Robert Smigel parla dei piani elettorali 2020 di Triumph the Insult Comic Dog e del problema Trump di SNL

Intrattenimento


Robert Smigel parla dei piani elettorali 2020 di Triumph the Insult Comic Dog e del problema Trump di SNL

Quando chiedo a Robert Smigel se può credere di aver fatto battute sulla cacca con un pupazzo di cane per 23 anni, lui risponde: 'Wow. No, non posso.'

Il comico nato a New York City ha debuttato Trionfa il cane comico dell'insulto in poiA tarda notte con Conan O'Briennel 1997 e da allora è stata la presenza più esilarante in una carriera che ha incluso più periodi di scrittura perSabato sera in direttae piccole parti nei film di amici come Adam Sandler e Judd Apatow, tra cui quest 'annoIl re di Staten Island .


'È la cosa più stressante che faccio nella mia carriera', ammette Smigel di Triumph nell'episodio di questa settimana di L'ultima risatapodcast . “E purtroppo il più riuscito. Ma non è proprio la mia natura. È nella mia natura spingere i limiti e mordere la mano che mi nutre. Ma per me essere fisicamente conflittuale, non sono affatto io'.

Negli ultimi vent'anni, Smigel ha utilizzato Triumph per arrostire chiunqueGuerre stellarinerd e mascotte di Times Square ai politici che chiaramente detesta come Ted cruz e Lindsey Graham . Ma la pandemia lo ha tenuto in casa, quindi, come tutti gli altri, ha deciso di trovare un modo per portare la sua creazione nell'era Zoom.

'Volevo fare un quiz show ospitato da Triumph da molti anni ed è una delle tante idee che non sono riuscito a vendere, in modo frustrante', dice. All'inizio di questo mese, Funny or Die è salito a bordo per aiutare a produrre 'Quarantine Squares', un elaborato game show in cui nove celebrità di vari livelli di fama hanno cercato di aiutare a raccogliere fondi per i lavoratori essenziali facendo battute.

Insieme ad attori comici come Ken Jeong, Jason Alexander e Susie Essman c'era un uomo che è diventato stranamente il migliore amico di Smigel su Twitter: ex Il direttore delle comunicazioni della Casa Bianca Anthony Scaramucci .


'Scaramucci farà praticamente qualsiasi cosa', dice Smigel dell'aiutante di Trump di breve durata che anche spuntato suGrande Fratello delle celebritàl'anno scorso . “Immagino che non avrei dovuto essere sorpreso. Il ragazzo che non aveva niente da perdere era disposto a dire qualsiasi cosa. E il ragazzo che mi scrive di più su Twitter'. Ha caratterizzato i loro messaggi diretti come ''Ehi, quando ne facciamo un altro?' .”

Per quanto si sia divertito a realizzare il game show Zoom, Smigel è ansioso di riportare Triumph sulla strada per le elezioni presidenziali del 2020, come ha fatto in ogni ciclo elettorale dal 2004.

“Voglio dire, non uscirei domani. questo è sicuro', dice. “Non è possibile che mia moglie me lo permetta. Non mi lascerebbe mai andare a un raduno di Trump in questo momento. Non tra un milione di anni'. La Convention nazionale repubblicana di fine estate è però un'altra storia. 'Penso che sia possibile', suggerisce.

Annuncio pubblicitario

I momenti salienti della nostra conversazione sono di seguito e puoi ascoltare l'intera cosa in questo momento da iscrivendoti aL'ultima risatasu Apple Podcast o ovunque ascolti i podcast.


Come Triumph se la cava con le battute che nessun fumetto umano potrebbe fare

“Per prima cosa, è intrinsecamente più cattivo per un essere umano prendersi in giroGuerre stellarifan quindi per un adorabile burattino immaginario. Inoltre c'è un ulteriore strato di ironia perché Triumph ha un papillon e il suo sigaro e il suo ritmo è Catskills molto vecchia scuola. Quindi, anche se proviamo a scrivere battute davvero divertenti, il fatto che Triumph aderisce a questo tipo di presunzione da dinosauro abbassa ancora di più il suo status. Quindi diventa una specie di giullare. Il genere di cose in cui puoi fare battute davanti al re e il re non si offenderà. E molte volte funziona in questo modo, ma molte volte facciamo ancora incazzare le persone'.

