'Molto antisociale': il sospetto nel massacro del supermercato di Boulder era paranoico, dice il fratello

Noi-Notizie


'Molto antisociale': il sospetto nel massacro del supermercato di Boulder era paranoico, dice il fratello

ARVADA, Colorado—L'uomo di 21 anni accusato di il massacro del negozio di alimentari King Soopers è un appassionato di arti marziali con una storia di violenza il cui fratello lo descrive come 'molto antisociale'.

Secondo quanto riferito, Ahmad Al Aliwi Alissa ha attraversato il supermercato Boulder lunedì pomeriggio con un fucile e una pistola, sparando colpo dopo colpo e togliendosi il giubbotto da combattimento e i vestiti fino a quando non si è arreso a una squadra SWAT.


È stato accusato di un conteggio di omicidio di primo grado per ognuna delle 10 persone uccise : Denny Stong, 20 anni; Neven Stanisic, 23 anni; Rikki Olds, 25 anni; Tralona Bartkowika, 49 anni; Fontana di Susanna, 59; Teri Leiker, 51; Kevin Mahoney, 61 anni; Lynn Murray, 62 anni; Jody Waters, 65 anni; e l'agente di polizia di Boulder Eric Talley, 51 anni.

Gli investigatori hanno detto che dopo che il sospettato ferito e insanguinato è stato trascinato fuori dalla scena del crimine, ha chiesto di sua madre.

Il motivo della seconda grande sparatoria di massa della nazione in una settimana rimane sconosciuto, ma un membro della famiglia ha affermato di ritenere che il presunto tiratore, un ex wrestler delle superiori nato in Siria ma cresciuto in Colorado, sia malato di mente.

Ali Aliwi Alissa, 34 anni, ha detto a The Daily Beast in un'intervista telefonica che suo fratello era paranoico, aggiungendo che al liceo avrebbe parlato di 'essere inseguito, qualcuno è dietro di lui, qualcuno lo sta cercando'.


'Quando stava pranzando con mia sorella in un ristorante, ha detto: 'Le persone sono nel parcheggio, mi stanno cercando'. È uscita e non c'era nessuno. Non sapevamo cosa stesse succedendo nella sua testa', ha detto.

Ha detto che era sicuro che la sparatoria 'non fosse affatto una dichiarazione politica, è una malattia mentale'.

“Il ragazzo veniva spesso vittima di bullismo al liceo. Era come un bambino estroverso, ma dopo essere andato al liceo ed essere stato vittima di bullismo, ha iniziato a diventare asociale', ha detto il fratello.

Gli atti del tribunale mostrano che Ahmad Alissa ha avuto almeno un precedente scontro con la legge: un arresto dopo aver 'armato a freddo' un compagno di classe alla Arvada West High School nel 2017.


Annuncio pubblicitario

Secondo i documenti del tribunale ottenuto per la prima volta da KDVR , Alissa ha preso a pugni un compagno di classe in testa senza preavviso dopo che 'lo aveva preso in giro e lo aveva chiamato con nomi razziali settimane prima'. La vittima ha riportato ecchimosi, gonfiore e tagli alla testa. Alissa si è dichiarata colpevole di un'accusa di aggressione ed è stata condannata a due mesi di libertà vigilata e 48 ore di servizio alla comunità in relazione a quell'episodio.

Un portavoce della polizia di Arvada ha anche confermato che Alissa ha avuto due interazioni con la polizia locale negli 'ultimi anni', inclusi casi di accuse di semplice aggressione e atti criminali.

Su una pagina Facebook ora cancellata, Alissa si è descritto come 'nato in Siria nel 1999 è arrivato negli Stati Uniti nel 2002. Mi piacciono il wrestling e i documentari informativi, sono io'. Ha anche detto di essere 'interessato all''ingegneria informatica/informatica... kickboxing'. I post sulle arti marziali miste, in particolare sul jiu jitsu, hanno dominato la pagina. Alissa a volte ha postato sull'Islam, spesso sulla preghiera o le vacanze.

Ha condiviso le sue foto nella sua uniforme da wrestling dell'Arvada West High, oltre a indossare medaglie di un'associazione di combattimento.


Conrad, un ex compagno di squadra di wrestling del sospettato che ha parlato a condizione che il suo cognome fosse nascosto, ha detto a The Daily Beast di essere rimasto profondamente sorpreso dalle accuse, ma che Alissa aveva un caratteraccio.

'Una cosa che posso dirti è che non ha preso molto bene la sconfitta', ha detto. “Me lo ricordo nel wrestling. Lanciava il copricapo, non parlava con gli allenatori quando perdeva. Se ricordo bene, una volta ho anche insultato uno degli allenatori'.

Annuncio pubblicitario

In un post su Facebook, il sospetto sembrava esprimere il timore che qualcuno stesse prendendo di mira il suo telefono per motivi islamofobici.

'Sì, se queste persone razziste islamofobe smettessero di hackerare il mio telefono e mi lasciassero avere una vita normale, probabilmente potrei', ha pubblicato nel luglio 2019.

Ha fatto accuse simili mesi prima, accusando la sua ex scuola superiore di aver violato il suo telefono. Ha chiesto ai follower di Facebook informazioni sulle leggi contro l'hacking telefonico e ha affermato di sospettare che qualcuno stesse dando voce a voci su di lui, il che 'ha scatenato' il presunto hacking.

Su Facebook, la sua politica è apparsa mista in diversi campi. Ha condiviso un articolo in cui rimproverava la posizione di Donald Trump sull'immigrazione, ma ha anche pubblicato la sua opposizione al matrimonio gay e all'aborto.

