Dove sono finiti tutti i rapper grassi? Oppure, come l'hip-hop ha perso tutto il peso

Intrattenimento


Dove sono finiti tutti i rapper grassi? Oppure, come l'hip-hop ha perso tutto il peso

Per qualsiasi motivo, l'estate a New York è quando tutti i fantasmi del passato hip-hop escono dal legno. È metà giugno e sono a Celebrate Brooklyn! concerto intitolato dal gruppo hip-hop degli anni '90 Blackalicious. grande boi dovrebbe esibirsi, ma ha dovuto annullare a causa di un salto fuori tempo al suo ultimo concerto. The Gift of Gab, l'unico membro originale dei Blackalicious presenti, è due volte più grande di Big Boi ma è conosciuto solo la metà. Tutti i suoi 300 chili si fanno strada lentamente sul palco, un piede in ritardo rispetto all'altro in una sorta di spavalda spavalderia. Indossa un'enorme polo arancione brillante, jeans blu anonimi e un paio di Nike Air Force 1. Mi rivolgo al mio amico e dico: 'Chi?èquesto ragazzo?' Non ricordo l'ultima volta che ho visto qualcuno sul palco che gli somigliava.

Quella notte umida, mi sono reso conto di aver dimenticato quanto amavo e mi mancavano artisti come Gift of Gab, Fat Boys e Raekwon. I diabetici funky originali. I gangster e gli imbecilli le cui esibizioni ci hanno intrattenuto mentre allo stesso tempo coltivavano rispetto. Potrebbero sembrare orsacchiotti giganti, ma alcuni di loro erano spaventosi come la merda. Ma cosa è successo a loro? Dove sono finiti tutti i rapper grassi?


Certo, non tutti i rapper in passato erano grassi, e non tutti i rapper ora sono magri, ma dopo la metà degli anni '90, la scena hip-hop ha iniziato a diminuire notevolmente. All'inizio degli anni '90 c'erano Biz Markie, Chubb Rock, E-40, Heavy D, Scarface, Raekwon e Notorious BIG, tra gli altri. Poi, naturalmente, la metà degli anni '90 ha prodotto la potente coppia di rapper Fat Joe e Big Pun. Ma il millennio ha visto l'ultimo dei rapper veramente grassi: Gift of Gab, J-Live, Bone Crusher e Fatman Scoop. Intorno al 2005, Rick Ross, Joell Ortiz e Gorilla Zoe erano alcuni degli unici rimasti. Nel 2007 la trasformazione è stata completata quando Dr. Dre ha scioccato il mondo della musica presentandosi sul palco degli MTV Music Awards con l'aspetto di un bodybuilder professionista. E Eminem, 50 Cent, e il bellissimo D'Angelo? Tutti hanno attraversato fasi paffute, ma hanno finito per sembrare scolpiti. Anche Fat Joe è solo un Joe medio ora.

Nel corso degli anni, il mondo dell'hip-hop ha perso una manciata di membri per complicazioni di salute a causa delle loro dimensioni, in particolare Buffy dei Fat Boys, Heavy D e Big Pun. La salute cagionevole di alcuni degli artisti più amati al mondo è servita come motivazione per i rapper a cambiare ciò che mettevano nei loro corpi.

'Una volta che Pun è morto, sono andato a dieta e ho perso circa 100 libbre', Fat Joe detto a VladTV . 'Non sapevo cosa so ora... ho dovuto alzare il volume perché ho perso tipo sei amici l'anno scorso a causa di attacchi di cuore. Tutti più giovani di me... Mi sembravano sani. Erano proprio come me, raccontavano barzellette come me, erano fighi come me, ma sono morti tutti'. I rapper come Big Pun hanno preso i loro dischi di platino e grandi stipendi e hanno vissuto alla grande. “Noi rapper”, ha detto Fat Joe, “iniziamo a pensare di essere dei supereroi, ma non lo siamo. Siamo esseri umani'.

Negli anni '90, quando rapper come Biggie, Heavy D, Big Pun e persino il Gif of Gab hanno avuto successo, l'hip-hop è diventato mainstream e gli artisti sono diventati conosciuti non solo dalle comunità insulari ma anche dai fan di tutto il mondo. Per i rapper che erano già grandi, il loro peso diventava parte della loro immagine. Ma oggi, quando la celebrità e la cultura pop hanno una presa salda su ogni centimetro della nostra esistenza, l'immagine delle celebrità è fabbricata e calcolata fino all'ultima sterlina.


Insieme all'aumento della consapevolezza dell'immagine, gli anni '90 hanno visto anche l'inizio della vera obesità in America, quando la pesantezza è stata considerata per la prima volta un 'problema', non solo un modo di essere. UN studio condotto da ricercatori della University of North Carolina, Chapel Hill, ha scoperto che dal 1990 al 2000, il peso medio di un uomo di 18 anni di 5 piedi e 9 è passato da 149 libbre a 166 libbre. Il peso medio di una donna di 5 piedi e 5 è aumentato da 132 a 147 libbre. Da allora quei numeri sono solo aumentati. Ora i rapper di New York non possono nemmeno comprare una grossa bibita senza sentire l'ira del sindaco Michael Bloomberg. Mentre gli americani nel loro insieme potrebbero non dimagrire, quelli agli occhi del pubblico sentono la pressione di perdere peso mentre costruiscono un'immagine pubblica.

Al prossimo Celebrate Brooklyn! concerto che ho visto quest'estate, Teofilo Londra si è esibito con i suoi caratteristici jeans skinny e l'abbigliamento hipster firmato. Il posto era pieno. Invece di vedere artisti con grandi 'T' hip-hop bianche (va bene,inoltre Kanye ), vediamo rapper come Theophilus London, A$AP Rocky, Nas—l'elenco potrebbe continuare all'infinito—collaborare con designer di alto livello e sedersi in prima fila alla New York Fashion Week. A differenza dei rapper del passato, gli artisti hip-hop di oggi lavorano a stretto contatto con i marchi e sono diventati essi stessi marchi ambulanti ('Non sono un uomo d'affari/sono un business, amico', rappa Jay Z). Rapper come Jay Z ora agiscono come navi aziendali, quindi oltre alla loro miriade di progetti collaterali, rastrellano anche milioni per promuovere l'ultimo dispositivo elettronico o bevanda alcolica. Qualsiasi aumento di peso significativo potrebbe comportare un colpo finanziario. E se non sei magro, come Action Bronson, lo chef diventato rapper, il tuo peso diventa un modo autoironico per promuovere te stesso. (Rick Ross è, ovviamente, un'eccezione. Ma lo sapevamo già tutti.)

Quando ho visto gli Action Bronson esibirsi a Bushwick quest'estate, me ne sono andato con un sacco di rispetto per il ragazzo e la sua musica, ma non avevo intenzione di andare a comprare le sue 'patate fritte e schiacciate' dal suo camion di cibo. La gente sciamava intorno a lui nella speranza di ottenere un selfie su Instagram, ma non era il solito incontro e saluto delle celebrità. I fan lo stavano toccando senza riserve, chiedendogli se avrebbe posato con il loro cane e ridacchiando alle sue spalle per quanto fosse sudato. Nessuno avrebbe mai osato farlo con Big Pun o Biggie. Non c'era niente di malevolo nella scena, ma c'era qualcosa di strumentale in essa. Non c'era un dare e avere: era lì esclusivamente per l'intrattenimento di tutti.

Immagino che sia difficile qui per un protettore di taglie forti.