Rilascio del generale forzato della 'Fratellanza segreta' dell'esercito messicano

Mondo


Rilascio del generale forzato della 'Fratellanza segreta' dell'esercito messicano

CALI, Colombia—Si chiamaIl Sindacato, o il Sindacato. Presumibilmente, è un ' fratellanza segreta 'all'interno dell'esercito messicano che esercita anche un certo controllo sul governo civile.

Quanto controllo? Apparentemente abbastanza che la cabala dei generali a quattro stelle d'élite abbia forzato con successo il pubblicazione del generale Salvador Cienfuegos Zepeda, ex segretario alla difesa nazionale, dalla custodia degli Stati Uniti all'inizio di questo mese.


Cienfuegos era stato arrestato con l'accusa di traffico di droga a Los Angeles il 15 ottobre, e gli agenti e i pubblici ministeri della DEA avevano costruito contro di lui una solida causa basata su chiamate e messaggi di testo intercettati dal suo telefono. Le prove raccolte hanno rivelato che El Padrino [il Padrino], come Cienfuegos era noto ai suoi contatti della malavita, aveva aiutato il Messico manifesto H-2 spostare migliaia di chilogrammi di cocaina, eroina e metanfetamine negli Stati Uniti i n cambio di tangenti .

Ma le fonti dicono i potenti cabala di generali in pensione e in servizio – che include altri precedenti segretari della difesa come lo stesso Cienfuegos – aveva iniziato a lavorare per minare il caso della DEA e garantire il ritorno di El Padrino in Messico dal giorno del suo arresto.

A poche ore dalla sua cattura in California, dove era in vacanza con la sua famiglia, il Sindacato aveva inviato un rappresentante a bussare alla porta dell'attuale capo della difesa Luis Crecencia Sandoval, secondo il sito di notizie di Città del Messico Emeequis, che per primo ha rotto il storia.

Il rappresentante di questa cabala è identificato negli Emeequis rapporto come ufficiale con esperienza nella lotta ai cartelli nel Messico settentrionale, nonché amico intimo di Sandoval. E il messaggio che ha trasmesso è stato che i comandanti di più alto grado dell'esercito 'non avrebbero sedendosi con le braccia incrociate mentre un governo straniero faceva a pezzi la loro credibilità'.


Sandoval è stato incaricato di portare questo messaggio al presidente Andrés Manuel López Obrador (spesso conosciuto con le iniziali AMLO), e nelle prossime settimane sono seguite affermazioni simili. La spinta dei generali aumentò dopo che Cienfuegos fu trasferito in una prigione di massima sicurezza a New York, e alla fine si trasformò in un vero e proprio ricatto.

'L'esercito doveva essere molto preoccupato che Cienfuegos rivelasse i nomi'.

'[The Syndicate] ha esercitato una pressione molto forte su AMLO in modo che, a sua volta, liberasse Trump da Cienfuegos', ha affermato il dott. Raúl Benítez-Manaut, un esperto di sicurezza dell'Università Nazionale Autonoma del Messico, in un'intervista a The Bestia quotidiana.

Quella pressione includeva minacce di 'tornare alle loro caserme e di non cooperare più con gli Stati Uniti', ha detto Benítez-Manaut.

Dopo inizialmente schierarsi con la DEA , AMLO sarebbe stato costretto a concedere dai suoi generali. La sua amministrazione ha comunicato la minaccia di porre fine alla cooperazione bilaterale per le forze dell'ordine al procuratore generale degli Stati Uniti Bill Barr, con il risultato che Cienfuegos è stato restituito al suolo messicano con tutte le accuse contro di lui ritirate.


Una “giunta militare” corrotta

L'incidente mette in evidenza come militarizzazione crescente della guerra alla droga in Messico ha potenziato le forze armate riducendo l'autorità dei funzionari democraticamente eletti. L'esercito è stato utilizzato per combattere la criminalità organizzata in Messico dal 2006, ma il suo ruolo è aumentato notevolmente dopo l'insediamento di AMLO nel 2018.

'[The Syndicate] opera come una giunta militare che consente un presidente civile, ma tira le fila dall'ombra', ha detto a The Daily Beast Mike Vigil, l'ex capo delle operazioni della DEA.

I soldati ora sono abitualmente abituati a sorvegliare porti e centri urbani, e anche in progetti di costruzione come il nuovo aeroporto internazionale a Città del Messico.

Vigil, che ha trascorso più di una dozzina di anni di stanza in Messico, ha accusato i militari di 'svolgere un ruolo in ogni aspetto del governo'.


Un alto funzionario delle forze dell'ordine in Messico, che ha chiesto che il suo nome fosse nascosto in modo da poter parlare liberamente, ha paragonato il Sindacato a un 'clan di potere' che il presidente messicano deve 'servire ciecamente e assolutamente per paura di un colpo di stato contro di lui'.

'I militari si sono sempre comportati in modo indipendente e nel loro interesse', ha detto il funzionario. 'E hanno un'influenza decisiva sul presidente che deve piegarsi alle loro richieste'.

Il crescente potere dell'esercito in Messico, tuttavia, non si è tradotto in una vittoria nel guerre di cartello . Negli ultimi anni, invece, il bilancio delle vittime ha continuato a salire. Ci sono già stato 29.182 omicidi entro i primi 10 mesi del 2020, compreso un 8% arpione in ottobre, mettendolo al passo per essere l'anno più mortale nella storia del paese.

