Il GOP della Carolina del Nord si vanta che la soppressione degli elettori razzisti sta funzionando e hanno ragione

Politica


Il GOP della Carolina del Nord si vanta che la soppressione degli elettori razzisti sta funzionando e hanno ragione

È del tutto possibile che le elezioni del 2016 saranno decise dalla Carolina del Nord. E secondo i dati del voto anticipato, la Carolina del Nord potrebbe essere decisa dalla soppressione degli elettori.

L'affluenza alle urne tra gli elettori neri nello stato è stata inferiore ai livelli del 2008 e del 2012: finora, il blocco risulta essere solo l'82% dei loro numeri del 2012, comeIl New York Times segnalato . (Le prime votazioni complessive sono aumentate in North Carolina, con 4,6 milioni di voti già lanciato.)


che cosa?Voltenon ha riferito era che il declino non era dovuto alla mancanza di entusiasmo o sforzo, ma alla soppressione degli elettori. In effetti, c'è una corrispondenza quasi perfetta tra dove gli elettori neri non votano e dove i repubblicani hanno reso più difficile votare, un fatto evidenziato da un comunicato stampa diffuso oggi dal Partito Repubblicano di Stato , che ha definito la diminuzione 'incoraggiante'.

I data crunchers su a intuizione hanno dimostrato in modo conclusivo la correlazione. Durante la prima metà del periodo di votazione anticipata, nelle 58 “contee non intaccate” —cioè quelle in cui il voto non è stato reso più difficile negli ultimi quattro anni—i neri si stanno rivelando al 91 per cento dei loro livelli del 2012. In 17 'contee soppresse', quel numero è del 72%.

Anche l'uragano Matthew, che ha inondato 32 contee, ha colpito l'affluenza alle urne: lì, i neri hanno votato al 79% dei livelli del 2012. Ma pensateci un attimo: l'affluenza alle urne è stata più alta nelle contee sotto astato di emergenzache nelle contee con nuove regole di soppressione degli elettori.

Non è sorprendente se si considera quanto siano state eclatanti le politiche della Carolina del Nord.


Innanzitutto, la Carolina del Nord ha approvato l'HB 589, che ha eliminato del tutto il voto anticipato, la registrazione nello stesso giorno e ha stabilito requisiti di identificazione onerosi. Quella legge ha interessato più di 1,2 milioni di persone: 900.000 persone hanno utilizzato il voto anticipato nel 2012, 130.000 hanno utilizzato la registrazione lo stesso giorno nel 2008 e più di 200.000 elettori registrati non hanno la patente di guida. A titolo di confronto, Barack Obama ha vinto lo stato con 15.000 voti nel 2008 e Mitt Romney ha vinto con 117.000 nel 2012.

A luglio, la Corte d'Appello del Quarto Circuito abbattuto HB 589 , facendo di tutto per notare la natura razzista della legge. L'assemblea generale dello stato aveva 'richiesto dati sull'uso, per razza, di una serie di pratiche di voto', ha scritto la corte. E poi, 'Dopo aver ricevuto i dati della gara, l'Assemblea Generale ha promulgato una legislazione che limitava il voto e la registrazione in cinque modi diversi, il che ha colpito in modo sproporzionato gli afroamericani'.

Con l'HB 589 abbattuto in termini così schiaccianti, si sarebbe potuto pensare che il voto anticipato sarebbe stato completamente ripristinato. Invece, in base alla precedente legge che richiedeva l'apertura di 'almeno un' seggio elettorale per il voto anticipato, i comitati elettorali controllati dai repubblicani in quelle 17 contee hanno chiuso tutti tranne un sito di voto anticipato per contea. In altre parole, il minimo legale minimo.

Ciò non solo ha creato lunghe file alle urne, ma ha anche reso il voto anticipato totalmente fuori dalla portata delle persone senza il tempo o le risorse per percorrere lunghe distanze per votare. E nella contea di Mecklenburg, che comprende Charlotte e ha oltre il 15% degli elettori neri dello stato, la commissione elettorale controllata dai repubblicani ha ridotto le sedi per il voto anticipato da 22 nel 2012 a quattro quest'anno.


Anche quello non era abbastanza, però.

In tre contee, i consigli elettorali hanno annullato migliaia di registrazioni degli elettori in base a regole scandalose che consentono a chiunque di contestare la registrazione degli elettori di un'altra persona in base a un singolo pezzo di posta restituito. In almeno una di quelle contee, la campagna postale era essa stessa organizzato dal segretario del Partito Repubblicano locale , N. Carol Wheeldon.

