

“Voglio dire, un milione di dollari, puoi davvero fare qualcosa con quello. È vero. Puoi fare dei veri affari con quello.”

'Ha davvero iniziato con questo super rocker, un tipo molto più maschile di pelle dura, estetica', afferma Altuzarra, capo del suo marchio di moda Altuzarra. “Durante il corso di ogni incarico, penso che abbia iniziato a trovare se stesso e ad abbracciare la sua femminilità. Quando li hai paragonati uno accanto all'altro, il suo marchio ha finito per sembrare multi-strutturato, molto inclusivo, molto emotivo. C'era molta profondità'.

Con cui tutti sono coinvoltiFare il taglionon riesco a smettere di dire la parola 'marca', sia nello spettacolo che nelle interviste, è il punto.


La serie ha naturalmente supplicato confronti conProject Runway , soprattutto considerando che Klum e Gunn hanno lasciato la lunga competizione di moda per lanciare lo spettacolo di Amazon. Dal punto di vista della produzione, viaggiare da New York a Parigi e Tokyo per allestire sfilate in punti di riferimento come la Torre Eiffel e il Tempio Sensō-ji sopraelevatoFare il tagliosopra l'episodio standard diProject Runway- e questo per non parlare del gran premio di un milione di dollari.

Annuncio pubblicitario

Ma è l'idea che la serie stesse cercando il prossimo marchio di moda, non il designer, che, a livello concettuale, ha reso lo spettacolo unico. I concorrenti, ad esempio, non dovevano nemmeno cucire i propri indumenti, con le sarte assunte per fare il lavoro per loro.

'Ciò che spicca di questo spettacolo è che non stiamo trovando il prossimo buon designer', afferma Richie, l'attrice e fondatrice del marchio House of Harlow. 'Queste persone sono già designer fantastici, per essere anche un concorrente in questo spettacolo.'

Giudicare ogni sfida, dice Altuzarra, significava pensare non solo a 'questo sembra carino', ma 'si venderà', 'come lo commercializzeremo' e 'sarà bello online?' Ciò si rifletteva in uno degli espedienti caratteristici dello show. Ogni sfida richiedeva ai designer di creare un look commerciale accessibile per completare il loro pezzo di passerella alla moda, che è stato venduto su Amazon il giorno in cui ogni episodio è andato in onda.

Cota ammette di aver preso in considerazione l'audizione perProject Runwaynel corso degli anni, ma sentiva che non avrebbe eccelso nello show perché non è bravo a cucire. L'appello diFare il taglioera il suo focus sulle competenze che effettivamente possiede: imprenditorialità, essere un direttore creativo e guidare un marchio.

'La cosa principale che ricordo di tutta questa stagione è stata che Naomi Campbell alla fine mi ha detto che era orgogliosa'.

“Quello che penso sia la cosa più bella di cuiFare il taglioè che mostra tutto il duro lavoro necessario per essere un marchio, ed è molto più che cucire', dice. 'Lo deduci da molte interviste ai designer nello show, che trascorriamo la maggior parte delle nostre giornate sbrigando scartoffie, buste paga, rapporti sulle vendite e spedizioni'.

Annuncio pubblicitario

Quando si tratta di branding, il clamoroso punto di discussione della stagione è stata la cosa che ha definito il marchio dell'eventuale secondo classificato, Perbandt: Black.

Il marchio di Perbandt è vestiti completamente neri. Ad ogni sfida, i giudici esitavano tra lodarla per aver padroneggiato il suo marchio e difenderne l'integrità, e supplicarla di diversificarlo con più colori. La principale preoccupazione, specialmente negli ultimi episodi in cui i dirigenti di Amazon Fashion sono stati chiamati a consultarsi con i designer, è stato il fatto che una collezione completamente nera rende difficile la vendita online, dove i colori e le stampe vivaci risaltano per i consumatori.

'Forse Esther ha rovinato un po' le cose rimanendo fedele al suo universo nero', dice Klum senza mezzi termini. “L'abbiamo adorato tutti, ma penso che fosse un po' il suo dilemma. O forse non tanto capire cosa avrebbe voluto vedere anche Amazon.

Gunn interviene per sottolineare il punto: 'Anche se il suo universo nero è certamente superbo'.

Il fatto che i giudici sapessero che la collezione avrebbe debuttato in primavera ha anche costretto l'estetica total black di Perbandt a riflettere, afferma Richie.

'Penso che la sua forza a volte possa essere anche una debolezza', spiega Altuzarra. “Essere davvero rigidi su ciò che ami e sul tuo universo è fantastico, perché, sì, crei davvero un marchio molto forte. Ma ho attinto dalla mia esperienza personale di vendita di nero online, e sembra che ci sposteremo sempre più verso l'online come piattaforma principale per lo shopping. Il nero è solo una vendita più difficile'.

Annuncio pubblicitario

Per quanto riguarda Perbandt e l'elefante tutto nero nella stanza, Cota dice: 'Gliel'ho detto in faccia, quindi te lo dirò: Esther sta facendo esattamente quello che dovrebbe fare. È una stilista tutta nera a Berlino. La gente la ama per questo. Se fosse cresciuta troppo, i suoi clienti e follower non l'avrebbero seguita nel suo prossimo capitolo'.

Un capitolo successivo, d'altra parte, è esattamente ciò che Cota ha vinto la stagione per la creazione di grafici.

La svolta è arrivata nel quarto episodio, quando ha fatto sfilare in passerella un abito ondulato a righe bianche e nere, un'estetica molto più morbida e femminile di quella che aveva mostrato a quel punto nella competizione. Ha vinto la sfida di quell'episodio e l'abito è andato esaurito immediatamente quando è stato reso disponibile su Amazon. La stessa Naomi Campbell ha incoronato la trasformazione: 'Johnny, sono molto orgoglioso di te'.

'La cosa principale che ricordo di tutta questa stagione è stata che Naomi Campbell alla fine mi ha detto che era orgogliosa', ride Cota.

Ma come la maggior parte degli artisti, quasi tutto il resto che ricordava erano le recensioni negative.

'Quindi mi sono ricordato di tutti i negativi che hanno detto sulla pelle che è noiosa, il mercato della pelle è saturo, i pezzi non sono speciali, sono derivati, come le novità', dice. “Sono alimentato dal voler mettermi alla prova e mostrare loro che sono degno di essere lì. Quindi, non essendo rapidamente impressionati dalla mia estetica dura e in pelle, hanno rapidamente cambiato la mia visione del mio design e la mia strategia per lo spettacolo'.

Annuncio pubblicitario

Sei episodi dopo, quella nuova visione e la nuova strategia hanno ottenuto il taglio: un taglio da un milione di dollari.