Trump lancia attacchi missilistici Tomahawk dopo l'attacco chimico in Siria

Mondo


Trump lancia attacchi missilistici Tomahawk dopo l'attacco chimico in Siria

PresidenteDonald Trumpha ordinato attacchi missilistici inSiriagiovedì sera, pochi giorni dopo aattacco mortale con armi chimicheche gli Stati Uniti attribuivano al regime di Assad.

Più di 50 missili da crociera Tomahawk sono stati lanciati verso una base aerea vicino a Homs, in Siria, da navi nel Mediterraneo orientale, secondo il portavoce del Pentagono, il capitano Jeff Davis.


“Martedì, il dittatore siriano Bashar al-Assad ha lanciato un orribile attacco con armi chimiche su civili innocenti usando un micidiale agente nervino. Assad ha soffocato la vita di uomini, donne e bambini indifesi', ha detto Trump dal suo Mar-a-Lago Resort in Florida. “Stasera ho ordinato un attacco militare mirato all'aeroporto in Siria da dove è stato lanciato l'attacco chimico. È nell'interesse vitale della sicurezza nazionale degli Stati Uniti prevenire e scoraggiare la diffusione e l'uso di armi chimiche mortali”.

Il Pentagono ha affermato che gli obiettivi includevano aerei, petrolio e depositi logistici, bunker di rifornimento di munizioni, sistemi di difesa aerea e radar.

Un funzionario degli Stati Uniti ha detto a The Daily Beast che gli attacchi punitivi hanno avuto un 'buon effetto' sul bersaglio. Il funzionario ha parlato a condizione di anonimato per descrivere i primi resoconti all'indomani degli scioperi.

Il portavoce del Pentagono Davis ha affermato che la comunità di intelligence degli Stati Uniti ritiene che gli aerei dell'aeroporto di Shayrat abbiano condotto l'attacco con armi chimiche martedì. Gli scioperi di giovedì sono avvenuti allo Shayrat Airfield alle 20:40. Orientale, o verso le 4:40 del mattino in Siria.


'Le prime indicazioni sono che questo attacco ha gravemente danneggiato o distrutto gli aerei siriani e le infrastrutture e le attrezzature di supporto all'aeroporto di Shayrat, riducendo la capacità del governo siriano di fornire armi chimiche', ha affermato Davis. 'L'uso di armi chimiche contro persone innocenti non sarà tollerato'.

“Stasera, chiedo a tutte le nazioni civili di unirsi a noi nel cercare di porre fine a questo massacro e spargimento di sangue in Siria e anche a porre fine al terrorismo di ogni tipo e di ogni tipo. Chiediamo la saggezza di Dio mentre affrontiamo la sfida del nostro mondo molto travagliato', ha detto Trump. 'Preghiamo per la vita dei feriti e per le anime di coloro che sono morti e speriamo che finché l'America si batterà per la giustizia, alla fine prevarranno la pace e l'armonia'.

Trump ha dato l'annuncio giovedì sera circondato dai migliori aiutanti: Steve Bannon, Reince Priebus, Ivanka Trump, Dina Powell, Wilbur Ross e numerosi altri. Ha letto due teleprompter, si è attenuto a commenti preparati e non ha risposto a domande prima di lasciare il palco.

Trump era stato in precedenza un critico della proposta di azione militare contro il regime di Assad nel 2013, sostenendo che era costosa e che il presidente Obama aveva bisogno dell'approvazione del Congresso per fare lo sciopero. Il bombardamento aereo di martedì nella provincia di Idlib, che gli Stati Uniti hanno attribuito al regime siriano,sembrava aver oscillatoTrump a intraprendere un'azione militare.


'Quell'attacco ai bambini di ieri ha avuto un grande impatto su di me, un grande impatto', ha detto mercoledì. “Ha attraversato molte linee per me. Quando uccidi bambini innocenti, bambini innocenti... questo attraversa molte, molte linee, oltre una linea rossa. Tante, tante righe”.

Il segretario di Stato Rex Tillerson, che una settimana prima aveva lasciato intendere che gli Stati Uniti potevano tollerare che Bashar al-Assad rimanesse al potere in Siria, si è messo in riga,dicendo alla stampa che i piani erano già in corsoorganizzare una coalizione internazionale per rimuovere Assad.

'Il ruolo di Assad in futuro è incerto, chiaramente, e con gli atti che ha intrapreso, sembrerebbe che non ci sarebbe alcun ruolo per lui nel governare il popolo siriano', ha detto Tillerson. 'Il processo attraverso il quale Assad se ne andrebbe è qualcosa che penso richieda uno sforzo della comunità internazionale, sia per sconfiggere prima l'ISIS in Siria, sia per stabilizzare il paese siriano, per evitare un'ulteriore guerra civile, e poi per lavorare collettivamente con i nostri partner in tutto il mondo. attraverso un processo politico che porterebbe alla partenza di Assad”.

Funzionari statunitensi hanno informazioni derivate dal radar che confermano che gli aerei del regime siriano hanno lanciato munizioni sulla città al momento dell'attacco a Idlib.


I funzionari credono che fosse 'una specie di sostanza chimica, ma non hanno ancora molta fiducia che fosse il Sarin', ha detto uno dei funzionari, riferendosi al micidiale agente nervino. Il secondo funzionario ha detto che la loro principale fonte di informazioni sulsospetto attacco di Sarinè immagini fornite dall'Organizzazione Mondiale della Sanità delle vittime.

I falchi repubblicani, che sono stati in genere critici del presidente, si sono affrettati a lodare la sua decisione.