Allo stesso tempo, l'immagine un tempo genuina dei militari è diventata sempre più offuscata. Negli ultimi anni le forze armate sono state implicate in una serie di violazioni dei diritti umani ed esecuzioni extragiudiziali. Tale elenco include un massacro di 16 civili nel 2015 e il famigerato scomparsa di 43 studenti nella provincia di Guerrero, entrambi avvenuti sotto il mandato di Cienfuegos come ministro della Difesa.

Il dottor Robert Bunker, direttore della ricerca presso l'istituto di studi strategici Futures LLC, ha paragonato il Sindacato del Messico al Cartel de los Soles del Venezuela, che si dice sia gestito dai massimi generali del paese.

'L'esercito messicano desiderava disperatamente ottenere il rilascio di Cienfuegos per mantenere l'illusione che loro e il governo non avessero legami con la criminalità organizzata'.

'Il corpo degli ufficiali nelle forze armate autoritarie autoritarie e ancora in fase di transizione, di cui [il Messico] è il secondo, è corrotto e trae pesantemente profitto dall'economia illecita ai livelli più alti', ha detto Bunker in una e-mail.

La corruzione interna dell'esercito è uno dei motivi per cui le forze dell'ordine statunitensi preferiscono lavorare con i marines messicani, più piccoli ma più d'élite.

'I marine sono visti come meno contaminati e corrotti dal denaro del cartello o che traggono attivamente profitto dal traffico di stupefacenti', ha detto. 'Questo è il motivo per cui sono stati tradizionalmente usati come forza di 'cattura dei cacciatori' per abbattere i boss del cartello piuttosto che l'esercito'.

“Un ragazzo da manifesto per l'impunità”

Allora, qual è il futuro di El Padrino?

L'amministrazione AMLO ha promesso che sarà processato equamente in Messico, ma i critici rimangono scettici.

'Non credo che sarà perseguito perché il Messico non ha mai indagato su Cienfuegos, né hanno alcuna accusa contro di lui', ha detto l'ex capo della DEA Vigil. 'Sarà protetto dalla cabala militare e la magistratura è molto debole'.

Vigil ha anche sottolineato che anche se il caso dovesse andare in tribunale, l'esito sarebbe in dubbio, poiché il tasso di successo nei procedimenti federali è inferiore al 5%.

“Sarà un uomo libero e sarà un poster boy per corruzione e impunità', ha detto Vigil. Ha anche detto che parte della motivazione del Sindacato per chiedere il rimpatrio ed evitare un processo è che il generale non possa far uscire i co-cospiratori per far fronte a un appello.

'Le migliaia di comunicazioni Blackberry intercettate hanno mostrato che Cienfuegos stava reclutando altri comandanti dell'esercito per proteggere le operazioni di H-2 mentre trasportavano tonnellate di droga attraverso più stati messicani fino al confine con gli Stati Uniti', ha affermato Vigil. 'L'esercito doveva essere molto preoccupato che Cienfuegos rivelasse i nomi', il che sarebbe 'disastroso per l'istituzione'.

'[The Syndicate] opera come una giunta militare che consente un presidente civile, ma tira le fila dall'ombra'.

I pubblici ministeri della DEA e degli Stati Uniti hanno messo a disposizione delle loro controparti in Messico le prove raccolte nel caso. Ma poiché i messaggi intercettati sono stati raccolti da un governo straniero, non vi è alcuna garanzia che i giudici li riterranno ammissibili.

Il direttore di Futures Bunker ha affermato che potrebbe esserci una sorta di processo farsa, durante il quale il presidente del tribunale potrebbe semplicemente 'far crollare il caso'.

'Ho difficoltà a vedere Cienfuegos essere condannato, anche con una sentenza leggera, poiché l'esercito come istituzione sarebbe disonorato', ha detto Bunker.

Benítez-Manaut era d'accordo con tale valutazione:

'In Messico l'opinione generale è che i giudici lo aiuteranno e non sarà colpito da accuse penali'.

A causa del loro potere, della loro influenza e della stima di lunga data nella società messicana, i comandanti al più alto livello a volte si considerano al di sopra della legge. 'Per loro non è impunità, è un diritto', ha detto Benítez-Manaut.

Veglia acconsentì. “Esiste un diverso insieme di regole per i funzionari corrotti di alto rango. L'esercito normalmente ottiene una carta di soggiorno fuori dal carcere per corruzione e massacri all'ingrosso', ha detto.

Un altro motivo per annullare il caso potrebbe essere la necessità per l'esercito nel suo insieme di preservare la propria immagine di entità quasi santificata, immune all'influenza dei narcotrafficanti, per timore che il Messico venga visto come uno stato del narcotraffico a tutti gli effetti.

'L'esercito messicano desiderava disperatamente ottenere il rilascio di Cienfuegos per mantenere l'illusione che loro e il governo non avessero legami con la criminalità organizzata', ha detto Vigil.

Nonostante tali sforzi per il controllo dei danni, la frattura tra le forze dell'ordine statunitensi e l'esercito in Messico potrebbe essere irreparabile, almeno per il prossimo futuro.

Vigil ha definito la nuova sfiducia tra le forze di sicurezza messicane e la DEA un 'tumore maligno' che continuerà a marcire.

'La questione del rilascio di Cienfuegos soffocherà sicuramente lo scambio critico di informazioni tra i due paesi', ha detto Vigil, 'e questo andrà a beneficio solo dei cartelli violenti'.