Scotch, Martini e criminalità hard-boiled: la vita di Dashiell Hammett

Mezzo Pieno


Scotch, Martini e criminalità hard-boiled: la vita di Dashiell Hammett

Alto e azzimato con un'aria misteriosa, Dashiell Hammett sembrava uscito dalle pagine di uno dei suoi famosi romanzi polizieschi hard-boiled.

Sembra giusto dato che Hammett ha praticamente inventato il romanzo poliziesco moderno. Le sue opere includono il best-seller Il falco maltese , che presenta le avventure del protagonista Sam Spade, un alcolizzato. Humphrey Bogart, che ha recitato nella versione cinematografica più famosa del libro, sembra un sostituto appropriato per Hammett, che nella vita reale aveva effettivamente lavorato come detective. E come Bogie, sapeva certamente come rimandare un drink o due, o tre.


'Era un ragazzo di gran classe, che fosse il suo abbigliamento, i suoi modi o le sue preferenze per il bere', afferma Julie Rivett, nipote di Hammett e fiduciaria della sua tenuta. (Per la cronaca, ha subito detto che il suo nome è pronunciatoanguillapiuttosto cheDash-ul.) 'Tendeva ad essere un gentiluomo e ben messo insieme, quindi è facile immaginarlo con un cocktail ben miscelato in mano.'

Rivett, che ha incontrato suo nonno solo una volta, quando aveva tre anni, ha co-curato il libro di memorie di sua madre Jo Hammett del 2002, Dashiell Hammett: Una figlia ricorda . Jo era la più giovane delle sue due figlie, e sebbene abbia vissuto separata dal padre per gran parte della sua vita, in parte a causa di una diagnosi di tubercolosi post-bellica che lo avrebbe afflitto per il resto della sua vita, lo ricorda come una figura difficile ma amorevole. Ricorda anche la sua propensione per le bevande miste.

'Mia madre ha detto che era sempre un mangiatore leggero e che preferiva quasi sempre bere, anche se non era alcol, gli piacevano solo i liquidi', dice Rivett. Anche se lei è pronta ad aggiungere, 'ci sono quelli che ricordano che beveva [vodka] Martini a colazione.'

Ma non è sempre stato così. Il bere di Hammett si è evoluto nel corso della sua vita, spesso alimentando la sua scrittura, e la sua arte spesso imitava la sua realtà.


Per gentile concessione di Dashiell Hammett

Hammett ha svolto diversi lavori dopo aver frequentato il liceo per un solo anno, prestando servizio in entrambe le guerre mondiali e, in particolare, lavorando come gumshoe per la famigerata Agenzia investigativa nazionale Pinkerton a Baltimora e poi di nuovo a Washington.

Ma è più noto per la sua scrittura criminale oscura, spigolosa e spesso violenta che precede lo stile noir. Le sue storie comprendevano alcuni degli eventi più importanti dell'inizio del XX secolo: Divieto , la sua abrogazione e lo scivolone nella Grande Depressione. Ha riconosciuto che il suo tempo lavorando in un'agenzia investigativa è stato utile per vendere la sua scrittura poliziesca.

Negli anni '20 scrisse decine di racconti per la rivista pulpLa maschera nera, e poi i suoi romanzi Raccolto Rosso e La maledizione di Dain furono pubblicati nel 1929.

A quel tempo, Hammett viveva nel Tenderloin di San Francisco, un'area piena di speakeasy e liquori illeciti. Le esperienze che ha avuto lì hanno trovato la loro strada nella sua scrittura. In una scena inRaccolto Rosso, il protagonista arriva a un'operazione di contrabbando che è stata sparata.


Annuncio pubblicitario

Con due romanzi alle spalle e un altro in arrivo, Hammett lasciò San Francisco per New York. Nel 1930,Il falco malteseè stato pubblicato ed è stato a detta di tutti ben accolto, spingendo un adattamento cinematografico quasi immediato.

Pieno di soldi, Hammett ha trascorso del tempo con giganti della letteratura come Dorothy Parker e William Faulkner . Incontrò anche la famosa drammaturga Lillian Hellman, che sarebbe diventata la sua compagna per tutta la vita, fino alla sua morte nel 1961. Frequentava hotspot come Il club della cicogna , il 21 Club e Nick's in the Village.

'Aveva un'incredibile capacità di bere, quindi poteva essere lucido e spiritoso in profondità nelle sue tazze quando la maggior parte delle persone l'avrebbe perso', dice Rivett. 'In eccesso diventava scontroso, ma aveva una straordinaria capacità di bere alcolici e un enorme intelletto'.

'Aveva un'incredibile capacità di bere, quindi poteva essere lucido e spiritoso in profondità nelle sue tazze quando la maggior parte delle persone l'avrebbe perso'.

