La produttrice di 'Zack Snyder's Justice League' Deborah Snyder parla di Joss Whedon, dei fan DC e della 'gioia' della chiusura

Intrattenimento


La produttrice di 'Zack Snyder's Justice League' Deborah Snyder parla di Joss Whedon, dei fan DC e della 'gioia' della chiusura

Alla fine di Justice League di Zack Snyder , sullo schermo viene visualizzata una dedica. 'For Autumn', si legge come una cover elegiaca di 'Hallelujah' di Leonard Cohen, della cantante Allison Crowe, si gonfia nei titoli di coda. È un addio alla figlia adottiva del regista, Autumn Snyder, che amava la fantascienza e le storie di supereroi e la considerava la sua canzone preferita.

Come produttrice del film - e come moglie di Zack e matrigna di Autumn - Deborah Snyder aveva ascoltato la registrazione diverse volte prima che lei e suo marito si sedessero a guardare il film, tutte e quattro le ore, per la prima volta. Gli Snyders avevano parlato all'infinito della versione della canzone di Crowe durante la produzione nell'ultimo anno. Avevano visto anche il film a pezzi innumerevoli volte. Fino a sole due settimane prima del suo debutto su HBO Max, erano impegnati nella messa a punto di mix sonori e gradazione dei colori per le diverse versioni tecniche necessarie per lo streaming.


Ma alla fine guardare insieme il culmine del loro lavoro ha evocato sentimenti che Snyder non si aspettava. Quattro anni dopo che il peso della morte per suicidio di Autumn è diventato troppo per bilanciare le esigenze di un set cinematografico di successo, qui la coppia si è seduta a guardare una versione ancora più grandiosa della storia che avevano deciso di raccontare, con il nome di Autumn che abbelliva il finale portafoto. 'Ti colpisce in questo modo molto viscerale', ricorda Snyder. Il loro film su dei e supereroi livellati dal dolore e inciampando verso il ripristino emotivo non può fare a meno di 'risuonare in modo diverso per noi' ora, dice. 'Abbiamo fatto un bel viaggio personalmente.'

Snyder sta parlando dal suo ufficio di casa a Los Angeles, dove Wonder Woman stessa veglia alle sue spalle. ('Non è un giocattolo', ride Snyder, voltandosi verso il Batman contro Superman-era maquette dal costumista Michael Wilkinson.) Quando parliamo, il 'Snyder Cut' diLega della Giustiziamancano solo nove giorni all'uscita, anche se un problema tecnico di HBO Max ha appena consentito una visione anticipata a sorpresa ad alcuni che si sono iscritti per una notte di live-actionTom & Jerry.

Che un singhiozzo così surreale sia a malapena una nota a piè di pagina nella storia del percorso del film sullo schermo è una misura di quanto sia stato complicato. Ma Snyder non sembra preoccupato: 'Sono solo entusiasta che le persone lo vedano. Ci sono voluti così tanti anni di lavoro'.

Sono passati infatti 11 anni da quando gli Snyder hanno iniziato a lavorare con la Warner Bros. allo sviluppo e alla guida dell'universo dei supereroi DC Comics, e quattro anni da quando l'uscita nelle sale diLega della Giustizia .Il film che è arrivato nelle sale, trascinato al traguardo tramite le riprese diI Vendicatoriil regista Joss Whedon, venne considerato un 'Frankensteiniano' fallimento commerciale e critico. Snyder ha guardato il prodotto finale senza suo marito. 'Vederlo essere così diverso dall'intenzione originale del film è stato molto difficile', ricorda.


“È stato difficile perché sei coinvolto emotivamente. Ecco perché ho detto a Zack, 'Non vederlo mai'', dice. 'Perché penso che come regista ancor più che come produttore, soprattutto il modo in cui Zack fa i film, è molto personale'.

La coppia aveva sviluppato i personaggi del film, li aveva scelti, ci aveva dedicato anni e 'anima e cuore'. Era diventata una passione continua. “Siamo sposati, quindi non c'è mai stato come, oh, abbiamo smesso di parlarne. Si confonde nella vita di tutti i giorni', dice. 'E poi scatti tutto e non puoi completarlo.'

Andarsene per concentrarsi sugli altri cinque figli e sul proprio dolore per due anni “è stata la decisione giusta da prendere per noi. Ma è stata una decisione difficile». All'epoca sembrava definitivo. “Quando siamo partiti, siamo partiti. Non stavamo, sai, controllando. No. Sono andati e hanno fatto quello che dovevano fare. '

Annuncio pubblicitario

IlLega della Giustiziasecondo quanto riferito, il set è cambiato drasticamente dopo la partenza degli Snyders. Ray Fisher, che interpreta l'eroe Cyborg inLega della Giustizia, è stato il primo a parlare tre anni dopo l'uscita del film, accusando Whedon di comportamento 'grossolano, offensivo, non professionale e completamente inaccettabile'. (WarnerMedia ha condotto un''indagine interna' nel 2020; si è conclusa con la vaga promessa di ' azioni correttive ' essere preso.)


