Il misterioso incendio del 'Dr. Jekyll e il signor Hyde'

Arte-E-Cultura


Il misterioso incendio del 'Dr. Jekyll e il signor Hyde'

La storia di artisti e autori è disseminata di mogli che sono state fondamentali influencer, anche collaboratrici, del lavoro dei loro coniugi, ma che non sempre hanno ricevuto il dovuto.

F. Scott Fitzgerald segretamente 'preso in prestito' porzioni dei diari di Zelda e li ha spacciati come una sua creazione.


Jeanne-Claude era solo aggiunto come co-creatore sulle opere di suo marito Christo diversi decenni dopo l'inizio del loro sodalizio artistico. E Vera Nabokov ha fatto tutto per Vladimir: lei ispirava, scriveva a macchina, insegnava ai suoi corsi e lo salvava dai suoi capricci distruttivi.

Questa tribù di partner spesso trascurati include anche Fanny Stevenson, di Robert Louis Stevenson primo lettore e suo più ardente sostenitore.

Ma lei era più di questo. Fanny era anche la critica più accanita di suo marito, e quando si è trattato della prima bozza diStrano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde, la sua influenza ha preso una forma più distruttiva.

Stevenson ha incontrato Fanny, la sua futura moglie americana, mentre erano entrambi in vacanza nella campagna francese nel estate del 1876 . Robert era in visita da un cugino e cercava un'idea per il suo prossimo libro; Fanny si stava riprendendo dalla morte del figlio più piccolo e dal suo matrimonio travagliato.


I due si innamorarono e portarono avanti la loro scandalosa relazione per due anni prima che Fanny tornasse negli Stati Uniti e da suo marito nel 1878. Ma entro la fine dell'anno successivo, non riuscivano a stare separati. Fanny ha ottenuto il divorzio e ufficialmente si è impegnata con Robert quando i due erano sposato nel 1880 .

Cinque anni dopo, nell'estate del 1885, la coppia si stabilì nella loro casa di Bournemouth, sulla costa dell'Inghilterra, mentre Stevenson era in convalescenza dal suo tripudio di malattie ( tubercolosi gli causò un effetto domino di problemi di salute per la maggior parte della sua vita).

Sarebbe finito per essere un momento produttivo per lo scrittore, ma in cui avrebbe... poi riflettere , 'Ricorda il bruto pallido che viveva a Skerryvore come un punteruolo in un biscotto.'

A questo punto, aveva già pubblicatoIsola del tesorocosì come una varietà di altre opere, ma la fama e la fortuna gli erano finora sfuggite. Stevenson era ben considerato nel suo set artistico, ma doveva ancora raggiungere la sicurezza finanziaria o una fama più ampia.


Durante questo periodo, i semi di una nuova storia stavano già rimbalzando nella sua testa. Si era interessato alla 'dualità della natura umana e all'alternanza del bene e del male', come il suo primo biografo Graham Balfour ha scritto , ma non aveva ancora capito la storia in cui esplorare questa idea.

Poi, una notte, Stevenson è andato a dormire e ha avuto un delizioso incubo. Con pensieri di bene e male nella sua mente, per non parlare del suo presunto uso medicinale della cocaina per aiutare con gli effetti della tubercolosi, non sorprende che i suoi sogni prendano una piega oscura e contorta.

“Perché mi hai svegliato? Stavo sognando un bel racconto bogey”

Quella notte, gli sarebbero venute in mente tre scene che avrebbero ispirato il suo prossimo romanzo. Fu durante il suo sogno di una scena in cui un uomo buono si trasformava in uno malvagio, che Fanny intervenne.

'Nelle ore piccole di una mattina, sono stata svegliata dalle grida di orrore di Louis', ricorda Fanny. “Pensando che avesse avuto un incubo, l'ho svegliato. Disse con rabbia: 'Perché mi hai svegliato? Stavo sognando un bel racconto spauracchio.'”


Secondo la leggenda, e lo stesso Stevenson, scrisse furiosamente la prima bozza diStrano caso del dottor Jekyll e del signor Hydein soli tre giorni. Quando ebbe finito, fece quello che faceva sempre e lo mostrò a sua moglie per il suo giudizio.

Fanny non era nota per trattenersi quando si trattava del lavoro di suo marito. Avrebbero avuto lunghe discussioni e accesi dibattiti sulle sue critiche e sui meriti degli scritti che aveva prodotto.

'In questa battaglia di ingegno hanno trovato un intenso divertimento, ed è stato, infatti, un cameratismo intellettuale che pochi scrittori hanno avuto la fortuna di godere nelle proprie famiglie'

Secondo la biografia del 1920 di Nellie van de Grift Sanchez La vita della signora Robert Louis Stevenson , 'In questa battaglia di ingegno hanno trovato un intenso divertimento, ed è stato, in effetti, un cameratismo intellettuale che pochi scrittori hanno avuto la fortuna di godere nelle proprie famiglie'.

