I razzisti attaccano il 'Focus' di Will Smith sulla rappresentazione del film di una relazione interrazziale

Intrattenimento


I razzisti attaccano il 'Focus' di Will Smith sulla rappresentazione del film di una relazione interrazziale

Mentre il dibattito tra bianco (e oro) e nero (e blu) su #TheDress continua a dividere e alterare la vita come la conosciamo, un'altra guerra dei colori molto più insidiosa sta infuriando in America: i razzisti sono indignati per l'accoppiamento interrazziale nel film Messa a fuoco tra Will Smith, un uomo afroamericano, e la sua co-protagonista australiana Margot Robbie, una donna bianca.

L'unica voltaUomini in neroeGiorno dell'IndipendenzaIl re campione d'incassi recita nel film romantico R-rated come un carismatico truffatore che accoglie la femme fatale in formazione di Robbie nella sua operazione e si innamora di lei, contro il suo giudizio migliore. È un raro ruolo sensuale per Smith, che si eccita con Robbie in alcune scene di sesso che in realtà sono girate in modo conservativo e deludentemente breve . Ma il ragazzo fa che la loro storia d'amore sullo schermo abbia le mutandine razziste in un mucchio.


'Qualcuno si è stufato di tutta questa razza mista che ci viene spinto in gola?', ha scritto l'utente di YouTube Shomanoman su una pagina di trailer perMessa a fuoco.

'YUCK, di nuovo la propaganda trash mescolantesi di Hollyjewed', dichiarò Kriegen Gegen Das System, riuscendo a spremere un colpo alla popolazione ebraica di Tinseltown mentre erano lì.

Commenti come questi sono saliti alle stelle questo mese prima diMessa a fuocol'uscita nelle sale, scatenando un'ondata di contro-commentatori che si sono lanciati per difendere Smith e la rappresentazione interrazziale nei film.

Contrariamente a quanto affermato da Shomanoman, rampante Il 'mix di razze' è ancora vistosamente inesistente a Hollywood, dove i toni della pelle devono corrispondere se l'amore o il sesso sono nelle carte per due personaggi. Basta guardare alla filmografia di Smith: nei suoi due decenni da protagonista in buona fede, non si è mai messo d'accordo con una donna bianca sullo schermo.


Quando luiquasifatto nella commedia romantica del 2005intoppodi fronte all'aspirante co-protagonista Cameron Diaz, è stata rifusa. Eva Mendes ha ottenuto il posto e Smith ha incolpato Hollywood.

“Come farai a non considerare Cameron Diaz? Questa diventa una notizia massiccia negli Stati Uniti. Al di fuori dell'America, non è un grosso problema. Ma negli Stati Uniti è ancora una questione razziale', ha detto nel 2005 Female First UK. 'Ironicamente, Hollywood è felice di farlo se il film parla di razzismo. Ma non lo faranno semplicemente e lo ignoreranno.'

Anche prima di diventare una star del cinema, Smith ha affrontato il rovescio della medaglia della controversia interrazziale nella seconda stagione della sua sitcom televisivaIl principe di Bel-Air. Nell'episodio del 1991 'Indovina chi si sposa?', la zia di Will, Janice, presenta alla famiglia il suo fidanzato, un uomo bianco, sconvolgendo così tanto la madre di Will che si rifiuta di partecipare al matrimonio. La famiglia è colta alla sprovvista ma, per il bene dei bambini, abbi la decenza di moderare il modo in cui discutono del loro pregiudizio iniziale ('Lei non ha detto che era...alto…''):

Nonostante quel cenno al punto di riferimento dell'esame del 1967 di Stanley Kramer sul matrimonio interrazziale in America, Smith non ha avuto una sola ragazza bianca nel corso di sei stagioni diprincipe fresco. quandoMessa a fuocoera nelle sue fasi iniziali, doveva recitare Kristen Stewart prima che si ritirasse, citando la differenza di età di 20 anni tra lei e Smith. Ciò non ha impedito ai pettegolezzi dei media di ipotizzare la sua uscita era legato alla razza .


L'uomo adulto sexy di Smith inMessa a fuocopotrebbe non essere stimolante come potrebbe o dovrebbe essere; per questo, incolpa le scene d'amore abbreviate sugli sceneggiatori-registi Glenn Ficarra e John Requa e una chimica con Robbie che è più forte nei selfie delle cabine fotografiche off-set che sullo schermo reale. Almeno l'affare per adulti di lusso con gusto è un passo nella giusta direzione. E questo è l'inizio per realizzare finalmente tutti gli incubi dei razzisti di Internet.