Stewie esce finalmente nel miglior episodio degli ultimi anni di 'Family Guy'

Intrattenimento


Stewie esce finalmente nel miglior episodio degli ultimi anni di 'Family Guy'

Stewie su I Griffin potrebbe essere il personaggio più gay in televisione, il che è particolarmente interessante dato che ha un anno.

Per più di 300 episodi della serie animata Fox, il più giovane Griffin è stato non così sottilmente ' gay codificato ', una frase usata per descrivere personaggi che mostrano tratti che suggeriscono di essere omosessuali, senza riconoscerlo esplicitamente.


'Riconoscere esplicitamente' è relativo nel caso di Stewie eI Griffin, tuttavia. Questo è uno spettacolo che ha visto il bambino viscido che guardava gli uomini che facevano la doccia attraverso uno spioncino, parlando almeno una volta in un episodio di allusioni omoerotiche, cotta per celebrità maschili, fangirl sul teatro musicale e persino auto-referenziale di essere 'forse omosessuale'.

Ecco un video di raccolta di solo alcuni di quei momenti, per riferimento:

Ma domenica sera, in un episodio storico andato in onda senza interruzioni pubblicitarie (e guest star Sir Ian McKellen , per cominciare), la sessualità di Stewie è finalmente 'esplicitamente riconosciuta'. lui esce? Beh, una specie di. Il risultato dell'episodio, per quanto ambiguo, è comunque affascinante. Non è solo uno dei migliori episodi diI Griffin da molto tempo, ma anche uno degli episodi di coming out più sfumati e spigolosi di uno show televisivo che abbiamo visto.

Ancora una volta, tutto incentrato su un bambino di 1 anno.


Naturalmente, l'età di Stewie fa parte dell'intera barzelletta, e perché la sua sessualità è stata una delle gag più rischiose e divertenti dello spettacolo. Ecco questo bambino di una famiglia del New England che parla con un accento britannico, con un'intelligenza accresciuta e una comprensione bon vivant del mondo e della cultura, ma che è, sai, ancora un bambino: petulante, vulnerabile ed emotivamente non evoluto.

L'episodio, intitolato 'Send in Stewie, Please', si svolge quasi interamente in una sessione di terapia necessaria dopo che Stewie ha spinto un ragazzo a scuola, Tyler, giù per le scale. McKellen interpreta il terapista, il dottor Cecil Pritchfield, sia il perfetto supporto per Stewie ma anche un catalizzatore per la proiezione: il medico inglese gay più anziano con un ragazzo più giovane potrebbe essere proprio quello che Stewie, se non necessariamente aspira ad essere, alla fine si accontenta di diventare quando è più vecchio.

Sintonizzarsi sull'episodio sapendo che è il Big One che affronta la sessualità di Stewie lo rende ancora più divertente. Un nastro di riferimenti e stereotipi gay vola, ed è più probabile che tu li catturi tutti.

Stewie entra di corsa nella sessione, augurando buona fortuna alla segretaria, Barbara, nel tentativo di assicurarsi i biglietti per Adele: 'Tumeritareloro.' Incanala i suoi nervi attraverso chiacchiere oziose sull'arredamento dell'ufficio: “Questo è affascinante. Ricorda l'ufficio del terapista in cui Bethenny Frankel va sulLe vere casalinghe di New York City.la odio. Sembra una bambola di legno che potresti trovare in un negozio di giocattoli dell'Europa orientale. [Mani sui fianchi] Oh, non comportarti come se non sapessi chi è. Questo non mi impressiona. Viviamo nel mondo. Sappiamo tutti chi è Bethenny Frankel, che ci piaccia o no'.


La presunzione viene telegrafata rapidamente: stiamo per ascoltare un sacco di cose super gay da Stewie, prima che la grande domanda venga discussa. Voglio dire, chi è stato Stewie in tutti questi anni se non una regina stronza?

Ciò si manifesta soprattutto quando, dopo aver individuato una foto del dottor Pritchfield e del suo partner più giovane, Stewie analizza ogni singolo dettaglio della loro dinamica di relazione. Analizza la pressione e le insicurezze imposte loro dall'elitismo gay e dalla cultura della vergogna, e le riduce a ogni stereotipo in un modo che sarebbe offensivo se non fosse tutto così scrupolosamente vero e riconoscibile (almeno per questo spettatore gay), giù alle camicie Ralph Lauren Purple Label che hanno comprato all'outlet per fingere ricchezza mentre si trovavano in una destinazione di vacanza gay.

