Studente della University of North Texas etichettato N****r sulla ricevuta del ristorante del campus

Noi-Notizie


Studente della University of North Texas etichettato N****r sulla ricevuta del ristorante del campus

Quando una studentessa dell'Università del Nord del Texas è andata in un ristorante del campus per le ali di bufalo, se n'è andata con una grande porzione di indignazione, dopo aver ricevuto una ricevuta che la chiamava n----r.

'Ho bisogno di risposte', ha scritto Chelsea Shaw su Twitter martedì pomeriggio, condividendo una foto della ricevuta di Krispy Krunchy Chicken, un fast-food nell'unione studentesca della scuola.


Lo studente ha quindi contattato Justin Moore, un avvocato che si occupa di casi di giustizia razziale in Texas. Ha detto a The Daily Beast che la catena e la scuola devono ancora porre rimedio alla situazione e che è imminente una causa contro il negozio.

'Volevamo avvisare il pubblico di quello che è successo, in modo che possano stare all'erta e capire cosa sta succedendo', ha detto.

Moore ha detto che lui e il suo cliente vogliono che Krunchy Krispy Chicken spieghi esattamente cosa è successo e descriva le loro pratiche generali. Vuole togliere la catena anche al sindacato studentesco.

'UNT ha un lavoro da fare, ed è quello di rendere il suo campus accessibile e sicuro per tutti gli studenti, indipendentemente dal colore', si legge nel comunicato stampa.


Secondo una video intervista twittata con Bill McNeace, direttore esecutivo dei servizi di ristorazione al dettaglio, il cassiere non ha scritto l'insulto. Afferma che l'ha fatto il cuoco e che i servizi di ristorazione lo hanno già licenziato.

'Non era il cassiere, era in realtà il cuoco', dice McNeance. 'È diventato evidente, quando è uscito, [il cuoco] si è scusato con il manager e penso che abbia cercato di trovare, o abbia trovato, il cliente'.

Il presidente dell'UNT Neal Smatresk ha confermato la sua affermazione , scrivendo direttamente a Shaw in un tweet.

'La nostra famiglia Mean Green apprezza il rispetto ed è orgogliosa dell'inclusione', ha scritto. “È completamente inaccettabile e non chi siamo come comunità. Abbiamo agito immediatamente per identificare la persona responsabile e quella persona è stata licenziata”.


Moore dice che il suo cliente ha un resoconto diverso di quello che è successo. Ha detto a The Daily Beast che in realtà non sanno se il cuoco ha scritto l'offesa sulla ricevuta. Ha aggiunto che la spiegazione sembra 'dubbia'.

'Non ha mai visto il cuoco [venire] da dietro', ha detto. “E anche che il cuoco è nero. Anche se provenisse da un cuoco nero o da un lavoratore nero, crediamo ancora che sia un comportamento disdicevole per qualsiasi venditore di un college'.

Questa non è la prima volta che UNT riceve l'attenzione dei media per incidenti legati alla gara. Lo scorso febbraio, la redazione del giornale della scuola ha pubblicato un editoriale intitolato 'La minaccia della supremazia bianca', dopo ' propaganda nazionalista bianco ” volantini sono apparsi in più punti del campus.

Moore ha detto che vuole che la comunità resti consapevole del razzismo all'interno del campus, specialmente dopo il recente arresto di due uomini di colore in un Philadelphia Starbucks . In quell'incidente, un membro dello staff di Starbucks ha chiamato il 911 su due agenti immobiliari neri che non avevano acquistato nulla. Sono stati arrestati dopo aver rifiutato di partire.


'Nessuno studente dovrebbe essere soggetto a problemi di animosità razziale o molestie', ha detto Moore.

Allison Shapiro, direttore del marketing di Krispy Crunchy Chicken, ha dichiarato in una dichiarazione a The Daily Beast che la società condanna il comportamento che si è verificato nella sua sede in franchising UNT.

'Apprezziamo e abbracciamo molto le persone di diverso genere, cultura, diversità, questo è ciò che rende tutto fantastico', ha detto.

L'azienda ha inviato un rappresentante sul posto per valutare la situazione.

Ha aggiunto: 'Abbiamo una formazione come questa, ma stiamo collaborando con la direzione di quella sede per capire come impedire che questo comportamento si verifichi'.

Il portavoce dell'UNT Leigh Gullett ha detto a The Daily Beast che il cuoco era responsabile e ha ammesso di aver scritto la ricevuta. Ha aggiunto che è in corso un'indagine.

'L'università sta completando le sue indagini su questa materia per chiarire tutto e, al termine, trarremo conclusioni e ulteriori informazioni nella misura consentita dalla legge', ha affermato.

Gullet ha anche detto che il presidente dell'UNT Smatresk e Shaw si incontreranno presto e discuteranno della situazione. Il 18 aprile, Smatresk ha inviato una dichiarazione agli studenti.

'Dall'ascolto delle discussioni sui social media, sembra che si stiano facendo ipotesi sulla razza del responsabile', si legge in parte nella dichiarazione. 'È importante sapere che sia il cliente che il dipendente erano la stessa razza e, indipendentemente dalle altre opinioni della società, è mia convinzione che l'uso di questo termine non sia mai corretto'.