La serie di eventi fortunati di Neil Patrick Harris: come il fallimento, Broadway e Barney Stinson hanno portato a 'Lemony Snicket'

Intrattenimento


La serie di eventi fortunati di Neil Patrick Harris: come il fallimento, Broadway e Barney Stinson hanno portato a 'Lemony Snicket'

Ad aprile, una foto dei paparazzi di Neil Patrick Harris fece molto scalpore.

È stato orribile .


L'uomo tipicamente ben curato che canta e balla con il sorriso di celluloide e la mascella cesellata aveva perso quasi tutti i capelli. La sua faccia era giallastra, i suoi occhi infossati sotto rughe pronunciate e sorprendenti, il naso improvvisamente sporgente e abbassato, uniforme. E quello è... un unibrow?

Sembrava il tipo di ragazzo che sarebbe stato cattivo con i bambini.

'Sapevo che qualcuno sarebbe stato lì a scattare una foto quel giorno', dice Harris, con un sorriso subdolo.

Harris, tornato ad essere l'attore bello e snello che ha trascorso diligentemente la maggior parte di un decennio ' adattarsi ”—è in una stanza d'albergo di Manhattan per discutere del suo ruolo in Netflix adattamento meravigliosamente stravagante di Una serie di sfortunati eventi di Lemony Snicket .


Il caratteristicamente costoso e ambizioso La serie Netflix, che debutta venerdì per abbuffate, è stata girata avvolta nel segreto in un teatro di posa di Vancouver, dove Harris e il cast hanno visto la luce del giorno solo una manciata di volte in costume come i personaggi dell'amata serie di libri di Daniel Handler.

'Mi sono assicurato di non sorridere mai per tutto il tempo che sono stato là fuori', dice Harris. “Anti-rapina per i paparazzi. In ogni foto facevo una smorfia, alzavo gli occhi al cielo e mi accigliavo perché volevo essere il più olafia possibile'.

'Olafian', ovviamente, si riferisce al conte Olaf, il maniacale ed egoista guardiano dei precoci bambini Baudelaire, che vengono messi a capo dell'eccentrico violento e arraffatore di denaro dopo la morte dei loro genitori.

Il conte Olaf si immagina un attore e un Adone, nonostante la sua mancanza di qualsiasi talento riconoscibile o fascino fisico. Tuttavia, inventa canzoni e balli intorno alla sua villa in rovina, tra misfatti criminali e crudeli torture dei bambini Baudelaire di cui sta cercando la fortuna.


Richiedendo un senso di umiltà fuori dal comune e una buona dose di malizia atletica e meschinità comica, non c'è da meravigliarsi che Jim Carrey abbia precedentemente portato il Conte Olaf sullo schermo nel film del 2004 . E più di un decennio dopo, sarebbe difficile nominare un intrattenitore più adatto al ruolo di Harris.

Certo, ci sono voluti la sua serie di eventi, alcuni anche sfortunati (R.I.P., Il miglior tempo di sempre ).

Le nove stagioni di Harris in corsoCome ho incontrato tua madreè stato un periodo di tempo incredibilmente lungo e determinante, ma il suo curriculum post-sitcom è straordinariamente avventuroso, tra cui uno spettacolo di Broadway, un film di David Fincher e il già citato spettacolo di varietà dal vivo della NBC. Dice che è stato necessario resistere a tutte queste cose per portarlo al punto di interpretare un ruolo come il Conte Olaf.

'Lo sto affondando un po' in cucina', dice. “Nel migliore e nel peggiore dei modi”.


***

Harris arrivava al soundstage di Vancouver alle 4:30 ogni mattina per la sua trasformazione di due ore e mezza.

C'è il naso adunco, ciuffi di capelli intorno alla sommità della testa calva e la quantità sufficiente di protesi cutanea necessaria per ottenere l'estetica di un cattivo goblin-gargoyle-libro per bambini, stabilendo un attento equilibrio in modo che, dice, il il look era 'abbastanza teatrale da essere al di fuori del realismo e tuttavia abbastanza reale da non sembrare solo un copricapo protesico da un carnevale infestato'.

Il tono è importante quando si tratta diSnicket di limone,Dopotutto.

È una serie immersa nella fantasia infantile dell'universo sottosopra di Handler, ma che esplora in modo molto pratico e realistico come i bambini affrontano la perdita. Tratta la difficile condizione di coloro che, sì, circostanze sfortunate si trovano ad affrontare con un'onestà oscura e stanca del mondo.

Pensa più a Roald Dahl che a Harry Potter. Oppure, come dice Harris, 'È il tipo di spettacolo che piacerebbe a Joss Whedon.

'La storia è raccontata dal punto di vista dei bambini, e quindi gli adulti possono essere strisce più ampie di colore scuro, invece di dover essere versioni veramente vere e realistiche delle cose', dice Harris, rispondendo a una domanda dichiaratamente ombelico su cosa questo la performance potrebbe rivelare le sue capacità di esecutore.

'Così ho avuto la libertà di essere semplicemente triste senza bisogno di spiegare perché', continua. In altre parole, e forse per la prima volta, diventa cattivo.

È anche la prima volta che interpreta un personaggio precedentemente interpretato da qualcun altro sullo schermo. (Essendo apparso in diversi revival di Broadway e vinto un Tony Award perEdvige e il pollice arrabbiato, l'ha già fatto sul palco, che è un animale completamente diverso.)

