Perché Starbucks scioglie i cervelli conservatori?

Noi-Notizie


Perché Starbucks scioglie i cervelli conservatori?

Il rappresentante Steve King (R-IA) aveva un avvertimento importante da condividere martedì : Un manager di Starbucks nella Carolina del Nord stava licenziando dipendenti per avergli detto 'Buon Natale', un segno sicuro per lui di futura persecuzione contro i cristiani.

C'era solo un problema. Il presunto manager di Starbucks, che ha twittato dall'account @MuellerDad69, non era affatto un manager di Starbucks ma un co-conduttore del podcast umoristico mancino 'Eat The Rich'. Il tweet del carrello avrebbe dovuto essere uno scherzo ovvio. Ma King è stata l'ultima personalità conservatrice a cadere in una bufala su Starbucks e la sua presunta politica.


Durante le festività natalizie, e specialmente in un anno in cui il fondatore di Starbucks ha tentato di lanciare una campagna presidenziale, l'azienda del caffè è diventata una calamita per questioni politiche controverse. Starbucks è più di un fornitore di acqua calda di fagioli: è la tavola di famiglia dove l'America va a discutere.

Prendi le ultime settimane nei titoli di Starbucks. Alla fine di novembre, un manager di Starbucks dell'Oklahoma è stato licenziato dopo che un ufficiale di polizia ha affermato di aver ricevuto una cioccolata calda con 'maiale' stampato sull'etichetta. Il manager ha affermato l'impiegato che ha stampato l'etichetta era in realtà un amico di vecchia data dell'ufficiale e che il poliziotto le ha detto che lo scherzo era 'un grosso problema'. Quel contesto è stato omesso durante un segmento di Fox News in cui un conduttore ha ipotizzato che 'forse c'è un credo anti-forze dell'ordine' in gioco in Starbucks. La scorsa settimana, uno sceriffo della contea della California ha affermato che i baristi di Starbucks hanno ignorato un paio di agenti di polizia, spingendo lo sceriffo a twittare che 'la cultura anti-polizia ripetutamente mostrata dai dipendenti di Starbucks deve finire'. Questa settimana, è stata la partecipazione di King alla bufala 'Buon Natale'.

E tutto questo arriva in mezzo al annuale ala destra panico sul fatto che le coppe natalizie di Starbucks siano sufficientemente cristiane e se i suoi dipendenti dicono 'Buon Natale'.

Parte del problema è il ruolo di Starbucks come luogo di incontro pubblico in un Paese che investe poco nei cosiddetti 'terzi luoghi': aree di coinvolgimento della comunità al di fuori della casa o del posto di lavoro. Sebbene spazi come parchi e piazze pubbliche si adattino convenzionalmente a questo ruolo, Starbucks è un sostituto popolare, dove puoi probabilmente sederti per qualche ora senza comprare nulla. (È anche il motivo per cui Starbucks funziona di fatto come un bagno pubblico in città come New York che non investiranno in bagni pubblici utilizzabili.)


Questa idea è inserita nel modello di business di Starbucks, ha affermato Tim Calkins, professore di marketing alla Northwestern University.

'Starbucks si è sempre posizionato come una sorta di punto di riferimento per la comunità', ha detto Calkins a The Daily Beast. 'Abbiamo parlato a lungo dell'idea di un terzo posto: c'è la tua casa, c'è il tuo lavoro e poi c'è Starbucks'.

Ma quando un franchising di caffè nazionale assume i doveri di uno spazio civico, può diventare un luogo per la nostra angoscia nazionale. 'La conseguenza involontaria è che le persone sollevano molti dei problemi che stanno interessando la comunità', ha affermato Calkins. 'Vedi molti di questi problemi venire alla luce.'

Uno di questi problemi ha spinto Starbucks a mettere la sua 'politica del terzo posto' nella scrittura l'anno scorso. Sebbene le caffetterie abbiano a lungo insinuato che chiunque sia il benvenuto, una località di Filadelfia è stata accusata di profilazione razziale per aver chiamato la polizia su un paio di uomini di colore che stavano aspettando nel negozio prima di un incontro di lavoro, un incidente che ha scatenato una conversazione nazionale su razzismo.


I marchi di successo devono necessariamente affrontare un esame più approfondito, ha affermato Scott Galloway, professore di marketing alla New York University. Ma un marchio di caffè di successo può essere preso di mira in un modo in cui raramente le aziende automobilistiche di successo lo fanno.

'Il caffè è qualcosa in cui ci impegniamo ogni giorno', ha detto Galloway. “Quello che pensa Chevrolet – gli acquisti di auto avvengono ogni 5-7 anni – non fa tanto parte della nostra vita quotidiana. Abbiamo un rapporto molto più intimo con il caffè; il fatto che siamo in negozio tutti i giorni, e anche il fatto che il caffè stesso sia in qualche modo legato alla conversazione e al dialogo”.