Dopo la pubblicazioneLa chiave di vetronel 1931, scrisseL'uomo magro, che era destinato a diventare una sensazione nell'America dell'era della Depressione. Con il detective in pensione Nick Charles, sua moglie Nora e Asta, il loro fox terrier a pelo duro, è apparso per la prima volta in un numero diRivista Redbooknel 1933 con il disclaimer: 'Il più duro ed elettrizzante di un omicidio-shock che tu abbia mai letto, scritto da un uomo che una volta era un detective di Pinkerton e sa di vero omicidio più di qualsiasi altro scrittore vivente'.


L'uomo magrosi svolge durante il proibizionismo ed è stato pubblicato lo stesso mese in cui il Volstead Act è stato abrogato, datando istantaneamente il romanzo. Ma era così popolare che la MGM acquistò rapidamente i diritti del film, lo passò al post-proibizionismo e lo alleggerì quanto basta per il suo debutto sul grande schermo del 1934 con William Powell e Myrna Loy nei panni degli arguti e perennemente brilli Nick e Nora.

Annuncio pubblicitario

Potrebbe essere stato un duro, ma Nick Charles era un vestito acuto con uno spirito pronto che poteva sempre essere trovato tremante a Martini secco al tempo del valzer (naturalmente) o lavorando su una cassa di scotch. I due marito e moglie si occupano di un caso di omicidio perché sono annoiati, non perché hanno bisogno di soldi.

Ancora una volta, il personaggio di Hammett rispecchiava la sua stessa realtà, anche se solo in superficie.

Il pubblico ha adoratoL'uomo magro. Andare al cinema era un modo economico per vivere indirettamente attraverso le buffonate del bougie di Charles. La MGM ha portato Hammett a scrivere cinque sequel. Per i prossimi anni, l'autore ha vissuto a Hollywood. (In precedenza aveva vissuto a Los Angeles mentre lavorava come detective per la squadra di difesa del comico e attore Roscoe 'Fatty' Arbuckle, accusato dello stupro e dell'omicidio dell'attrice Virginia Rapp.)

'Il suo lavoro ha reso affascinante la cultura del cocktail e l'ha anche resa accessibile e divertente', afferma Rivett. Ma aggiunge che Hammett era preoccupato dalla dissonanza tra il film - per il quale Hollywood lo ha pagato un sacco di soldi - e le linee di pane che si sono formate in tutto il paese in risposta al Dust Bowl e al peggioramento dell'economia.

Mentre scriveva per la MGM, Hammett beveva costantemente, frequentando locali di Hollywood come il Clover Club, The Trocadero, The Brown Derby e di Chasen , spesso esagerando dopo una giornata in studio. Sebbene fosse generalmente noto per il suo comportamento tranquillo, aveva la reputazione di litigare e provocare scene mentre beveva.

Infine, nel 1947, ilUomo magrola serie si è conclusa per sempre e Hammett è stato in grado di mettere a riposo Nick e Nora Charles. Ma il suo tempo a Hollywood e il servizio nella seconda guerra mondiale, durante il quale sviluppò l'enfisema, avevano preso il loro pedaggio. Di conseguenza, il suo medico gli ha consigliato di smettere di bere per sempre o, come potrebbe dire un boss della mafia in uno dei suoi gialli...altro. Ha lasciato il tacchino freddo.

Annuncio pubblicitario

Negli anni che seguirono, Hammett mantenne il suo personaggio elegantemente vestito e da gentiluomo il più a lungo possibile. Ha continuato a scrivere, ma non ha pubblicato un altro romanzo dopoL'uomo magro. Si impegnò sempre di più in politica, passando addirittura sei mesi in carcere all'inizio degli anni '50 dopo aver rifiutato di rivelare i nomi di coloro che contribuivano al fondo di cauzione del Congresso comunista per i diritti civili, di cui era presidente. Il suo nome è poi entrato nella lista nera di Hollywood.

Tuttavia, la cultura del cocktail non ha mai veramente lasciato la sua vita. Sebbene non bevesse, Rivett dice che una conversazione che ha avuto con Muriel Alexander, la segretaria di Hammett a New York nei primi anni '50, ha rivelato che occasionalmente ospitava ancora un cocktail.

'Mi ha detto che Stoli Vodka era il suo preferito, e se lo avesse voluto all'ora dell'aperitivo, i due si sarebbero seduti davanti al caminetto nel suo appartamento nel Greenwich Village e lei avrebbe bevuto il suo Martini per lui', dice rivetto.

Sebbene abbia vissuto a San Francisco solo per un decennio, ha lasciato un'impressione duratura nella città, dove i bar rendono ancora omaggio all'autore. John's Grill, menzionato inIl falco maltese(Sam Spade ordina 'braciole, patate al forno e pomodori a fette' con caffè), ha due cocktail nel menu in onore dell'autore: Hammett's Martini e Spade's Manhattan. E il cocktail bar speakeasy pionieristico Bourbon and Branch rende omaggio alla sua scrittura con un Nick & Nora Martini.

'Quello che era stato Monroe Street è ora Dashiell Hammett Place', afferma Rivett. La strada è stata ribattezzata nel 1988. “Mio nonno viveva in quella strada negli anni '20. La sua e la sua vita immaginaria sono profondamente intrecciate in quell'area'.