Perché non dovresti celebrare l''anima' della Pixar per avere finalmente un vantaggio nero

Intrattenimento


Perché non dovresti celebrare l''anima' della Pixar per avere finalmente un vantaggio nero

Il cinema questo Natale è stato diverso da qualsiasi cosa avessi mai visto prima. Con le uscite cinematografiche disponibili per lo streaming su richiesta a causa della pandemia, ho avuto la possibilità di guardare molte nuove uscite durante la cena e i cocktail delle vacanze, mentre la famiglia e gli amici riflettevano su come tali esperienze cinematografiche e molti altri eventi siano cambiati drasticamente quest'anno.

Ma quando ho guardatoAnima , l'ultimo film d'animazione Disney/Pixar, mi sono tristemente ricordato di quanto le cose debbano ancora andare.


Il film, ora in streaming esclusivamente su Disney+, segue le vicende di un insegnante di musica nero di una scuola media di nome Joe Gardner (doppiato da Jamie Foxx ), che è alla ricerca magica di riunire la sua anima e il suo corpo mentre il suo sogno di diventare un musicista jazz di successo decolla. Ero estasiato quando si è diffusa la notizia che questo sarebbe stato il primo film di animazione Pixar a guida nera, dopo anni in cui ci ha regalato per lo più supereroi bianchi, cowboy e oggetti inanimati.Animasembrava un passo nella giusta direzione per Hollywood, in un periodo in cui le proteste di Black Lives Matter hanno costretto l'industria ad affrontare il problema della diversità in corso e ad apportare cambiamenti immediati (come la decisione di molti doppiatori bianchi per smettere di interpretare personaggi di colore ).

L'ultimo film della Pixar è un ritorno alla forma per una società che ha costruito una reputazione per storie commoventi con un tocco creativo, ma queste storie continuano la tradizione Disney di dare ai protagonisti neri poco tempo sullo schermo poiché spesso si trasformano in un animale o qualcos'altro di umano . Se stavi cercando di guardare un Gardner molto vivace che balla al jazz per tutto il film, come suggerito in vari trailer e spot pubblicitari, indovina di nuovo. Aspettatevi di vedere un'anima senza melanina con la voce di Foxx che fluttua invece per gran parte del film; e se ciò non bastasse, il corpo di Gardner viene successivamente superato da un'altra anima, doppiata da Tina Fey, mentre Gardner assume le sembianze di un gatto). Questo è esasperante, non perché tali rappresentazioni di corpi fisici neri e marroni nell'animazione siano limitate, ma perché è stato fatto appositamente da uno degli studi più famosi al mondo.

Sono nato nel 1991, al culmine di quello che sarebbe stato conosciuto come il rinascimento Disney, una serie di musical animati di successo degli anni '90 dello studio che hanno ridefinito il genere. sono cresciuto guardandoLa bella e la bestia,Aladino,Il Re Leone,Pocahontas,Il gobbo di Notre Dame,Ercole,Mulan, eTarzan. Solo tre di quei film avevano un personaggio principale che non era bianco (Aladdin, Pocahontas e Mulan), ma comunque giocavano in rappresentazioni astoriche e/o stereotipate del loro background. Non c'erano ancora personaggi principali neri o latini che la Disney sentiva degno di un film tutto per sé, ma poi di nuovo, chi avrebbe voluto essere raffigurato sotto una lente così problematica?

Con gli aughts sono arrivati ​​segni di progresso alla House of Mouse, fino a quando non si sono rivelati vuoti gesti verso l'inclusione. Il nuovo ritmo dell'imperatore (2000) è ambientato in Perù e ha come protagonista un esilarante principe inca, Kuzco, che si trasforma rapidamente in un lama per la maggior parte del film. Lo stesso accade nel film del 2003Fratello orso, tranne che questa volta il personaggio principale Inuit di nome Kenai si trasforma in un orso 16 minuti nel film e decide di rimanere tale fino alla fine. Forse quando le cose sono finalmente peggiorate è stato nel 2009, quando lo studio ha presentato al mondo la sua prima principessa Disney nera, Tiana, inLa principessa e il ranocchio. Dopo 30 minuti passati a regalarci fascino, grazia e un numero musicale mozzafiato ('Almost There' è una delle canzoni Disney più sottovalutate), la principessa Disney più vibrante che abbiamo visto da anni si trasforma in una rana per la maggior parte dei la pellicola. Anche se la caratteristica animata di successo, proprio comeIl nuovo ritmo dell'imperatoreeFratello orso, avrebbe ottenuto il plauso della critica e le nomination all'Oscar, il pubblico è stato nuovamente privato della possibilità di vedere un personaggio animato a tutti gli effetti di colore sul grande schermo.


