La dieta di Maria Antonietta

Blog


La dieta di Maria Antonietta

Maria Antonietta, la variopinta regina di Francia del Settecento, nota da sempre per aver detto “Che mangino la torta”, visse certamente la massima che venne a definirla, anche se la sua attribuzione rimane dubbia. Ma ehi, quando queste insignificanti preoccupazioni storiche hanno fermato il colosso della pubblicazione di diete di oggi?

In La dieta di Maria Antonietta: mangia la torta e continua a perdere peso , l'autrice Karen Wheeler afferma che Maria Antonietta ha gustato una pasticceria con caffè o cioccolata calda per colazione, rimpinzandosi della tipica cucina di palazzo sontuosa, che includeva paté, ostriche e aragosta come antipasti, seguiti da capesante, anatra, salmone, fois gras impanato o lepre stufato come piatto principale e spuntini durante il giorno con formaggi, maccheroni e verdure cotte nella crema. Inoltre, con la sua golosità, la Regina non ha potuto resistere alla selezione di pasticcini, frutta candita e wafer offerti per dessert.


“In Maria Antonietta, il film”, osserva Wheeler,'La regista Sofia Coppola ha descritto la vita della regina di Francia come una lunga festa di torte, rimpinzandosi di amaretti e pasticcini ripieni di fondente, innaffiati da un fiume di champagne'.

Eppure in qualche modo, nonostante l'apporto calorico apparentemente travolgente di Maria Antonietta, è stata in grado di mantenere una vita molto sottile di 58 cm (23 pollici), osserva Wheeler, secondo la sua sarta Madame Eloffe. Caroline Weber, autrice diRegina della moda: cosa indossò Maria Antonietta durante la rivoluzione, scrisse persino che era 'abbastanza magra da indossare i suoi abiti formali senza i rigidi corsetti di osso di balena che erano obbligatori alla corte francese.

Ma come ha fatto?

'Le memorie di Madame Campan [confidente e first lady di Antoinette] suggeriscono che Maria Antonietta sapeva istintivamente ciò che la scienza del 21° secolo ha dimostrato, vale a dire che non è ciò che si mangia, ma quando lo si mangia', scrive Wheeler. “E più esaminavo la dieta della regina, più mi convincevo che conteneva la chiave del cosiddetto 'paradosso francese', la domanda su come i francesi mangiano cibi ricchi e grassi, ma riescono comunque a rimanere magri ed evitare malattia coronarica.”Wheeler, tuttavia, non è un dietologo o un esperto medico. È una giornalista di moda che ora vive in Francia e che, dopo una lunga carriera nell'industria della moda, ha familiarizzato troppo con le diete alla moda—pensate a 'La dieta del bevitore' o 'La dieta del vino e delle uova'—e il fat shaming. Dopo essersi trasferito in Francia, Wheeler ha imparato che le donne francesi non ingrassano. Durante la lettura di una biografia su Maria Antonietta, Wheeler ha scoperto che l'ex regina potrebbe essere stata a dieta perfetta per tutto il tempo, senza nemmeno saperlo.


L'odore di Versailles, che mancava di impianti idraulici moderni, molto probabilmente serviva da soppressore dell'appetito, mentre dover cenare, vestirsi e spogliarsi in pubblico potrebbe aver portato Maria Antonietta a guardare anche il suo peso. Ma era la sua cena leggera, in genere un brodo con verdure e pollo o faraona, che Wheeler considerava fondamentale. Poco dopo, si rese conto che anche i suoi amici francesi moderni mangiavanoLa cena—o una cena leggera—piuttosto che una cena ricca di calorie.

La 'dieta di Maria Antonietta', nota anche come MAD, si concentra sull'orario dei pasti tra gli altri fattori: indulgere sui dolci a colazione può aiutare a frenare l'appetito per loro più tardi nel corso della giornata; mangiare la zuppa - soprannominata 'un miracolo in una ciotola per la perdita di grasso' - prima di cena o come cena; usa solo cibo che ènaturale(niente cianfrusaglie, grassi trans, oli vegetali o polinsaturi e non bere il tuo peso sotto forma di zucchero (o alcol).

Sebbene molte diete alla moda vadano e vengano, e si dimostrino inefficaci non appena vengono dichiarate efficaci, alcune delle affermazioni di Wheeler (supportate dalla dottoressa Mabel Blades, una dietista e nutrizionista registrata in Inghilterra) sembrano effettivamente utili e facilmente realizzabili, come non mangiare dopo le 20:00 o concentrarsi sul controllo delle porzioni, piuttosto che sul controllo del cibo. L'unica cosatotalmentefuori è cibo fritto.

Il miglior consiglio di Wheeler? “Mangia il dessert solo se è fantastico.”