Perché 'The Ambiguously Gay Duo' non funzionerebbe nel 2020

“Non lo scriverei adesso. Per essere chiari, il motore di quella battuta era la nostra ossessione per la sessualità. La premessa che mi è venuta in mente riguardava il modo in cui i cattivi sono ossessionati dallo scoprire se questi ragazzi sono gay o meno, e non possono portare a termine il loro lavoro malvagio perché sono troppo ossessionati, fissando questi ragazzi. E il motivo per cui ho pensato che fosse così divertente era perché non erano solo gli omofobi ad essere ossessionati, ma tutti. Questo era solo sport e titillazione che era accettata e considerata in alcun modo controversa. È stato un po' esilarante per me che queste persone che erano presumibilmente progressiste se ne fregassero del tutto. Il punto fondamentale del cartone era, chi se ne frega di come scopano? Non importa! È triste che questo debba essere qualcosa con cui le persone vengono definite, ma a questo punto devono farlo perché stanno ancora combattendo per i diritti umani fondamentali, ancora oggi. Per fortuna c'è stata un'incredibile quantità di progressi, ma non è finita. Questa è tutta roba che deve stare nello specchietto retrovisore. Non c'è ancora. Ma è molto meglio di 20 anni fa, per fortuna. E per questo motivo, non ci sarebbe davvero alcun motivo per scrivere 'The Ambiguously Gay Duo'.'

Pubblicità “In realtà sapevano che avevo un figlio con autismo e le spese e le difficoltà che ne derivavano. E qui in pratica mi stanno tagliando fuori, tagliando un reddito che avevo pianificato, per quell'anno'.

Perché la sua uscita dal SNL è stata 'non carina'

“Mi è stato chiesto di andarmene finalmente. Ho avuto modo di scrivere lì per otto anni. Poi mi sono preso qualche anno di pausa facendo altre cose, scrivendo film e poiLo spettacolo di Dana Carvey. Ho avuto modo di fare i cartoni [TV Funhouse] per 11 anni lì. Non è stato bello il modo in cui è finita, devo essere onesto. E non era affatto Lorne [Michaels], era molto gentile. Stavano cercando di tagliare il budget. E poi arriva lo sciopero degli scrittori e tutto si ferma per un po'. A causa dello sciopero degli sceneggiatori, so che [l'allora presidente della NBC] Jeff Zucker in particolare e la NBC in generale stavano cercando di sbarazzarsi di un sacco di grasso nelle loro menti. Lorne non aveva abbastanza potere, non aveva abbastanza energia per combatterlo. E mi ha davvero infastidito perché non pensavo fosse appropriato lasciare andare qualcuno, perché A, sono stato lì per 23 anni, ho lavorato molto duramente, ho fatto molte cose buone per lo spettacolo. E B, in realtà sapevano che avevo un bambino con autismo e le spese e le difficoltà che ne derivavano. E qui mi stanno praticamente tagliando fuori, tagliando un reddito che avevo pianificato, per quell'anno. E poi, nello stesso anno, Conan [O'Brien] si è trasferito a Los Angeles. Quindi i due concerti su cui avevo contato come fondamenta finanziariamente e creativamente se ne sono andati'.

Come pensa che SNL abbia fatto satira su Donald Trump

“Penso che sia stato su e giù. È difficile. Penso che sia stato difficile per tutti in un certo senso, perché lui è davvero un bersaglio facile. Anche in questo periodo terribile, tutto era concentrato su Trump. Come quando sono iniziate le rivolte, per settimane, mi sono sentito come se tutti gli spettacoli a tarda notte stessero ancora parlando di Trump. E questo problema è esistito molto prima di Donald Trump. E non sto dando a Trump alcun tipo di lasciapassare senza alcuno sforzo di immaginazione. Ma il mio problema era che so che è facile prenderlo in giro, lo faccio tanto quanto chiunque altro quando faccio Triumph. Ma se hai una piattaforma e tutto ciò di cui ti prendi in giro è Donald Trump, allora stai dando copertura a molte persone. E stai fornendo copertura a molta corruzione e razzismo che è esistita molto prima di Donald Trump. E non sto dicendo che a volte non lo fomenti e che non ne faccia parte, ma va ben oltre lui. E per fare tutto solo su Trump, stai facendo un disservizio. Non è così facile prendere in giro i lobbisti o il sistema di protezione inerente alle nostre forze di polizia, ma va fatto e assolutamente con battute'.


Cerca un episodio bonus L'ultima risata podcast con l'imitatore di Trump J-L Cauvin alla fine di questa settimana.

Annuncio pubblicitario