Le accuse di Fisher non sono state una sorpresa per Snyder: poco prima dell'uscita del film, ha riferito di un 'incidente' alla Warner Bros. che ha coinvolto Whedon e qualcun altro sul set. Lei non posso dire chi ha coinvolto o come è stato 'risolto in modo che la persona fosse felice'. Ma sulla scia di a calcolo della carriera per Whedon, con attori e scrittori con cui ha lavorato nei decenni passati seguendo l'esempio di Fisher e parlando del suo presunto comportamento tossico sul set, Snyder ammette che l'afflusso di testimonianze è stato 'sconvolgente'.

“Combatto sempre per avere più donne sui set. E come imprenditore, è importante creare un'atmosfera sicura e creativa, sai?' lei dice. “Le persone devono essere responsabili delle loro azioni e sento che sta iniziando a succedere. Ma penso anche che ci voglia molto coraggio per farsi avanti e raccontare la tua storia. Rispetto davvero Ray e tutte le persone che si sono fatte avanti perché le loro verità sono importanti. È una cosa difficile da fare'.

“Rispetto davvero Ray e tutte le persone che si sono fatte avanti perché le loro verità sono importanti. È una cosa difficile da fare'.

Justice League di Zack Snyderil viaggio di 's sullo schermo è stato irto di segnalazioni di comportamenti tossici, sia dentro che fuori dal set. La campagna sui social media guidata dai fan per ripristinare il filmato originale, non Whedon in uno 'Snyder Cut' ha guadagnato un peso senza precedenti negli anni successiviLega della Giustizial'uscita nelle sale. Ha richiesto e, incredibilmente, ha persuaso con successo la Warner Bros. a rilasciare il film come previsto dagli Snyder, anche se spesso attraverso mezzi controversi.

Alcuni dei personaggi più accesi dietro la spinta a #ReleasetheSnyderCut erano bulli online, dirigendo torrenti di ostilità verso giornalisti cinematografici e spettatori che osavano esprimere disgusto per qualsiasi aspetto del DCEU, lo stile di produzione di Snyders o la stessa tossicità. Snyder trova il loro comportamento deludente, in parte perché 'so cosa vuol dire' essere dal lato destinatario degli attacchi online.


Annuncio pubblicitario

'A seguito diBvS, avevamo persone che amavano davvero il film e odiavano davvero il film, ea volte sarebbe stato molto personale', dice. “Non ti può piacere qualcosa. Puoi avere un disaccordo su qualcosa. Ma sono solo gli attacchi personali e arrivare in quel modo, non è accettabile. So che c'era una contingenza di fan' il cui comportamento era fuori controllo, dice. 'Ma non credo che fosse la maggioranza'.

Indica il buon lavoro dei fan di Snyder come prova: loro raccolto $ 500.000 e contando per la Fondazione americana per la prevenzione del suicidio. La campagna pagina di destinazione contiene parole commoventi sul tardo autunno Snyder, scritte da sua sorella Olivia: “L'autunno era come la luna. Audace, misterioso e bello. Così inconsapevole del potere e dell'impatto che aveva. Ma, circondato dall'oscurità.”

Ripristinare ed espandere la loro visione perLega della Giustiziasi è rivelato catartico per gli Snyder dopo aver perso così tanto, anche se il dolore è tutt'altro che un viaggio semplice. 'È divertente. Per quanto abbia aiutato a guarire, ha anche tirato fuori molto', ricorda Snyder. 'È stato molto emozionante, l'intero processo'.

HBO Max

Non era solo il cinema in sé, o la storia degli eroi che imparavano a vivere di nuovo dopo una perdita insondabile. 'Era una cosa che stava guarendo', dice. 'Ma anche, penso, parlare pubblicamente della sua morte e parlare di salute mentale e prevenzione del suicidio, puoi solo sperare che tocchi qualcuno'.

'È stato un momento molto difficile nella vita della nostra famiglia', dice. Vuole che 'gli altri sappiano che c'è aiuto là fuori. Perché non so se lo sapevamo davvero. Penseresti che l'avremmo fatto, ma non l'abbiamo fatto'.

Annuncio pubblicitario

“Quindi in questo modo, penso che fare qualcosa di buono, non la farà mai tornare. Ma in un certo senso, è qualcosa che...” Si ferma, cercando le parole. 'Suoqualcosa.'

Essere un produttore suLega della Giustiziaall'inizio significava le solite responsabilità: supportare il regista e la sua visione. Budgeting. Negoziare accordi di casting con gli agenti. Facendo da tramite con lo studio. E dirigere la produzione verso la puntualità e il budget.

Ricostruire un film che quasi ma non è mai esistito con filmati vecchi di anni, musica ed effetti visivi incompiuti, costumi disintegrati, modelli scomparsi e un cast e una troupe ora sparsi su diversi progetti in tutto il mondo, il tutto in mezzo a una pandemia globale? 'Era tutto un altro animale', ricorda Snyder.