Mentre i confronti fatti tra la sua interpretazione di Olaf e quella di Jim Carrey sono una certezza, Harris afferma che poiché il film del 2004 ha tentato di condensare tutti i libri in un film e la serie Netflix sta dedicando due episodi a ciascuna puntata, i limiti di tempo hanno dettato due prestazioni molto diverse .

'Penso che abbia costretto Jim Carrey a fare affidamento su Jim Carreyisms invece di essere in grado di investire completamente in Olaf come personaggio', dice. “Penso che ci sia permesso di essere più fedeli al materiale originale perché abbiamo più tempo per farlo. Quindi non ero davvero in conflitto al confronto. '

C'è molto da fare inUna serie di sfortunati eventi.

È una meraviglia visiva con ampia commedia e grandi scene. Rompe la quarta parete. È cinico ma anche un commento dolorosamente autentico sull'età adulta e su come possiamo essere accecati dai nostri difetti ed errori invece di crescere da essi.

Lo spettacolo è un'infarinatura di toni e stili, e tutti devono essere eseguiti perfettamente per avere successo. Richiede una disputa e, come Olaf, Harris funge da maestro de facto. Sotto il suo arco di guardia, sei sicuro che esploderà. Perché in qualche modo, con Harris e tutte le sue folli attività, succede quasi sempre.

'Penso di aver acquisito fiducia nei panni di Barney Stinson', dice.

Stiamo parlando del suo post-HIMYMcarriera, e cita immediatamente la voracità di Barney come una grande spiegazione per la sua crescita.

“Lui, come personaggio, avrebbe affrontato avventure. I suoi fallimenti sarebbero diventati successi e avrebbe reso le storie noiose più eccitanti attraverso l'abbellimento. Stava solo cercando di sopravvivere al mondo', dice Harris.

Un'interiorizzazione che gli ha permesso di “fare un salto di qualità senza nevrosi e senza paura” che lo ha reso capace di fare Edvige e il pollice arrabbiato , il musical rock di James Cameron Mitchell su un cantante genderqueer della Germania dell'Est.

È un ruolo che è stato 'personalmente molto conflittuale per me', dice. “Perché come un ragazzo gay che non aveva mai indossato il drag prima, per interpretare qualcuno che non era solo transgender, ma dopo 20 anni, ho dovuto superare il mioismidi fronte alla gente vive ogni notte. E non solo superarli, ma non essere nemmeno nervoso per loro.

La spavalderia di Barney Stinson, dice, ha contribuito a informarlo. 'Ma poi tutto sembra così grande che è fantastico fare un film di David Fincher in cui la grandezza è un deficit'.

Harris ha giocato un ruolo fondamentale ruolo di supporto inragazza andata , il freddo adattamento di Fincher del thriller da spiaggia del 2014. 'David diceva: 'Andiamo di nuovo, Neil, hai fatto di nuovo la cosa del sopracciglio. Smettila di fare la cosa del sopracciglio.' Mi sta chiamando per un sollevamento del sopracciglio, quando stavo appena masticando scenografie come Barney Stinson. Ma mi piace essere sfidato».

È l'impresa più impegnativa della carriera di Harris - e probabilmente uno dei più grandi fallimenti - che in realtà è stata la più influente nel prepararlo perSnicket al limone.

'Il miglior tempo di sempreè stato un esercizio di masochismo', ride Harris, prima, però, un gemito alla sola menzione dello spettacolo.

Il serie di varietà dal vivo settimanali era parteFattore paura, in parte game show, in parte serie di telecamere nascoste, in parte musical, in parte spettacolo di magia, in parte show di improvvisazione e in parte Death Watch di Reese Witherspoon, con Harris come presentatore e protagonista dell'intera faccenda.

Il modo in cui Harris ricorda la produzione è simile allo sprint attraverso una maratona: indossare protesi per girare di corsa un bavaglio con telecamera nascosta con appena il tempo di riprendere fiato prima di tentare di imparare a sputare fuoco in 90 minuti e poi la prossima cosa che sai di te stai salendo una scala accanto a Witherspoon indossando imbracature che sembrano che forse ti prenderebbero solo se cadessi.

Quindi è il momento di farlo di nuovo la prossima settimana. Alla rete, e certamente per Harris, c'era un senso sfrenato di realizzazione che lo spettacolo andava persino fuori ogni settimana.

'Ma quando guardi a casa non lo apprezzi', dice. 'Stai solo guardando la TV e vuoi che sia divertente e non te ne frega un cazzo.' Le valutazioni, a loro volta, erano pessime. Nonostante sia una delle scommesse più costose e di più alto profilo di sempre della rete televisiva, è stata rapidamente cancellata.

Ma su Netflix non ci sono valutazioni. Non ci sono scommesse, perché i budget sono apparentemente infiniti. Raramente c'è ansia nel portare a termine qualcosa, perché le visioni creative difficilmente vengono controllate o messe in discussione.

“Potrei sopportare l'impavidità delIl miglior tempo di semprementalità nella performance del Conte Olaf, ma non si preoccupa dell'immediatezza del successo', afferma.

Ci sono voluti il ​​fallimento (Il miglior tempo di sempre), rischio (Edvige), fiducia (Come ho incontrato tua madre) e controllo (ragazza andata) per rimuoverlo. È una serie di eventi, di sicuro. Ma, diventa chiaro, Harris non considererebbe nessuno di loro sfortunato.