Guarda: Performance inedita di Highwaymen

Blog


Guarda: Performance inedita di Highwaymen

Non ci sono quattro volti più riconoscibili o leggendari nella musica, country o meno, di quelli che comprendevano il supergruppo The Highwaymen. Formatisi involontariamente nel 1984 a Montreux, in Svizzera, quando Johnny Cash invitò Kris Kristofferson, Willie Nelson e Waylon Jennings ad essere ospiti di uno speciale di Natale che stava registrando, il quartetto trovò un fuoco creativo collaborativo che si sarebbe impresso per sempre nella tradizione del paese musica.

'Siamo noi quattro in piedi lì, raggruppati attorno ai microfoni', ha scritto Jennings nella sua autobiografia,Waylon: un'autobiografia. “I banditi. John, Kris, Willie e io. Non credo che ci siano altre quattro persone come noi. Se ne aggiungessimo uno in più o ne sostituissimo un altro, non funzionerebbe mai'.


Avere quattro artisti affermati noti per fare ciò che vogliono, quando vogliono, lavorare insieme è il tipo di sforzo che può esplodere brillantemente o implodere drammaticamente con uguale ferocia. Quando si è trattato di suonare dal vivo per gli Highwaymen, è stato quasi il secondo, fino al momento in cui hanno trovato un modo per riunirsi. Jennings ha affrontato anche questo nel suo libro.

“Quando abbiamo portato per la prima volta The Highwaymen dal vivo, sembravano quattro timidi redneck che cercavano di essere gentili l'uno con l'altro. L'ha quasi rovinato. Non ha funzionato, per noi e per il pubblico, e mi ha davvero infastidito quanto fossimo diversi sul palco rispetto a quando eravamo seduti nel camerino. [A un certo punto] stavo decidendo di smettere. Ne ho parlato con John e si sentiva allo stesso modo. 'Divento un po' nervoso', ha detto. 'Non voglio sembrare che sto cercando di rubare il tuo tuono.' Era così. Ci stavamo annoiando l'un l'altro e il pubblico. Potrebbe essere difficile pensare a Johnny Cash come intimidito, ma era così che eravamo. Non puoi avere quattro grandi ragazzi in punta di piedi l'uno intorno all'altro sul palco. Nessuno si diverte. Alla fine della settimana, con Willie che ballava sul palco e John e Kris che cantavano l'armonia collo a collo, abbiamo avuto lo spettacolo più sfrenato, e questo ci ha reso un gruppo”.

Nel corso della loro corsa decennale, gli Highwaymen hanno pubblicato tre dischi, tracciato più singoli e vinto un Grammy per la migliore canzone country per la loro melodia, 'Highwayman', oltre a suonare spettacoli dal vivo da fienile che saranno per sempre classificati come 'avresti dovuto essere lì.' Puoi guardare parte di una di queste esibizioni di seguito, con la canzone 'Desperados Waiting for a Train', filmata il 4 marzo 1990 al Nassau Coliseum di Uniondale, New York.

Anche se non ci sarà mai un altro gruppo come gli Highwaymen, la loro eredità sopravvive con un nuovo cofanetto multimediale celebrativo,I banditi vivono: i fuorilegge americani, in uscita il 20 maggio.Con filmati inediti, tra cui l'intero concerto di Nassau e spettacoli di Farm Aid, e canzoni, oltre a divertentissime note di copertina dello studioso di musica Mikal Gilmour, il cofanetto è completato da un documentario della PBS,American Masters—The Highwaymen, fino alla fine, che debutterà il 27 maggio.