È sviscerante e rivelatore del tipo di giudizio che può provenire solo dall'interno della comunità gay. Ogni nuovo dettaglio iper-specifico è una verità più dura di quella precedente. Per stare al passo con l'iperbole di questo pezzo, è uno dei monologhi più gay che abbiamo visto in televisione, e quindi uno dei più soddisfacenti. (Qualcuno di ciò che dice Stewie in esso significherà qualcosa per chi è al di fuori della comunità?) Seth MacFarlane , va detto, offre una performance di doppiaggio di bravura.

“Semmai sono meno gay di un tempo… Ma penso che io e Grant Gustin saremmo la coppia più adorabile di Instagram? Sì, certamente.'

Ma questa è appena la metà dell'episodio. Siamo solo sull'orlo di una svolta.


'Sembri un ragazzino molto solo', dice il dottor Pritchfield in risposta alla medicazione.

'Oh mio Dio, lo sono!' Stewie piange. 'Sono così solo!' Nonostante tutta la commedia derivata dall'omosessualità sottilmente velata di Stewie nel corso degli anni, è facile dimenticarlo per quello che è: in definitiva, un personaggio tragico.

Il dottor Pritchfield cerca di arrivare al cuore dell'incidente che ha portato Stewie nel suo ufficio in primo luogo. Perché ha spinto Tyler giù per le scale? 'È stato un incidente. Non l'hai mai vistoshowgirls?' Stewie (favolosamente) devia. Lo ha fatto, spiega, perché gli piace.

E poi, il doth-protesta-troppo difensivo: “E nonPiacelui, come lui. Io non sono gay. Tutta questa faccenda non è perché sono gay. Quindi calmati. Vedo già che ti lecchi i mozziconi... Semmai sono meno gay di un tempo... Ma penso che Grant Gustin e io saremmo la coppia più adorabile di Instagram? Sì, certamente.'

Menziona la fluidità. Dice di essere fiducioso nella sua eterosessualità. Menziona l'ansia che prova ogni giorno cercando di adattarsi ad altri bambini che non condividono i suoi interessi. Comincia a rappare daHamilton, un musical che definisce 'come Gilbert, ma per gli ispanici'. È un sacco di divagazioni, che porta a una grande rivelazione.

Stewie esce, sì. Ma non nel modo in cui ti aspetteresti.

All'inizio si sente liberato. Poi, esposto. “Voglio rimanere quello che sono sempre stato. Superiore. Brillante. Speciale... Nessuno conoscerà mai il vero me'.

C'è una danza tra l'angoscia infantile e la tortura che deriva dall'avere paura, non solo che gli altri conoscano il vero te, ma di conoscere te stesso. È onestamente più progressista che se Stewie fosse appena uscito.

La tragedia continua, in un certo senso: Stewie torna a una vita di repressione, ancora chiuso, interpretando ancora una versione di se stesso che sente che gli altri accetteranno più facilmente di chi è veramente. Ma anche... è un bambino! E questo è un viaggio. Il momento monumentale qui non è che Family Guy abbia fatto una dichiarazione definitiva sulla sessualità di Stewie (non l'ha fatto), ma che ha riconosciuto quel viaggio. E questo èI Griffin! Chi avrebbe previsto questa sfumatura, questa significatività?

Nel lontano 2009, MacFarlane ha rivelato che lo show aveva preso in considerazione un episodio in cui Stewie esce, sostanzialmente confermando che Stewie è davvero gay. 'Ma abbiamo deciso che è meglio tenerlo sul vago, il che ha più senso perché è un bambino di 1 anno', disse Playboy .“Alla fine, Stewie sarà gay o un eterosessuale represso molto infelice. Spiega anche perché è così determinato a uccidere [sua madre, Lois] e a conquistare il mondo: ha molta aggressività, che deriva dalla confusione e dall'incertezza sul suo orientamento.

L'ultima immagine di Stewie nell'episodio suggerisce meno confusione e un po' di dolore e paura. Non è nemmeno giocato per ridere. Stewie, va meglio.

'Send in Stewie, Please' andrà in onda il 18 marzo alle 21:00 ET/PT su FOX.