A seguireLa principessa e il ranocchio, la Disney è tornata praticamente al bianco negli anni 2010, quando una serie di film d'animazione incentrati su personaggi bianchi e trame che erano molto più sicuri e in linea con la loro epoca rinascimentale di successo (film comeaggrovigliato, Frozen, Frozen II, e quelliToy Storysequel, per citarne alcuni). SebbeneMoana(2016) incentrato su una principessa polinesiana che ha mantenuto intatte le sue membra per l'intero film, quando Disney/Pixar ha finalmente deciso di darci un personaggio da protagonista latinx inNoce di cocco(2017), si sarebbe trasformato in uno scheletro mentre si riuniva con i morti, che erano anche un gruppo di scheletri Latinx.

Il che ci porta alla fine del decennio e all'occasione persa che è stataAnima-un promemoria che i principali personaggi animati di colore non sono ancora desiderati dagli studi per interpretare gli umani. Quando è già abbastanza difficile trovare protagonisti neri nei film teatrali dal vivo, assistere a un tale razzismo sistemico che continua nell'animazione a questo punto è devastante. La situazione è diventata così grave che attualmente c'è un La petizione di Change.org con oltre 2.500 firme che invitano gli studi di animazione a 'STOP all'animazione trope che disumanizza i personaggi neri'. Per l'industria di continuare questo modello di personaggi di colore che sono tutt'altro che umani, indipendentemente dal fatto che Black A-lister li abbia doppiato (ancora incazzato che Blue Sky Studios avesse Will Smith che esprimeva una spia nera che si trasforma in un piccione di New York nel 2019Spie sotto mentite spoglie), spoglia le persone di colore della nostra umanità. La ferita è più profonda sapendo che per le generazioni più giovani, questi film d'animazione saranno le loro prime esperienze con il cinema nel suo insieme.Piuttosto la prima impressione.

'Perché l'industria continui questo modello di personaggi di colore che sono tutt'altro che umani, indipendentemente dal fatto che il Black A-lister li esprima ... spoglia le persone di colore della nostra umanità.'

Ancora oggi invidio il modo in cui i fratelli più giovani hanno avuto un'esperienza che io non ho mai avuto quando hanno guardato il 2018 Spider Man: Into the Spider-Verse . Per la prima volta, hanno potuto vedere un personaggio di spicco animato di colore nero trasformarsi in un amato supereroe senza espedienti o piccole modifiche. Significava qualcosa per loro vedere Miles, un adolescente afro-latino, interagire con le forze dell'ordine, avere i capelli che sembravano i loro e ascoltare una colonna sonora con artisti hip-hop che apprezzavano. La stessa sensazione potrebbe essere provata con l'uscita del cortometraggio animato vincitore dell'Oscar 2019 di Matthew Cherryamore per i capelli,che ci ha dato un adorabile duo nero padre/figlia che ha affrontato amorevolmente sforzi pelosi.

Mentre la rappresentazione è importante, il modo in cui tali immagini di personaggi diversi sono rappresentate nei film è ancora più importante. Le persone di colore non solo meritano la rappresentazione audio nel cinema d'animazione, ma anche il tempo a schermo intero nei loro corpi completi. Vedere personaggi di colore sul grande schermo significa umanizzarli proprio come tutti gli altri. Voglio vederli piangere, ridere ed emozionare con le carnagioni più scure. Non dovrebbe essere chiedere troppo a questo punto.


Il compianto Walt Disney una volta disse che 'l'animazione offre un mezzo di narrazione e intrattenimento visivo che può portare piacere e informazioni a persone di tutte le età in tutto il mondo'. Mentre ci dirigiamo verso il nuovo decennio, spero solo che Hollywood riconosca finalmente che un tale mezzo dovrebbe includere personaggi neri e marroni nella loro completa pienezza con le loro anime e corpi intatti.