Le foto di soldati australiani che bevono dalla protesi della gamba di un morto sono state divulgate dall'ex moglie arrabbiata

Mondo


Le foto di soldati australiani che bevono dalla protesi della gamba di un morto sono state divulgate dall'ex moglie arrabbiata

Il caso di diffamazione di un soldato australiano decorato è stato fatto deragliare dopo che centinaia di foto che mostrano soldati che bevono da una protesi della gamba sono state dissotterrate dal suo cortile. Ben Roberts-Smith, a cui è stata assegnata la Victoria Cross dalla regina Elisabetta II, dice che la sua ex moglie arrabbiata ha fatto trapelare le foto su chiavette USB che aveva seppellito in un cestino per il pranzo nel suo cortile.

Roberts-Smith ha citato in giudizio le agenzie di stampaEtà,Sydney Morning Herald, Tempi di Canberra,eNovegiornali per le storie che ha commesso crimini di guerra quando ha 'violato le regole morali e legali dell'impegno militare' quando ha sparato a morte a un soldato e poi ha 'souvenire' la sua gamba protesica, portandola in un pub sotterraneo chiamato Fat Ladies' Arms al base in Afghanistan nel 2009.


Il 42enne nega le accuse di crimini di guerra, definendole 'completamente prive di fondamento nella verità'. Roberts-Smith dice di aver ucciso un soldato talebano nell'adempimento del dovere, ma che non ha 'ricordato' la gamba o bevuto da essa, incolpando un altro soldato. Gli avvocati di Roberts-Smith hanno detto che pensava che fosse disgustoso prendere una parte del corpo come trofeo di guerra.

Ma mercoledì sono emerse centinaia di foto di soldati che passavano intorno alla gamba protesica, inclusa una in cui Roberts-Smith sorride con una birra accanto a qualcuno che beve dalla protesi.

Gli avvocati di Roberts-Smith hanno ora sostenuto di non avere il tempo di elaborare tutte le immagini che dicono siano trapelate dalla sua amara ex moglie, un'affermazione che i notiziari negano. 'Abbiamo lavorato per elencare gli articoli entro venerdì alle 16:00', ha detto mercoledì alla corte l'avvocato di Roberts-Smith Matthew Richardson. “Non possiamo farlo per centinaia di immagini di soldati che bevono dalla gamba: è troppo oneroso, è troppo lungo. Tutte queste foto sono in possesso del convenuto [Novegiornali] perché le USB sono state fornite dall'ex moglie del mio cliente.

Emma Roberts, l'ex moglie del soldato, dovrebbe testimoniare sugli sbalzi d'umore del marito nel processo di 10 settimane. In una deposizione rilasciata prima del processo della prossima settimana, ha detto che testimonierà sui problemi di alcol del suo ex marito e su una relazione illecita.


Il processo, che dovrebbe iniziare il 7 giugno, si concentrerà suNovele accuse di crimini di guerra del canale di notizie. La testata giornalistica ha ritrattato le sue affermazioni secondo cui Roberts-Smith ha commesso un omicidio, ma continua a sostenere la notizia che ha commesso crimini di guerra.

La scoperta originale delle fotografie dell'incidente con la protesi alla gamba ha stimolato un'indagine interna da parte delle autorità australiane che ha portato al rapporto Brereton, che esplora i presunti crimini di guerra commessi dai servizi aerei speciali in servizio in Afghanistan. Il rapporto ha concluso che la disgrazia non si è fermata al 'souvenir' degli arti, ma che gli ufficiali hanno anche preso parte a un processo definito 'sangue' piantando armi sulle vittime per far sembrare le loro uccisioni giustificate.

Il rapporto ha suscitato un grave incidente diplomatico con la Cina dopo che un diplomatico cinese ha risposto ai risultati twittando una foto ritoccata di un soldato australiano che punta un coltello alla gola di un bambino afghano con la didascalia 'Non abbiate paura, stiamo arrivando a porta la pace!”

Il primo ministro australiano Scott Morrison si è scagliato, chiedendo scuse. 'È assolutamente scandaloso e non può essere giustificato in alcun modo', ha detto ai giornalisti. “Il governo cinese dovrebbe vergognarsi completamente di questo incarico. Li sminuisce agli occhi del mondo... È una falsa immagine e un terribile insulto alle nostre grandi forze di difesa'.