Wheeldon, per inciso, ha legami con il conservatore Voter Integrity Project della Carolina del Nord, che dopo tre anni di perseguimento di accuse di frode, tra cui presentarsi senza preavviso alle porte e inviare e-mail ripetute su cui sfidare gli elettori, ha ancora da scoprire uno solo . Anche il progetto per l'integrità degli elettori accusato di recente Democratici di 'stuprare il voto 'Retard''.

Delle tre contee, la contea di Cumberland è il 35 percento di neri, la contea di Moore il 13 percento e la contea di Beaufort il 29 percento.


Venerdì, un giudice federale in una causa intentata dalla NAACP ha ingiunto a queste tre contee di eliminare le liste elettorali, il che, secondo la corte, ha violato la legge sulla registrazione del voto nazionale. Quando il giudice ha stabilito, 3.951 registrazioni erano state contestate nella contea di Cumberland, 400 nella contea di Moore (tutte da Wheeldon) e 138 nella contea di Beaufort.

In un caso, una donna afroamericana di 100 anni nella contea di Beauford di nome Grace Bell Hardison è stata contestata con lo stesso metodo e non è stata in grado di reintegrarla perché non poteva presentarsi personalmente a un'udienza. presidente Obama l'ha menzionata in un discorso .

Il reverendo William Barber II, presidente della NAACP della Carolina del Nord e uno dei più potenti oratori alla Convenzione nazionale democratica, ha dichiarato in una dichiarazione che 'La NAACP sta difendendo i diritti di tutti i nord-caroliniani a partecipare a queste elezioni e non lo faremo tornare indietro e consentire a questa soppressione di continuare. Questa è la nostra Selma'.

Come abbiamo segnalato lo scorso febbraio , le nuove restrizioni elettorali della Carolina del Nord erano le più severe della nazione, tranne forse il Texas, che non è ancora uno stato oscillante. E gli schemi sono facili da discernere.

In primo luogo, il divieto di voto anticipato ha colpito i democratici più dei repubblicani: nel 2012, il 48 percento dei primi elettori della Carolina del Nord erano democratici registrati e il 32 percento erano repubblicani registrati, un vantaggio di 140.000 elettori democratici. Le restrizioni nelle 17 contee colpite avranno sicuramente un impatto simile.

In secondo luogo, le leggi sull'identificazione degli elettori colpiscono in modo sproporzionato le persone di colore. L'American Civil Liberties Union stima che il 25% dei neri americani non abbia un documento d'identità con foto rilasciato dal governo, rispetto a solo l'8% dei bianchi. Anche gli elettori a basso reddito e anziani sono colpiti in modo sproporzionato.

Terzo, c'è il tempismo. Dale Ho, direttore del Voting Rights Project dell'ACLU, ha dichiarato a The Daily Beast che 'Dieci anni fa c'erano zero stati con una rigorosa legge sull'identificazione degli elettori, e nessuno stato ha ridotto il voto anticipato. Tutte queste leggi sono iniziate dopo le elezioni del 2008, che hanno visto un numero record di giovani elettori e una partecipazione record di persone di colore. E poi, come per coincidenza, abbiamo approvato tutte queste leggi - 25 solo nel 2011-12 - che hanno un impatto sproporzionato sui giovani, sulle persone di colore e sui poveri. Cioè, per usare un eufemismo, sospetto'.

Infine, le restrizioni stanno inseguendo un'epidemia di 'frodi elettorali' che, come l'affermazione di Donald Trump secondo cui l'intera elezione è truccata contro di lui, semplicemente non ha prove a sostegno. Uno studio dettagliato di un professore di legge della Loyola University ha rilevato che tra il 2000 e il 2014 sono stati effettivamente segnalati 31 casi di impersonificazione di elettori su oltre 1 miliardo di schede votate. In altre parole, le probabilità di frode elettorale sono 1 su 32 milioni. A titolo di confronto, le tue probabilità di essere colpito da un fulmine sono 1 su 134.906.

In breve, la sfida delle registrazioni degli elettori, la richiesta di documenti d'identità, la fine del voto anticipato e altri metodi di soppressione degli elettori non fermano le frodi: smettono di votare, in particolare da parte delle persone di colore.

Detto questo, con l'ingiunzione emessa venerdì, la maggior parte delle peggiori restrizioni della Carolina del Nord sono state revocate e ci sono notizie incoraggianti che gli sforzi si sono ritorti contro, ispirando gli elettori non bianchi a risultano in numeri da record nello stato. Incoraggiante, cioè, per Hillary Clinton. Forse un salvavita per la stessa democrazia americana.