C'è anche la questione se Starbucks sia visto come un'istituzione liberale. Il suo fondatore, Howard Schultz, ha brevemente preso in giro una corsa contro il presidente Donald Trump quest'anno. La sua promessa di aiutare l'America a 'riunirsi' rispecchiava le più alte aspirazioni di Starbucks come luogo di incontro pubblico. Ma la presa in giro per l'offerta presidenziale di Schultz assomigliava molto anche al disprezzo per alcune delle campagne liberali di Starbucks, come un piano 2017 sconsiderato far scrivere ai baristi 'corsa insieme' sulle tazzine da caffè quando volevano discutere di problemi di gara con i clienti.

Sebbene Schultz si autodefinisse un 'centrista indipendente', alcune delle sue aspirazioni anti-Trump potrebbero aver colorato le politiche di Starbucks, ha suggerito Galloway.


'Il fondatore di Dunkin [Donuts] ha e non si sta posizionando per una corsa per la presidenza', ha detto. 'Credo che il signor Schultz - e questa è la sua prerogativa - abbia voluto essere una voce attiva nel mondo del discorso politico'.

I caffè fantasiosi possono già essere codificati come liberali. Il termine “latte liberal” è stato usato per lanciare segmenti della sinistra come schizzinosi yuppies. Quando il presidente Barack Obama ha riconosciuto un marine mentre reggeva una tazza di caffè, la destra lo ha chiamato 'latte saluto' anche se il contenuto della sua tazza era sconosciuto. Lo stereotipo ha dato origine a un'industria sconcertante di marchi di caffè esplicitamente conservatori come Black Rifle Coffee Company. Quando Starbucks è stato accusato di essere anti-polizia all'inizio di quest'anno, Black Rifle si è impegnato a donare sacchetti di caffè agli agenti di polizia.

Sebbene gran parte della sua tariffa non sarebbe fuori luogo in altri fast food, Starbucks mantiene deliberatamente un'immagine di alto livello.

'Starbucks è sempre stato un luogo ambizioso', ha detto Calkins. 'Penso che le persone lo pensino per Starbucks, ma di conseguenza hanno aspettative per l'azienda. Le persone portano tutte le loro opinioni e punti di vista a Starbucks quando si presentano ogni giorno.

Il risultato è una catena di caffè onnipresente che funziona come uno spazio pubblico in tutto il paese, nonostante un'immagine percepita liberale che si scontra con la politica conservatrice di molti dei suoi clienti. È una situazione matura per le narrazioni di risentimento in stile Fox News sul repubblicano in difficoltà, costretto a sopportare la tirannia liberale ovunque si giri.

Ecco perché alcune delle più grandi controversie su Starbucks sono nate dai clienti dell'azienda. Nel 2015, un attivista conservatore ha filmato uno sproloquio sulla mancanza di immagini cristiane esplicite da parte di Starbucks nelle sue coppe natalizie, ispirando un'ondata di contraccolpo anti-Starbucks sulla destra religiosa. Significativamente sulla dipendenza apolitica da Starbucks dell'America, alcuni conservatori hanno detto hanno detto ai baristi di scrivere “Buon Natale” sulle loro tazze, ma non boicottarono l'azienda.

Il furore natalizio non si è mai completamente spento, e ora la fine di ogni anno è segnata da notizie sul fatto che le coppe natalizie di Starbucks abbiano fatto abbastanza per placare la destra cristiana. ( Nel 2017 , le tazze presentavano due mani dei cartoni che si tengono l'una contro l'altra, spingendo i punti vendita conservatori come il Blaze a chiedersi se le mani sembravano un po' troppo maschili e se Starbucks stesse promuovendo 'un'agenda gay'.)

Inevitabilmente, quelle paure sono migrate in bufale e parodie. Il tweet trolling di @MuellerDad69 ('Sono il manager di uno Starbucks a Charlotte NC. Ho informato i miei dipendenti che verranno licenziati sul posto se li sento dire 'Buon Natale' a qualsiasi cliente. Lo faccio perché Personalmente non mi piacciono i cristiani conservatori.') è stato condiviso come screenshot da un utente di Facebook conservatore con la didascalia: 'questo ragazzo odia il nostro presidente e ora sta attaccando i cristiani il cui prossimo... per favore condividi'. King ha condiviso quel post con la didascalia 'wow'.

Su Twitter, Starbucks, che non ha risposto a una richiesta di commento per questa storia, ha chiarito di non impiegare @MuellerDad69 e che il suo account era stato sospeso per essersi spacciato per barista.

Anche quando le bufale di Starbucks si rivelano false, hanno comunque trovato la loro strada su Fox News. Nel 2018, una bufala di 4chan che incoraggiava i troll a chiedere caffè gratuito per i clienti neri è stata presentata nello spettacolo in prima serata di Laura Ingraham come esempio di 'colpa liberale' e 'liberali che usano i neri'.

Ingraham ha definito lo scherzo 'così divertente'.