L'agente canaglia dell'FBI Peter Strzok giura: non ho avuto niente a che fare con lo spionaggio di Carter Page

Politica


L'agente canaglia dell'FBI Peter Strzok giura: non ho avuto niente a che fare con lo spionaggio di Carter Page

Peter Strzok, l'agente dell'FBI licenziato dalla squadra del consigliere speciale Robert Mueller per i suoi testi anti-Trump, ha avuto un messaggio deludente per i repubblicani del Congresso quando ha testimoniato a porte chiuse mercoledì.

Secondo due fonti che hanno familiarità con la sua testimonianza, ha detto ai membri di non essere stato coinvolto nella stesura di una domanda di a mandato per sorvegliare l'ex consigliere della campagna di Trump Carter Page . Strzok ha affermato di non aver fornito alcun contributo sostanziale sulla domanda: non ha fornito alcuna prova e non è stato coinvolto nel presentarla alla Corte di sorveglianza dell'intelligence straniera per l'approvazione, secondo queste fonti.


Strzok è diventato un obiettivo principale per i repubblicani di Hill e il presidente stesso dopo che è stato rivelato che ha inviato messaggi anti-Trump a un altro agente dell'FBI con cui aveva una relazione. I testi hanno sollevato le sopracciglia perché Strzok ha lavorato sia sull'indagine sull'e-mail di Clinton che sull'indagine sul potenziale coordinamento tra il Team Trump e il Cremlino. Mueller ha licenziato Strzok dalla sua squadra a causa dei messaggi.

L'ispettore generale del Dipartimento di Giustizia pubblicato un importante rapporto all'inizio di questo mese non ha trovato prove che l'opposizione di Strzok a Trump abbia informato le decisioni che ha preso sulla sonda e-mail di Clinton. Ma il rapporto ha anche fornito nuove munizioni per i nemici di Strzok: ha pubblicato un messaggio di testo in cui ha scritto che 'impediremo' a Trump di essere eletto.

I repubblicani si sono a lungo chiesti se Strzok abbia avuto un ruolo nella mente dell'applicazione FISA, che è diventata una fonte chiave di critiche conservatrici al Dipartimento di Giustizia.

'Peter Strzok ha aiutato a produrre e presentare la domanda al tribunale FISA per ottenere un mandato per spiare gli americani associati alla campagna di Trump?' Il rappresentante conservatore dell'Ohio Jim Jordan ha chiesto al direttore dell'FBI Chris Wray in un'audizione al Congresso lo scorso dicembre.


'Non sono pronto a discutere di quello che è successo in tribunale', ha risposto Wray.

Carter Page, l'ex consigliere di Trump con lunghi ed estesi legami con il Cremlino, detto ilNew York Post lo scorso dicembre sospettava che Strzok avesse avuto un ruolo nella richiesta e nell'ottenimento del mandato FISA.

'I repubblicani si sono a lungo chiesti se Strzok abbia avuto un ruolo nella mente dell'applicazione FISA, che è diventata una fonte chiave di critiche conservatrici al Dipartimento di Giustizia'.

Trump ha twittato diverse volte su Strzok. Il 26 giugno, il presidente ha twittato una citazione del giudice Andrew Napolitano, esperto di Fox News: 'La domanda più profonda della nostra era: c'era una cospirazione nel Dipartimento di Giustizia di Obama e nell'FBI per impedire a Donald Trump di diventare presidente degli Stati Uniti? e Strzok era al centro della cospirazione?'

Secondo lo stesso Strzok, quei sospetti sono infondati.


Il presidente della commissione per l'intelligence della Camera, Devin Nunes, si è concentrato sull'applicazione FISA della pagina come parte dell'indagine della sua commissione sul potenziale coordinamento tra la campagna di Trump e il Cremlino. Quell'indagine si è rapidamente allontanata dal suo scopo originale, con Nunes che ha fatto un viaggio a tarda notte alla Casa Bianca il 21 marzo 2017, per raccogliere informazioni sulla potenziale sorveglianza dei soci della campagna di Trump.

Nei mesi successivi, Nunes capovolse le sue indagini, cercando di concentrarsi principalmente sui presunti abusi di Trump e dei suoi alleati da parte della comunità dell'intelligence. Suore e comitati repubblicani rilasciato un rapporto dicendo che non c'era collusione tra la campagna di Trump e il Cremlino, una conclusione respinta dai loro colleghi democratici.

Prima che il rapporto uscisse, Nunes ha anche pubblicato un controverso memo in cui affermava che il cosiddetto dossier Steele - un file di ricerca dell'opposizione su Trump finanziato dalla campagna di Clinton - era la base per l'applicazione FISA per sorvegliare Page. La domanda citava il dossier, ma i funzionari dell'FBI hanno affermato che avrebbero perseguito un mandato indipendentemente dal fatto che lo avessero o meno. Il memorandum di Nunes ha suscitato critiche diffuse da parte dei funzionari dell'intelligence, che affermano che si trattava di un attacco cospiratorio all'indagine di Mueller. I booster di Nunes sulla destra, nel frattempo, sostenevano che il memo era la prova di crimini nefasti e potrebbe portare a persone che vanno in prigione. Nessuno è andato in galera per la nota o l'applicazione FISA.

Ma il presidente ha fatto della sorveglianza della pagina FISA una parte fondamentale del suo caso contro Mueller.


'L'indagine Mueller non avrebbe mai dovuto essere avviata in quanto non c'era collusione e non c'era crimine', ha twittato il 17 marzo di quest'anno. “Era basato su attività fraudolente e su un falso dossier pagato da Crooked Hillary e dal DNC, e utilizzato impropriamente nel TRIBUNALE FISA per la sorveglianza della mia campagna. CACCIA ALLE STREGHE!'