Perché le donne bianche continuano a farsi beccare a fingere di essere nere?

Politica


Perché le donne bianche continuano a farsi beccare a fingere di essere nere?

Mentre vivevo ancora nella casa della mia infanzia, i disoccupati dopo il college, i discorsi diurni e gli spettacoli di giochi erano la mia coperta di sicurezza. Con un po' d'erba e un sacco di tempo, sarei passato in un blocco di ore tra la tarda mattinata e la metà del pomeriggio che presentava la migliore cattiva televisione, e sonnambulismo con fame chimica al ronzio blu senza cervello di un pubblico che applaude. Dei giochi che mi sono rifiutato di perdere,Dire la veritàmi ha svegliato di più. Lo spettacolo, che ha debuttato nel 1961, ha osato un gruppo di ospiti famosi per determinare quale delle tre persone presenti era il detentore di qualche affermazione folle, lavoro impossibile o record mondiale minore. Gli altri due concorrenti erano deliberatamente bugiardi, mascherando e dirigendo male (spesso male). Fino ad ora, non mi ricordavo di aver guardatoDire la veritào perché ho insistito per programmarlo ogni giorno. Forse perché lo spettacolo era semplicistico e più che un po' stupido, è riuscito a sorprendermi. Per mezz'ora, l'inclinazione a giudicare i libri dalle copertine è stata una decisa debolezza, un bug nel nostro software preistorico. E ho sempre trovato fascino nelle storie di impostori in TV. I truffatori che hanno truffato le persone con una fortuna in carte di credito e artisti della seduzione che si sono sposati per la ricchezza e se ne sono andati mi hanno deliziato. Ho imparato che nascondersi in bella vista sarebbe sempre stata l'opzione migliore se avessi mai avuto bisogno di una Grande Fuga.Dire la veritàconteneva anche un ritornello orecchiabile che in seguito ha fornito materiale di partenza per una canzone di Eminem:

'La vera [persona in questione] si alzerà per favore?'


Nel 2015, una donna che era stata a capo del NAACP a Spokane, Washington, è stata affrontata da un querulo giornalista in missione. Quella donna, che è diventata uno zimbello nazionale e un meme sui social media, è stata, in effetti, una pioniera di un'ondata mai vista di impostori razziali. Rachel Dolezal è apparso su discorsi mattutini, notizie serali e alla fine un documentario incentrato sulle sue origini , per gentile concessione di Netflix e la curiosità non scaduta della gente . La domanda che la maggior parte di noi si è posta è stata: perché qualcuno dovrebbe fingere di essere nero? Il crudo fatto alla base della domanda è che l'oscurità è stata ritenuta così indesiderabile e così pericolosa per la vita per così tanto tempo, che richiederebbe un illogico rischio mortale per sceglierla. Dovresti essere pazzo. I neri che erano orgogliosi della loro eredità erano comunque scioccati dal suo marchio di voodoo perché sfoggiava parrucche crespi, bronzer, stampe di stoffa kente e tutto il resto. Anche se Dolezal voleva ottenere i benefici marginali dell'invischiamento nero (come intrecciare i capelli neri, come entrare nella Torre d'Avorio come 'esperto di cultura', come prendere partner neri) nessuno di questi sembrava più ricco della promessa di una vita bianca mediocre. E non aveva bisogno di fingere di essere una donna di colore per fare nulla di tutto ciò. Abbiamo visto vite bianche mediocri salire ai vertici della società in ogni epoca della civiltà occidentale e il 2015 non è stato diverso. Avrebbe potuto mangiare il suo pane di mais e anche il suo cavolo riccio.

Tuttavia, l'ironia della sua esibizione era troppo tesa per non indagare. Se Dolezal fosse apparso suDire la verità, potrebbe aver complicato il panel: 'Ciao, sono Rachel Dolezal e non sono una persona di colore... ma ne interpreto uno nella vita reale'.

