Perché Barack Obama ha scelto il nascondiglio dell'isola di Marlon Brando?

Arte-E-Cultura


Perché Barack Obama ha scelto il nascondiglio dell'isola di Marlon Brando?

Con il suoaffare librario multimilionarioin mano,Barack Obamaha trovato il suoultimo rifugioper scrivere il suocasa Biancamemorie: Tetiaroa, un'isola privata nel Pacifico meridionale un tempo di proprietà diMarlon brando.

Mentre Tahiti,Bora Bora, e le altre isole dell'arcipelago, conosciute collettivamente come Isole della Società, sono imponenti torri vulcaniche ammantate da una pesante armatura di lussureggiante baldacchino tropicale, Tetiaroa è bassa e sabbiosa, una piccola collana di isolotti di corallo legati insieme intorno a una tranquilla laguna .


Un breve volo di 20 minuti su una pozzanghera collega l'aeroporto internazionale di Papeete (a Tahiti) alla pista privata di Tetiaroa, dove miglia di onde blu navy lasciano improvvisamente il posto all'alone tempestato di palme dell'isola e alle secche verde menta.

Qualcosa di divertente accade quando inizi la tua discesa: ridacchi, meravigliandoti della capacità della natura di creare l'enclave dell'isola più idilliaca da un campionario di colori inimmaginabilmente vibrante.

Marlon Brando ha sicuramente ridacchiato quando ha posato gli occhi sul posto per la prima volta mentre esplorava le location per le ripreseAmmutinamento del Bounty.Sette anni dopo acquistò l'isola per circa $ 200.000, che era stata a lungo considerata un luogo sacro per la gente del posto: infatti, la famiglia regnante di Tahiti usava spesso Tetiaroa per i ritiri delle vacanze.

Barack Obama ha visitato per la prima volta nel marzo di quest'anno e presumibilmente ha anche riso. È facile capire perché un incantesimo così intenso viene lanciato su tutti coloro che visitano, soprattutto da quando l'isola ha scambiato la sua atmosfera di Crusoe per un rifugio ultra-lusso (l'omonimo Il Brando nel 2014).


Le tre dozzine di ville indipendenti del Brando sono generosamente distanziate direttamente lungo due ondeggianti distese di sabbia.

C'è un credo dell'ospitalità francese nel resort: il personale non è mai invadente, ma presta discretamente attenzione alle tue esigenze quando si presentano. Anche il cibo è di ispirazione francese: l'ora della cena ha le aspirazioni Michelin, mescolando il pescato locale con i desideri internazionali degli ospiti. (Il cibo è in linea con l'offerta di pescato locale, ma anche il catering per il milionario esigente servendo chateaubriand.)

Obama approfitterà senza dubbio della spa del resort per massaggiare via gli otto anni di stress della Casa Bianca. La struttura è di per sé una meraviglia architettonica, modellata come nidi di uccelli sferici a grandezza umana nascosti tra le fronde della giungla intorno allo stagno interno dell'isola.

La parte migliore del resort, ovviamente, sono i dintorni naturali: una laguna incontaminata, con l'acqua dell'oceano così limpida che puoi avvistare tartarughe marine e razze che nuotano dalle tue sedie a sdraio.


I giorni passano facendo snorkeling e pagaiando con il tuo bilanciere privato e, senza un singolo ostacolo lungo l'orizzonte, i tramonti dell'isola sono così infiniti e infuocati che meritano di essere brindati con un bicchiere di champagne ogni singola notte che sei sull'isola.

L'attività migliore è il giro gratuito in motoscafo attraverso la laguna verso altri isolotti nella cintura di Tetiaroa che sono completamente incontaminati e pieni di uccelli dell'isola. L'acqua è limpida e penetrante, quasi come il latte al neon. È affascinante.

Di tutte le possibili destinazioni in cui rifugiarsi per un mese di scrittura di memorie, da un palazzo italiano a un'estancia argentina, non sorprende che Obama abbia selezionato Tetiaroa.

Sembra avere un debole per le isole private, soprattutto dopo essere stato avvistato sulla fuga privata di Richard Branson, Necker Island, all'inizio di quest'anno. E, fedele alla forma, lo stile di fuga di Obama è molto in voga nel regno del jetsetter di lusso.


Poiché l'infrastruttura continua a svilupparsi e crescere negli angoli più remoti del globo, aumentano anche le opportunità di accedere a esperienze esclusive.

Le isole private non sono più riservate esclusivamente alle star del cinema e agli ex presidenti, e non sono più isolate dalle classiche destinazioni di fuga come i Caraibi e le Maldive.

Il Mozambico, ad esempio, ha avuto un boom di soggiorni di lusso su isole private sostenuto da famoso operatore africano e non solo . Anche la prima fuga privata dell'isola del Madagascar, Miavana di Time and Tide è destinato a riorientare la bussola del lusso a giugno, quando aprirà ufficialmente le sue porte.

Mentre il cartellino del prezzo di The Brando (o una qualsiasi delle proprietà di cui sopra) non è accessibile per il Joe medio, gli scavi temporanei dell'isola di Obama hanno un prezzo competitivo se impilati contro i suoi vicini concorrenti nel mercato del lusso: le famose località di Bora Bora inclini alla luna di miele.

A 3000 euro a notte, The Brando include tutti i pasti, un po' di alcol, un massaggio al giorno, tutti gli sport non motorizzati e un'attività guidata al giorno (come una visita utile al vicino santuario degli uccelli). Durante i mesi più tranquilli (o per gli ospiti che soggiornano più a lungo come Obama) la proprietà assorbe anche il costo del volo tra le isole da Papeete.

E sebbene quei bungalow Bora Bora incollati alla bacheca Pinterest di ogni sposa abbiano una tariffa ufficiale a circa la metà del prezzo, nessuno di loro opera in uno schema all-inclusive come The Brando, quindi quelle insalate Cobb da $ 80 iniziano davvero a sommarsi velocemente.

Ci sono buone notizie per Obama se decidesse di trasformare la sua isola privata in uno stile di vita anziché in una vacanza. Pacific Beachcomber, gli stessi sviluppatori di The Brando, stanno iniziando a vendere pezzi di Tetiaroa come residenze private .

Secondo quanto riferito, la prima villa, un palazzo polinesiano con tre camere da letto, vale 6 milioni di euro. Fortunatamente per gli Obama, potrebbero comprarne uno per Sasha, Malia e ogni membro del clan Biden con i guadagni diil loro recente contratto per un libro da 60 milioni di dollari.