La Warner Bros. ha contattato gli Snyder per pubblicare la propria versione del film su HBO Max mesi prima che un annuncio del maggio 2020 annunciasse il film al mondo. Per un po' ciò ha significato lavorarci in segreto. 'Perché non vuoi che le persone si alzino le speranze se [Warner Bros.] non lo ha fatto.'

“Il nostro supervisore agli effetti visivi era impegnato in un altro spettacolo. Quindi nel suo tempo libero nei fine settimana o a tarda notte, veniva ad aiutarci a capire quali effetti erano stati fatti e cosa doveva essere rifatto.

Ci sono voluti i creativi e la troupe del film che si sono fatti in quattro per realizzare l'epopea di quattro ore. 'Il nostro supervisore agli effetti visivi era impegnato in un altro spettacolo', afferma Snyder. 'Quindi nel suo tempo libero nei fine settimana o a tarda notte, veniva ad aiutarci a capire quali effetti erano stati fatti e cosa doveva essere rifatto'.

Annuncio pubblicitario

Il compositore Tom Holkenborg, alias Junkie XL, ha avuto notizie ancora meno incoraggianti: non era mai andato molto lontano con la colonna sonora, e infatti aveva usato parte di ciò che aveva in un altro film a un certo punto. 'Quindi abbiamo dovuto ricominciare da capo', dice Snyder. 'Avevamo un sacco di temi e un paio di pezzi, ma non li avevamo orchestrati'.

Ciò è arrivato con i suoi ostacoli: 'Non abbiamo potuto fare un'intera orchestra allo stesso tempo' a causa del COVID e i realizzatori non hanno potuto recarsi in Inghilterra per ascoltare la colonna sonora di persona. Invece, i musicisti si sono separati in gruppi più piccoli e hanno registrato uno alla volta mentre i realizzatori hanno monitorato il processo tramite un feed dal vivo.

Whedon aveva scartato e rigirato gran parte del filmato originale di Zack Snyder, ma questo si è rivelato un lato positivo per l'assemblaggio diZSJL. Sono stati necessari solo tre giorni di fotografie aggiuntive, per una scena che Zack aveva sperato di girare per anni: una scena di Batman/Joker.

HBO Max

Arriva nell'epilogo del film, in un'altra delle preveggenti allucinazioni di Batman. In un post-apocalisse in cui Darkseid governa la Terra, The Flash (Ezra Miller), Bruce Wayne (Ben Affleck), Deathstroke (Joe Manganiello), Queen Mera (Amber Heard), Cyborg e lo stesso Clown Prince of Crime, ripreso da Jared Leto, raccogli per quella che sembra essere, ovviamente, una difficile alleanza contro un nemico comune: un malvagio Superman.

La scena, per quanto breve, ha richiesto una ripresa complicata. Aveva bisogno di molti effetti visivi. Gli attori della scena erano sparsi in tutto il mondo. 'E abbiamo avuto una crisi di tempo', ricorda Snyder. “Quindi è stato impegnativo. Ezra Miller era attivoAnimali fantastici, quindi abbiamo chiesto alla troupe di girare la sua parte contro il green screen e Zack lo ha diretto tramite Zoom'.

Annuncio pubblicitario

I super-abiti degli attori, nel frattempo, avevano perso il loro splendore. “Sono in lattice ed erano seduti lì da un paio d'anni e si stavano disintegrando e cadendo a pezzi. Quindi li stavamo sistemando sul set e tipo, sai, queste sono cose con cui normalmente non devi avere a che fare come produttore', ride Snyder. “Ma per quanto sia stato impegnativo, è stato esaltante.”

Per i detrattori, la durata di quattro ore del film può sembrare eccessiva. Ma per Snyder ogni minuto è necessario. 'Affinché tu possa preoccuparti dei personaggi alla fine, devi davvero capire chi sono, quali sono state le loro difficoltà, cosa hanno superato e su cosa stanno ancora lavorando', dice, 'e siamo davvero in grado di farlo in questa versione del film'.

La fine del film ha portato una sensazione oltre la catarsi. Snyder odiava “lasciare in sospeso i personaggi. Anche se hanno finito la versione teatrale, non era proprio quella la storia che stavamo cercando di raccontare'.

'Arrivare nel luogo in cui stavamo cercando di arrivare e che non avremmo mai pensato di poter raggiungere', e finire il film alle loro condizioni e dedicarlo all'autunno, dice Snyder, ha portato 'un certo senso di chiusura . C'è un certo senso di gioia. Ma è più di una semplice chiusura. Ci si sente davveroBuono. '

Se sei in crisi, chiama la National Suicide Prevention Lifeline al numero 1-800-273-TALK (8255) o contatta la Crisis Text Line inviando un SMS a TALK al 741741.