Indipendentemente dal divertimento che ciascuna delle parti ha trovato nelle battaglie, è stato un processo che Fanny ha preso molto sul serio. In una lettera successiva a sua suocera, si assicurò che suo marito avesse sempre un feroce critico familiare tra le sue fila.

Lei ha scritto , 'Se muoio prima di Louis, la mia ultima richiesta sincera è che non pubblichi nulla senza l'approvazione di suo padre. So che significa poco meno che la distruzione per entrambi, ma non ci sarà nessun altro. Il campo è sempre coperto dai miei morti e feriti, e spesso sono costretto a un compromesso, ma comunque combatto molto bene'.

Quindi, quando Stevenson le ha mostrato la sua prima travolgente bozza del suo ultimo libro, ha dovuto essere onesta. Lo odiava. Ha scritto le sue critiche, principalmente che il libro è stato scritto semplicemente come una storia piuttosto che come un'allegoria del bene contro il male, che pensava sarebbe stata la mossa migliore. Ha dato la sua dichiarazione scritta allo scrittore e lo ha lasciato solo.

Da qui, è impossibile conoscere l'esatta serie di eventi. I primi resoconti affermavano che lo stesso Stevenson gettò il suo romanzo in erba nel fuoco e lo bruciò fino a renderlo croccante. Diverse fonti attribuiscono la sua azione a diversi insiemi di motivi: un impeto di rabbia, di accettazione o persino le fasi iniziali di continua ispirazione.

“Ha scritto quasi un fascicolo pieno di assurdità. Per fortuna ora se ne è completamente dimenticato, e lo brucerò dopo che te l'avrò mostrato. Ha detto che era il suo lavoro più grande'

Ma nel 2000, è stata scoperta una lettera scritta da Fanny che suggeriva che Stevenson potrebbe non essere stato il piromane letterato, dopotutto.

Al critico d'arte e poeta WE Henley, Fanny ha menzionato questa prima bozza del Dr. Jekyll e Mr. Hyde, scrivendo: 'Ha scritto quasi un fascicolo pieno di assurdità. Per fortuna ora se ne è completamente dimenticato, e lo brucerò dopo che te l'avrò mostrato. Ha detto che era il suo lavoro più grande'.

Molti esperti pensano che questo risolva il mistero della prima bozza diStrano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde.

Liz Merry, il capo del dipartimento libri della casa d'aste che ha gestito la lettera di Fanny, ha detto ilIndipendente , “Questo dovrebbe porre fine alle speculazioni su cosa sia successo alla prima bozza della dottoressa Jekyll: sembra chiaro che l'abbia incenerita. È un racconto molto romantico. Fanny è stata una critica molto importante nella sua vita ed è mia convinzione che pensasse che 'Dr Jekyll', che era in parte basato su un sogno, non fosse degno di lui'.

Indipendentemente da chi ha bruciato la lettera o se Fanny pensava che la radice della storia fosse salvabile, Stephenson ha scritto una nuova versione. Come 'Vado avanti con Jekyll: fallimento alle calcagna', il scrittore ha scritto, ha tirato fuori la sua prossima bozza, ancora una volta solo in tre giorni (anche se il processo di modifica avrebbe richiesto un po' più di tempo).

Fu questa versione che alla fine sarebbe stata pubblicata e avrebbe continuato a garantire la reputazione e la sicurezza finanziaria di Stephenson.

“Sembra incredibile che un invalido nelle condizioni di mio marito abbia svolto il lavoro manuale da solo. Soffriva di continue emorragie e faceva fatica a parlare, la sua conversazione si svolgeva per mezzo di una lavagnetta e di una matita”

Fanny è stata una fidata consulente di Stephenson per tutta la sua breve carriera, quindi è abbastanza sicuro presumere che le sue critiche e le sue modifiche abbiano solo migliorato il lavoro. Ma non sapremo mai con certezza quanto radicalmente differissero le versioni, o la portata dell'influenza di Fanny su questo importante ingresso nel canone letterario europeo.

E va bene, perché quello che sappiamo è che questo atto di distruzione ha portato a un atto di creazione veramente ispirato.

'Sembra incredibile che un invalido nelle condizioni di mio marito abbia svolto il lavoro manuale da solo', Fanny ha scritto dopo il fatto. “Soffriva di continue emorragie e a malapena gli permetteva di parlare, la sua conversazione si svolgeva per mezzo di una lavagnetta e di una matita”.

Il 1° gennaio 1886, pochi giorni prima della pubblicazione ufficiale del libro, Stevenson si pronuncia in una lettera che scrisse alla cugina Katharine de Mattos, alla quale aveva dedicato la sua ultima opera.

Ha terminato la sua missiva scrivere , “Vorrei solo che i versi fossero migliori, ma almeno ti piace la storia; e ti viene inviato da colui che ti ama: Jekyll e non Hyde.