Un giorno dopo il 2019 sparatorie alla moschea di Christchurch in Nuova Zelanda , Alissa aveva condiviso un post su Facebook di un altro utente che diceva: 'I musulmani della moschea di #christchurch non sono stati le vittime di un singolo assassino. Erano le vittime dell'intera industria dell'islamofobia che li diffamava'.

Annuncio pubblicitario

Un affidavit di arresto rilasciato martedì afferma che Alissa ha acquistato un semiautomatico Ruger AR-556 il 16 marzo. Un membro della famiglia ha detto alla polizia che Alissa aveva giocato con una 'mitragliatrice' solo due giorni prima della sparatoria e 'aveva parlato di avere un proiettile bloccato nella pistola'.

Lunedì, il dipartimento di polizia di Boulder è stato bombardato da 'più' chiamate su Alissa, inclusa una che era armato con un 'AR-15 nero' e 'potrebbe avere un'armatura', afferma la dichiarazione giurata.

I dipendenti di King Soopers hanno detto alla polizia che l'uomo ha sparato a 'un uomo anziano nel parcheggio' prima di avvicinarsi a lui e sparargli più volte. Alissa indossava un giubbotto tattico verde, un fucile, una pistola semiautomatica e un paio di jeans, dice l'affidavit.

Sarah Moonshadow, una 42enne residente a South Boulder, stava comprando fragole con il figlio di 21 anni quando è scoppiata la sparatoria. “Ci ha sparato addosso. non ho guardato. Ho appena corso', ha detto a The Daily Beast lunedì.

L'agente di polizia di Boulder, Eric Talley, è arrivato per primo sulla scena e Alissa gli avrebbe sparato alla testa. Quando le squadre SWAT sono arrivate ed sono entrate nel negozio, il sospettato è tornato indietro verso di loro per essere preso in custodia. Si era 'tolto tutti i vestiti ed era vestito solo di pantaloncini' e 'aveva sangue sulla coscia destra'.

L'agente Eric Talley

Dipartimento di Polizia di Boulder

Annuncio pubblicitario

Alissa ha trascorso la notte in ospedale ed è stata inserita nella prigione della contea di Boulder entro martedì pomeriggio.

Suo fratello, Ali Aliwi Alissa, ha detto che lunedì si è recato in un altro luogo di King Sooper dopo il lavoro per cercare un terzo fratello che aveva fatto una commissione e non poteva essere raggiunto. Ha detto di aver trovato quel parente in custodia di polizia e che anche lui e altri membri della famiglia sono stati arrestati.

Ha detto che la polizia ha passato la notte a perquisire ogni angolo della casa, che si trova ai margini di un tranquillo cul-de-sac fiancheggiato da case a due piani e un mix di Aspen, sempreverdi, canestri da basket e mangiatoie per uccelli. Diverse generazioni della famiglia risiedono nella casa Arvada, il tetto è coperto da pannelli solari, un sentiero lastricato che conduce al cortile.

Se i vicini non avevano visto le notizie online, avrebbero scoperto che qualcosa non andava intorno alle 21:30. Lunedì, quando un'armata di veicoli è arrivata e ha preso d'assalto il blocco. 'Sembrava che la casa fosse circondata da Navy SEALs', ha detto un pilota e vicino di casa di 39 anni, che era nel letto accanto quando sono arrivate le forze dell'ordine e ha rifiutato di dare il suo nome.

Matt Benz, un manager degli investimenti di 37 anni che vive a cinque porte di distanza, si è svegliato con un altoparlante che chiedeva a tutti nella casa di Alissa di venire alla porta d'ingresso. 'È un quartiere tranquillo, pieno di giovani famiglie, ecco perché ci siamo trasferiti qui', ha detto a The Daily Beast, descrivendo in dettaglio il suo shock per la notizia.

Martedì mattina, una donna che si è identificata come una sorella maggiore ha risposto alla porta della casa della famiglia Alissa. Ha detto di essere rimasta sbalordita e la famiglia non ha mai sospettato che il fratello fosse capace di commettere questo atto di violenza. “Siamo scioccati. È simpatico, un fratello tranquillo', ha detto la trentenne al Daily Beast, rifiutandosi di dare il suo nome.

Annuncio pubblicitario

Alla domanda su quale messaggio avesse la famiglia per il pubblico, il fratello Ali Aliwi Alissa ha detto: “Mi dispiace così tanto per le persone che sono state uccise da Ahmad. Era qualcosa che non mi sarei mai aspettato che Ahmad facesse. Quello che ha fatto... perché, non lo so.'

Gli eventi a Boulder si sono svolti pochi giorni dopo che un uomo armato ha sparato a tre centri massaggi nell'area metropolitana di Atlanta, uccidendo otto persone, sei delle quali donne asiatiche.

Il Colorado è stato anche teatro di alcune delle peggiori sparatorie di massa della nazione dopo il massacro della Columbine High School del 1999 che ha causato la morte di 13 persone. Nel 2012, un attacco in un cinema Aurora ha provocato 12 morti.

'Vorrei poter stare qui e promettere che il dolore guarirà rapidamente', ha detto il governatore del Colorado Jared Polis in una conferenza stampa di martedì. 'Ma non lo farà... In momenti come questo, è difficile vedere la luce che risplende attraverso l'oscurità.'

'Non solo abbiamo perso dieci vite, questo è vero orrore e terrore', ha aggiunto.

—con segnalazione di Noor Ibrahim

Annuncio pubblicitario