“A differenza della precedente amministrazione, il presidente Trump ha affrontato un momento cruciale in Siria e ha agito. Per questo, merita il sostegno del popolo americano', hanno detto i sens. John McCain e Lindsey Graham dopo che gli scioperi erano stati segnalati.

Giovedì scorso, l'ex candidata alla presidenza Hillary Clinton ha fornito copertura politica a Trump, invitando gli Stati Uniti a eliminare l'aeronautica di Assad, un'azione più aggressiva di quella che Trump ha ordinato giovedì sera.

'Assad ha un'aeronautica e quell'aviazione è la causa della maggior parte di queste morti civili, come abbiamo visto nel corso degli anni e come abbiamo visto di nuovo negli ultimi giorni', ha detto Clinton. 'E credo davvero che dovremmo avere e dovremmo ancora eliminare i suoi campi d'aviazione e impedirgli di essere in grado di usarli per bombardare persone innocenti e far cadere su di loro il gas Sarin'.

Ma i democratici eletti, diffidenti nel dare a Trump un assegno in bianco, erano più riservati. Il senatore Ben Cardin, il massimo democratico della commissione per le relazioni estere del Senato, ha elogiato gli scioperi, ma ha affermato che qualsiasi azione continuata richiederebbe l'approvazione del Congresso.

'Questi attacchi militari contro l'arsenale di Assad inviano un chiaro segnale che gli Stati Uniti si batteranno per norme e regole accettate a livello internazionale contro l'uso di armi chimiche', ha affermato Cardin. 'Tuttavia, e non posso sottolinearlo abbastanza, qualsiasi operazione militare a lungo termine o più ampia in Siria da parte dell'amministrazione Trump dovrà essere condotta in consultazione con il Congresso'.

Non sono stati presi contatti con il governo russo, ha detto Tillerson alla stampa giovedì sera tardi durante un briefing con i giornalisti al Tideline Hotel di Palm Beach, in Florida. Tuttavia, gli accordi di deconflitto militare tra le forze statunitensi e russe sono stati utilizzati per prevenire malintesi.

'L'unica cosa che ti dirò, però: c'è stato uno sforzo per ridurre al minimo il rischio per i cittadini di paesi terzi in quell'aeroporto - penso che tu abbia letto russi da quello - ci siamo impegnati molto per cercare di evitarlo. Naturalmente, in qualsiasi momento in un'operazione militare, non ci sono garanzie', ha detto.

I cacciatorpediniere della Marina degli Stati UnitiUSS RosseUSS Portersparato i Tomahawk dal Mediterraneo orientale.RosseTrasportaresono entrambi cacciatorpediniere lanciamissili di classe Arleigh Burke che possono trasportare fino a 90 missili ciascuno in tubi di lancio verticali. I missili subsonici Tomahawk volano su rotte pianificate per far esplodere bersagli fissi fino a 1.000 miglia di distanza con le loro testate da 1.000 libbre.

Non è difficile capire perché il Pentagono abbia scelto i Tomahawk per gli scioperi di giovedì. L'esercito ha schierato centinaia di aerei da guerra con equipaggio in Medio Oriente, inclusi caccia stealth F-22. I bombardieri stealth B-2 con sede nel Missouri possono volare direttamente in Siria sganciando bombe a guida di precisione. Ma a quanto pare il Pentagono si è rifiutato di inviare piloti nella Siria occidentale.

'C'erano tre opzioni che abbiamo discusso con il presidente e il presidente ci ha chiesto di concentrarci su due opzioni in particolare, per maturare quelle opzioni, e aveva una serie di domande per noi a cui abbiamo cercato di rispondere', il consigliere per la sicurezza nazionale HR McMaster ha detto alla stampa giovedì sera.

I pianificatori militari hanno fatto la stessa chiamata nel settembre 2014, quando gli Stati Uniti hanno iniziato a colpire le forze dell'ISIS in Siria. Per gli attacchi ai militanti nella Siria occidentale, il Pentagono ha scelto di inviare Tomahawk invece di aerei con equipaggio. Mentre l'aviazione israeliana, tra le meglio addestrate al mondo, bombarda frequentemente le posizioni del regime nella Siria occidentale, altre forze aeree temono il rischio.

'Di tutte le nazioni del Medio Oriente, la Siria ha una delle reti [missili terra-aria] più robuste', ha scritto Sean O'Connor , un esperto di difesa aerea indipendente con sede in Indiana. 'Più siti SAM forniscono ridondanza, consentendo la copertura sovrapposta in molte aree critiche', inclusi i centri abitati.

Damasco ha aggiornato i suoi missili per lo più di epoca sovietica con la tecnologia cinese, rendendoli più agili e indipendenti, e quindi più difficili da distruggere. 'Con i moderni radar cinesi e i moderni SAM russi [la Siria] si è allontanata dal modello di difesa aerea in grado di bombardare', ha scritto O'Connor.

Oltre ai propri missili di difesa aerea, il regime siriano gode della protezione dei missili a lungo raggio S400 e S300 che Mosca ha schierato rispettivamente nella sua base aerea di Latakia e nel porto di Tartus.

Non è chiaro se le forze russe avessero l'autorizzazione per difendersi da un attacco americano all'alleato di Mosca in Siria. Ma l'attacco del Tomahawk ha rischiato di colpire direttamente le forze russe e di forzare la mano a Mosca. L'obiettivo principale, l'aeroporto di Shayrat fuori Homs, ha recentemente ospitato elicotteri d'attacco russi a supporto delle forze di terra siriane che operano nell'area.