Come avrebbero scelto i suoi doppelganger? Gli attori bianchi con i capelli scuri dovrebbero recitare la parte? O donne nere dalla pelle chiara che potrebbero passare per donne bianche? Il protocollo confonde.

Dolezal ha dato allo spirito del tempo un fastidioso, anche se apparentemente singolare, caso di passaggio inverso. Adesso ha compagnia. Prendi 'Jess La Bombera' come Allegato B. Il professore associato di studi africani alla George Washington University ha scioccato i suoi studenti, colleghi e il ciclo di notizie con un opaco post sulla piattaforma di blog Medium quando ha confessato di essere una donna bianca che fingeva di essere nera. Ammette a malapena di aver commesso un errore nel suo lungo saggio; è impantanato con gergo di giustizia sociale e luoghi comuni plumbei. Il suo titolo, 'The Truth and Anti-Black Violence of My Lies', caratterizza il suo stile contorto mentre la sua prosa grossa e piatta fa di tutto tranne che scusarsi. Alcuni amici della mia cerchia di primo grado in realtà si sono scusati di più con il loro pubblico per aver sottoposto i sostenitori ai commenti frequenti e controversi di Jess. Il fulcro della sua rabbia? Ha controllato chi era 'abbastanza nero' o 'abbastanza giù' da impegnarsi con un argomento o un altro. La professoressa e attivista non è riuscita a mantenere il proprio travestimento, tuttavia, lottando per ricreare un accento del Bronx destinato a pappagallo New York inflessione Latino . Mentre le immagini di Jessica Krug, il nome di battesimo di Bombera, si riversavano dentro, una sensazione di Dolezal déjà vu crestata. Non solo un'altra donna bianca si era infiltrata nei circoli sociali con poseur bravura, ma si era solo ricusata dalla nuova identità con la minaccia di essere scoperta.


Satchuel Cole di Indiana, nata Jennifer Lynn Benton, ha confessato la sua identità bianca poche settimane dopo. Quella che è iniziata come una storia locale sulla politica di Indianapolis si è laureata in Associated Press filo in due giorni. Benton ha scritto un post tortuoso sui social media con l'handle di Facebook 'Satch Paige', usando il nome di una star del baseball della Negro League. Sua inviare ha un debito con Krug's, intrecciando l'argot dell'equità sociale in un filo di inganno: 'Il mio inganno e le mie bugie hanno ferito coloro a cui tengo di più. Ho occupato spazio come persona di colore pur sapendo di essere bianca. Ho usato Blackness quando non era mio da usare. Ho chiesto supporto ed energia come persona di colore'.

La frase 'occupato spazio' sembra violenta, in effetti, poiché le sillabe ariose occupano più spazio della sostanza. Nelle loro confessioni, gli impostori sono sicuri di mescolare in tratti di 'danno' e 'guarigione' per smussare i bordi di quelle che erano semplici vecchie menzogne. Sebbene le esibizioni dalla confessione alle scuse abbiano stabilito un ritmo, non rispondono alla domanda principale del dilemma di Dolezal: perché fingere Black?

Ci deve essere un valore intrinseco e, sì, monetario per il passaggio. Se tre casi sono circolati sui feed dei social media in cinque anni, che dire che non ce ne sono altre dozzine? Il caso del dottor Kelly Kean Sharp, un attivista accademico , si è rotto mentre stavo scrivendo gli ultimi paragrafi sui primi due. Comune a queste truffe è uno spostamento intenzionale dei neri in posizioni di visibilità, influenza e potere.

Krug, Benton e Sharp combinano la pericolosa storia della cancellazione per incassare maggiori profitti personali. Il loro metodo preferito ha cambiato leggermente la carnagione, ma il danno che provocano è vecchio cappello. Le cattedre di ruolo sono i 401K e i lavori pensionistici del 21° secolo. Con un duro lavoro che sfida ogni probabilità, le donne di colore hanno fatto il pieno di fieno nell'accademia e, ovviamente, una controonda di impostori sta cercando di trarne vantaggio.